Tecniche di riconoscimento dei legni

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Quando si deve comprare un particolare mobile oppure bisogna provvedere al suo restauro il riconoscimento dei legni è un aspetto fondamentale. Infatti, in questo modo è possibile individuare la tipologia del pezzo che manca oppure determinare il valore e la sua origine. Per eseguire questa operazione si possono utilizzare diverse tecniche. Leggendo questo tutorial si possono avere delle corrette informazioni sulle tecniche di riconoscimento dei legni.

25

Riconoscimento del colore

Uno dei procedimenti maggiormente usati è quello del riconoscimento del colore. La maggior parte dei legni hanno una tonalità giallina o marroncina. Per altre tipologie il colore è unico e si può riconoscere facilmente, ad esempio l'ebano nero, l'acero o il limone si avvicinano al bianco, il bosso al giallo avorio, il ciliegio sull'arancione, il mogano sul rosso, l'amaranto è viola. L'età del legno, la parte del tronco che è stata utilizzata e la zona di crescita sono gli aspetti che determinano le tonalità.

35

Andatura delle fibre

Se si hanno delle incertezze sul colore l'andatura delle fibre è fondamentale. Ad esempio il rosso del mogano è costituito da fibre uguali, al contrario del ciliegio che ha fibre differenti. Si può visionare la presenza di nodi in un pino o un cirmolo che invece è quasi del tutto assente nel mogano o in una quercia. Le conifere sono caratterizzate da un'andatura delle fibre zebrata con fibre sottili e scure, chiare e morbide. Inoltre, non bisogna sottovalutare la dimensione; nell'acero sono molto piccole, nel platano ancor di meno, nel faggio medie, nel rovere cominciano ad ingrandirsi e nel leggio sono molto grandi.

Continua la lettura
45

Riconoscimento dell'aroma

Anche l'aroma è importante per riconoscere le specie; esso però è presente in pochi legni. Ad esempio l'ulivo o il tek conservano la fragranza delle oleoresine nei secoli; i pini rilasciano le resine anche dopo tantissimi anni dal loro abbattimento ed hanno un odore particolarmente percettibile. Altri tipi di legni come il bois de rose, la canfora, il sandalo, l'eucalipto generano delle essenze profumate che si dissolvono nell'aria; esse vengono utilizzate anche nelle industrie per realizzare i profumi.

55

Utilizzo del martello

Infine, per misurare la durezza si può ricorrere all'utilizzo di uno strumento come un martello. Infatti, con il suo utilizzo si può confrontare la differenza del danno che il legno tollera. In questo modo si può notare la scarsa durezza dei legni come il balsa, l'abete, il cirmolo ed il pino. Il rovere ed il noce hanno una discreta durezza; l'acero, il faggio ed il palissandro hanno una buona durezza, mentre l'ebano ha un'ottima resistenza.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arredamento

Come arredare casa con i legni chiari

Il legno è un materiale molto resistente e particolarmente apprezzato per arredare la propria casa. Infatti, esso si adatta adeguatamente a tutti gli ambienti e a tutti gli stili, da quelli più tradizionali a quelli più moderni. Il colore del legno...
Arredamento

Come arredare con legni chiari

Per arredare la propria casa ci sono diversi stili che vanno dall'antico al moderno, ma hanno caratteristiche, materiali e colori diversi. Molti sono amanti dei mobili di colore chiaro, in quanto fanno sembrare una stanza più luminosa, spaziosa ed ordinata....
Arredamento

Come Riconoscere I Mobili Antichi Autentici In Stile Adam

Gli elementi che compongono l'arredamento di un appartamento deve necessariamente avere una certa coerenza stilistica. Infatti esistono diverse tipologie e stili di arredamento che possiamo utilizzare per dare un certo stile agli ambienti della nostra...
Arredamento

Come arredare una casa con mobili d'epoca

Ci sono moltissimi modi diversi per arredare una casa, dai moderni design che prediligono materiali come l'acciaio, fino ai mobili d'epoca, realizzati in legno massello, dall'aspetto robusto e maestoso. I mobili d'epoca però non devono necessariamente...
Arredamento

Come scegliere il legno giusto del parquet

Ecco un'interessante guida, attraverso il cui aiuto poter imparare come e cosa fare per scegliere nella maniera corretta, il legno giusto del parquet. Avere un parquet in casa, è il sogno ed anche il desiderio di molte persone e grazie a questa semplice...
Arredamento

Come scegliere il legno dei mobili

Il legno e i suoi derivati sono i materiali più usati per fare i mobili, per cui in commercio si trova di tutto, anche oggetti apparentemente belli e resistenti, che però sono ottenuti con impasti e miscele di varietà più o meno scadente. Il prezzo...
Arredamento

Come Riconoscere E Ambientare I Mobili In Stile Luigi Xv

Il regno di Luigi XV è ben diverso del precedente, meno maestoso, meno cortigiano e formale, reinventa Versailles, dove per anni, sotto la reggenza la corte non aveva più vissuto. Questo con il periodo del trionfo rococò, il classicismo dalle linee...
Arredamento

Come decappare uno scrittoio

Per dare nuovo carattere e vitalità all'arredamento non sempre è necessario acquistare nuovi mobili. Alcuni di essi reggono bene lo scorrere del tempo, restando brillanti e solidi. Altri, invece, possono logorarsi più facilmente. In questi casi, sembra...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.