La classificazione dei rifiuti

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

In un tempo in cui il corretto smaltimento dei rifiuti è un argomento assolutamente fondamentale per garantire un rispetto della natura che permetta di star bene in salute anche all'uomo e agli animali che abitano la terra, conoscere la classificazione dei rifiuti risulta essenziale. Se ognuno di noi sa riconoscere e classificare i rifiuti, possiamo collaborare e contribuire a curare la nostra terra e l'aria che respiriamo nel migliore dei modi. In questa guida ci occuperemo proprio di vedere e conoscere come classificare i rifiuti.

26

Classificazione generale dei rifiuti

Prima di andarli a conoscere nel dettaglio, bisogna specificare che i rifiuti si possono classificare in quattro gruppi fondamentali, ovvero i cosiddetti "Rifiuti urbani", i "Rifiuti speciali", con i conseguenti "Rifiuti urbani pericolosi" e infine i "Rifiuti speciali pericolosi". Detto questo possiamo andarli a conoscere nello specifico.

36

Rifiuti urbani

La maggiore quantità dei rifiuti fa parte dei cosiddetti rifiuti urbani. Fanno parte di questa categoria tutti quei rifiuti che provengono dallo smaltimento di immondizia casalinga di ogni genere e natura, da tutto lo smaltimento del materiale proveniente dallo spazzamento delle strade e, naturalmente dallo smaltimento proveniente dallo smaltimento di materiale organico (prettamente vegetale) delle aree verdi.

Continua la lettura
46

Rifiuti speciali

Ai rifiuti urbani si contrappongono i rifiuti speciali che consistono in tutti quei rifiuti provenienti dallo smaltimento di materiali da parte delle aziende, sia liquidi che solidi, e dallo smaltimento di materiali da parte delle attività commerciali, ma anche di uso casalingo (vedi i macchinari ormai in disusi come lavatrici, elettrodomestici vari).

56

RUP

Con il termine RUP vengono indicati i Rifiuti Urbani Pericolosi, ovvero tutti quei rifiuti domestici che devono essere smaltiti con la massima accuratezza poiché contenenti degli ingredienti (o materiali) molto pericolosi se dispersi in natura o se gettati con gli altri rifiuti ordinari. Si tratta, nello specifico di rifiuti come le pile (batterie di tutte le dimensioni) e medicinali, sia liquidi che solidi.

66

Rifiuti speciali pericolosi

Infine possiamo passare alla classificazione dei rifiuti speciali pericolosi. Si tratta di rifiuti che contengono delle sostanze altamente inquinanti e che, quindi, devono essere smaltite in maniera assolutamente accurata e attenta. Nello specifico, fanno parte di questa categoria i rifiuti provenienti dalle seguenti attività: raffinazione del petrolio, oli esauriti, impianti dei trattamenti dei rifiuti, industria fotografica, processi chimici.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come riciclare i rifiuti della cucina

In ogni casa l'ambiente riservato alla cucina è quello dove si vive di più e pertanto è il luogo dove si producono molti rifiuti, soprattutto se si tratta di una famiglia numerosa. Ormai da diversi anni i vari comuni italiani si stanno attrezzando...
Economia Domestica

Rifiuti domestici: 10 consigli per ridurli

Ognuno di noi nel proprio piccolo, attraverso semplici gesti quotidiani, puó contribuire a preservare le preziose risorse naturali del nostro pianeta riducendo gli sprechi. Senza pretendere di arrivare a condurre una vita ad impatto zero, possiamo contribuire...
Economia Domestica

10 consigli per imparare a buttare i rifiuti

Imparare a gettare i rifiuti che produciamo è una cosa più importante di quel che crediamo. Fare la raccolta differenziata finalizzata al riciclaggio dovrebbe essere una buona abitudine, un gesto di rispetto nei confronti dell'ambiente che ci circonda,...
Economia Domestica

Inceneritore e termovalorizzatore: le differenze

Grazie al supporto della tecnologia moderna, sono stati messi a punto sofisticati impianti industriali automatizzati per il corretto smaltimento dei rifiuti. Le tipologie dei sistemi atti a tale scopo sono gli inceneritori e i termovalorizzatori. Entrambi...
Economia Domestica

Termovalorizzatore: come funziona

Da qualche decennio, sono state avviate diverse pratiche per smaltire parte dei nostri rifiuti: essi rappresentano tutte le sostanze risultanti dallo scarto o dall'avanzo delle diverse attività umane. Lo smaltimento per termodistruzione consiste nel...
Economia Domestica

10 regole per ridurre la produzione di spazzatura

Per contribuire alla salvaguardia del mondo in cui viviamo, ognuno di noi dovrebbe prestare maggiore attenzione nell'evitare il più possibile di creare spazzatura e rifiuti che danneggiano l'ambiente. Nella seguente guida, attraverso una serie di utili...
Economia Domestica

10 consigli per fare il compostaggio domestico

Per compostaggio si intende quel particolare processo con il quale vengono smaltiti i rifiuti solidi urbani con conseguente creazione di speciali fertilizzanti. Tale processo avviene grazie al funzionamento di una cosiddetta compostiera (o compostatore),...
Economia Domestica

10 buoni motivi per fare la raccolta differenziata

La raccolta differenziata è ormai presente in quasi tutti i comuni italiani. A volte funziona con il sistema porta-a-porta, altre volte invece ci sono i diversi cassonetti per strada. Spesso rispettare le differenze tra i vari materiali non è facile....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.