Suggerimenti di pittura per esterni

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Le pareti esterne sono sottoposte, inevitabilmente, all'azione di agenti atmosferici come la pioggia, il vento o la neve che causano il degradarsi della pittura che le ricopre. Proprio per questo motivo, la pittura per esterni è differente da quella per gli interni poiché dovrà avere una resistenza maggiore alle intemperie. Effettuare una verniciatura esterna di solito non è difficile, ma può richiedere anche molto tempo, soprattutto se non si eseguono le fasi di preparazione. In questa guida vi forniremo alcuni suggerimenti per farlo al meglio.

25

Procurarsi l'occorrente

Un passaggio preliminare molto importante è quello di assicurarvi di lavorare in completa sicurezza. A seconda della grandezza dell'edificio, dovrete raggiungere diverse altezze. Per farlo senza il rischio di cadute, è bene che preferiate alle classiche scale un ponteggio apposito che potrete noleggiare presso un cantiere edile. Procuratevi il caschetto, guanti, occhialini e mascherina da indossare prima di passare alla verniciatura per proteggervi dalle esalazioni nocive della pittura.

35

Scegliere il periodo e la pittura adatta

Un consiglio importante è stare attenti al periodo in cui scegliete di fare il lavoro. Una temperatura troppo calda o troppo fredda potrebbe creare una falsa lucentezza della pittura, così da farvi sprecare tempo e denaro. È consigliabile farlo agli inizi della primavera. Quando aquistate il colore per le vostre pareti orientatevi verso pitture che non siano a basso costo ma che siano adatte a resistere alle alte come alle basse temperature. Armatevi di raschietto e spazzola e iniziate a raschiare tutto l'intonaco malandato dalle pareti, con una particolare attenzione ai davanzali e alle superfici orizzontali.

Continua la lettura
45

Stuccare i fori

Dopo aver effettuato la spazzolatura delle pareti per rimuovere le impurità, dovete stuccare gli eventuali fori per ottenere una base uniforme sulla quale andare a verniciare. Procedete, ora, in base al tipo di finitura che avete scelto. Se volete una finitura liscia stendete una mano di fondo diluito con acqua. Una volta essiccata potete passare due mani di idropittura a distanza di 4 o 5 ore almeno l'una dall'altra. Se avete optato per una finitura graffiata o buccellata applicate prima una mano di isolante fissativo per plastici e, dopo 24 ore, procedete con le due mani di pittura al quarzo. È bene che il tipo di finitura venga scelto a priori in modo da scegliere il tipo di base e di pittura adatte al risultato che vorrete ottenere. L'ultimo consiglio è di utilizzare una pennellessa per ottenere un risultato piú raffinato.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Esterni

Come Sistemare Le Scale Per La Pittura In Esterni

Molto spesso, per poter effettuare qualunque attività lavorativa all'esterno di un determinato fabbricato, che sia una villa, un appartamento, o una villetta a schiera, è sempre necessario il possedimento di una scala. In questa semplice e rapida guida...
Esterni

Guida ai pavimenti per esterni

Capita alle volte di dover dare una bella sistemata alla propria abitazione, rinnovando magari qualche parte ormai rovinata dal tempo, o di eseguire dei lavori straordinari di manutenzione e provvedere così a sostituire alcuni pezzi. Molto spesso l'esterno...
Esterni

Come calcolare il costo della pittura esterna

La pittura esterna svolge un importante ruolo protettivo ed estetico, infatti esalta maggiormente la bellezza di ogni casam rendendola ordinata e rifinita. In passato per dipingere le facciate dei palazzi si utilizzavano quasi sempre dei colori classici,...
Esterni

Come scegliere gli arredi per esterni

Gli arredi per esterni creano delle atmosfere magiche e ci permettono di condividere le zone più interessanti della nostra casa con le persone per noi più importanti. Sono prodotti che possono essere realizzati con tantissimi materiale diversi, venduti...
Esterni

Come pulire le piastrelle in porfido per esterni

Tra i vari materiali impiegati per pavimentare le superfici esterne, il porfido (una varietà di roccia di origine vulcanica) viene spesso preferito ad altre tipologie di pietre per i suoi numerosi vantaggi. La sua elevata resistenza gli permette di sopportare...
Esterni

Come riscaldare gli ambienti esterni

Godersi gli ambienti della propria casa è molto importante. Molto spesso però non vengono tenuti in considerazioni gli ambienti esterni, soprattutto durante i mesi un po' più freddi. Per ovviare tale problematica fortunatamente esistono degli strumenti...
Esterni

Come applicare la resina per pavimenti esterni

Molto spesso, dopo aver fatto lavori di ristrutturazione interni, ci si rende conto di come i pavimenti esterni stonino con quelli interni. I motivi possono essere diversi: per il colore, per il modello, oppure semplicemente perché c'è grosso distacco...
Esterni

Come scegliere i tessuti per esterni

Quando si arreda una casa, è sempre meglio lasciare poco o niente al caso. Per fare questo, uno degli aspetti da tenere presente è quello di prestare la stessa attenzione che si ha per gli interni anche per gli spazi esterni presenti nella proprietà....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.