Tatami: usi e manutenzione

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I tatami aiutano a pulire l'aria assorbendo biossido di azoto nella stanza. Sono anche igroscopici perché favoriscono l’assorbimento dell'umidità quando è molto elevata e lo scarico naturale quando l'aria è secca. Il tatami agisce quindi come un isolante mantenendo la camera fresca in estate e calda in inverno. I migliori sono realizzati in base a specifiche caratteristiche di produzione giapponese. Vediamo in questa guida quali sono gli usi e come fare la manutenzione ai tatami.

26

Occorrente

  • Aceto bianco e acqua
  • Ovatta
  • Olio paglierino
  • Vaporizzatore per moquette
36

Il tatami è la tradizionale pavimentazione giapponese

Con tatami si indica la tradizionale pavimentazione giapponese, o il singolo pannello che la compone, composto da diversi strati di paglia di riso rivestita in giunco. Tra questi strati c'è dell'aria che non è influenzata dalla temperatura esterna. I tatami in commercio, nella parte superiore, sono rivestiti da un doppio strato di tessuto giapponese (igusa) molto simile all’erba del prato. La paglia di riempimento del riso viene naturalmente essiccata per un anno e cotta a temperature molto elevate per eliminare i parassiti e gli acari, praticamente sterilizzandolo totalmente. Ogni tatami è cucito insieme con un bordo di tessuto di cotone bianco ed ancorato con spago di natura organica.

46

Tenere sempre asciutto ed evitare le muffe

I tatami sono di colore verde, poi man mano che si essiccano, assumono una colorazione marrone. Per prolungare la vita del vostro tatami, bisogna tenerlo innanzitutto sempre asciutto per evitare muffe e se è possibile, bisogna rimuovere le stuoie almeno ogni tre mesi e lasciarle asciugare al sole per un’intero pomeriggio. Se il clima è umido, un deumidificatore nella stanza sarà in grado di asciugarlo e se tenuto costantemente attivo, risulta utile per evitare l’accumulo di umidità. Per preservare un tappeto tatami, conviene sempre togliere le scarpe prima di salire su di esso. Se si utilizza un materasso sulla parte superiore del tatami, questo va periodicamente rimosso, arieggiato e girato. Per rinfrescare e proteggere i tatami qualunque sia il loro uso, (materassi o tappeti), conviene girarlo in continuazione per evitare l’usura sempre nello stesso punto. Per la pulizia generale di un tatami invece è necessario utilizzare un panno umido. Non bisogna mai usare detergenti aggressivi o abrasivi che potrebbero danneggiarne la superficie.

Continua la lettura
56

Pulirlo almeno sei mesi con dell'ovatta

Quando un materasso o dei tappeti tatami sono particolarmente sporchi, la pulizia avviene con acqua e sapone neutro, ma la somministrazione dei liquidi conviene farla con un vaporizzatore del tipo utilizzato per sanificare la moquette. Un altro sistema per tenere il tatami sempre in condizioni ottimali è quello di pulirlo almeno ogni sei mesi con un batuffolo di ovatta imbevuta in olio paglierino, che oltre ad essere nutriente ed ammorbidente dona anche tanta lucentezza.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arredamento

Porta a scrigno: consigli di manutenzione

Se intendiamo ristrutturare la nostra casa e corredarla di porte interne ed esterne di tipo a scrigno, è importante sapere che si tratta di strutture che richiedono periodicamente alcuni interventi di manutenzione. Le operazioni nello specifico, prevedono...
Arredamento

5 idee creative per arredare la sala da pranzo in stile orientale

Arredare casa è un compito per nulla facile e con cui, prima o poi, dovrai confrontarti. Arredare la propria casa seguendo i propri gusti, le proprie tendenze e le proprie aspirazioni è un qualcosa che nessun altro può fare al tuo posto, nemmeno un...
Arredamento

Come arredare in stile Japan

Riuscire ad arredare la propria abitazione nello stile Japan potrebbe sembrare abbastanza facile, vista la quasi totale assenza dei beni mobili e dei suppellettili che richiede. In realtà, lo stile Japan presenta alcune difficoltà, perché i giapponesi...
Arredamento

Come arredare il soggiorno in stile giapponese

Lo stile giapponese si contraddistingue per l'utilizzo di materiali naturali come il legno di ciliegio o di bambù. Si cerca di scegliere colori, forme e materiali dell'arredamento seguendo gli elementi della linea delle energie come acqua, legno, fuoco,...
Arredamento

Come arredare la camera da letto in stile orientale

Se vogliamo arredare la nostra camera da letto in stile orientale, se amiamo le filosofie che lo caratterizzano e vogliamo ottenere un ottimo effetto visivo ed un ambiente comodo e rilassante da vivere, allora questa breve guida farà al caso nostro....
Arredamento

Come arredare un appartamento con un design contemporaneo

Con la vita frenetica di tutti i giorni, molte giovani coppie, prediligono ambienti giovani, pratici, alla moda e ricercati, sicuramente un arredamento di design; per una casa moderna, funzionale ma al tempo stesso contraddistinta da uno stile unico,...
Arredamento

Come arredare il giardino con i vecchi bancali

Tutti noi vorremmo avere un giardino sempre in ordine e ben curato, che rispecchi un po' le nostre idee e dove trascorrere del tempo in totale relax. Avere un giardino è un'ottima soluzione per passare del tempo all'aria aperta e sfruttare uno spazio...
Arredamento

Come arredare una stanza in stile zen

Lo stile zen, nell'ambito dell'arredamento, si manifesta attraverso una serie di scelte che portano le stanze ad essere in armonia con l'ambiente, favorendo il rilassamento di chi vi risiede. Ordine geometrico, linearità, forme pulite sono esempi di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.