Le alternative al comune sale da cucina

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

In cucina si utilizzano molteplici spezie per la preparazione di piatti squisiti. Le spezie che possiamo trovare nella dispensa della nostra cucina, sono tantissime. Ad esempio la paprika, lo zenzero, il pepe, il peperoncino, il rosmarino, la noce moscata, il timo, e soprattutto il sale. Il sale difatti rappresenta l'ingrediente più utilizzato nella preparazione della pasta e dei sughi. Questo perché da al gusto un tocco di gusto. Ma è risaputo che è meglio evitare di alimentarci con il sale da cucina. Infatti fa male allo stomaco e aumenta la quantità di calcio. Ma soprattutto il sale, è la causa dell'aumento di peso. In questa guida semplice e veloce, vedremo le alternative al comune sale da cucina.

25

La prima alternativa: il gomasio, dal giapponese "goma" che significa sesamo e "shio", che appunto è sale. Come indica l'etimologia della parola, questa sana alternativa al sale, si compone di semi di sesamo tostato, mischiati a sale marino. L'olio contenuto nei semi di sesamo, non permette al sale di assorbire troppa acqua. Quindi al tempo stesso gli permette di assorbire dalle cellule solo in caso che esse ne abbiano bisogno. Il gomasio viene usato per condire esattamente come useremo il comune sale. Quest'ultimo rappresenta un ottimo alleato per chi vuole restare in forma senza rinunciare al gusto.

35

Le alternative al comune sale da cucina: il sale rosa dell'Himalaya. Questo sale dal particolare colore rosa è un sale minerale puro, cioè non trattato. Esso non essendo un sale raffinato, mantiene tutte le proprietà nutritive e moltissimi oligo elementi utili al nostro organismo. Esso deve il suo particolare colore all'alto contenuto di ferro e viene dall'Oriente, come indica il nome dalle montagne himalayane. Il sale rosa è particolarmente adatto nelle diete povere di sodio, non altera e copre il sapore del cibo, è facilmente assimilabile dall'intestino.

Continua la lettura
45

Le alternative al comune sale da cucina: il sale nero delle Hawaii. Questo particolare sale, deve la sua colorazione agli elementi di origine vulcanica che lo compongono. Infatti, gli abitanti delle isole Hawaii, lavorano questo sale con lava vulcanica ed elementi carbonici, che lo rendono un alimento curativo. Esso infatti, ha proprietà disintossicanti; ha un sapore amaro ed è ideale specialmente per condire il pesce e la carne. In ultimo tra le alternative al comune sale da cucina, troviamo il sale marino integrale. In questa guida semplicissima e breve, abbiamo visto le varie alternative al comune sale da cucina.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non esagerate con il consumo di alimenti che contengono il sale: come gli insaccati e i prodotti preconfezionati.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come usare il sale nella lavastoviglie

Si sa che lavare i piatti non è un compito particolarmente interessante e divertente, ma è una faccenda che, volente o nolente, prima o poi va fatta se non volete rischiare di rimanere senza stoviglie su cui poter mangiare. Fortunatamente, grazie all'arrivo...
Economia Domestica

Come conservare il sale

Il sale, chimicamente parlando, è un composto cristallino a base di cloruro di sodio, reperibile in natura e di uso molto comune; tra i suoi utilizzi più diffusi, ricordiamo l’esaltazione dei sapori delle pietanze e la conservazione degli alimenti...
Economia Domestica

Come conservare i cibi sotto sale

Il sale è un prodotto naturale, sia marino che terrestre (sale di montagna), che si presta a diversi usi in svariati ambienti, nel condimento di cibi, nella medicina alternativa, nel trattamento estetico. È in cucina, tuttavia, che il sale esprime tutto...
Economia Domestica

Come conservare il prezzemolo sotto sale

Il prezzemolo è uno dei tanti aromi che vengono utilizzati di frequente in cucina. Serve per completare il gusto di certe pietanze, come per esempio, carne e pesce, ma anche per alcune verdure come i pomodori ripieni e così via. Il prezzemolo può essere...
Economia Domestica

Come conservare i funghi sotto sale

Dopo aver raccolto i funghi selvatici, sorge il problema di come conservarli, specie se il raccolto è piuttosto grande. Ci sono diversi metodi diversi per preservare i funghi, i quali vengono conservati per estendere la loro durata. I funghi freschi,...
Economia Domestica

Come conservare le erbe aromatiche sotto sale

Come vedremo nel corso di questo tutorial dedicato alla cucina e al fai da te, le erbe aromatiche possono essere conservate in una moltitudine di modi, utilizzando come base l'aceto, l'olio e persino il sale. Si tratta di modi diversi ma tutti efficaci...
Economia Domestica

Alternative all'antifurto per la casa

Proteggere casa e tenerla al sicuro da eventuali "ospiti indesiderati" i cosiddetti ladri, è sempre stata una delle preoccupazioni e priorità maggiori della popolazione comune. Nella guida che potete leggere qui di seguito, vi elencheremo, con un accurata...
Economia Domestica

Come conservare la verza sotto sale

Esistono varie modalità per la conservazione dei cibi, uno tra questi è quello sotto sale: è un metodo molto antico, utilizzato da centinaia e centinaia di anni. Nell'antichità, quando ancora non esistevano apparati refrigeranti, la conservazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.