Inceneritore e termovalorizzatore: le differenze

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Grazie al supporto della tecnologia moderna, sono stati messi a punto sofisticati impianti industriali automatizzati per il corretto smaltimento dei rifiuti. Le tipologie dei sistemi atti a tale scopo sono gli inceneritori e i termovalorizzatori. Entrambi prevedono un processo di combustione dei rifiuti solidi urbani ma con finalità diverse. Per ridurre l'impatto ambientale e salvaguardare il futuro del nostro pianeta, gli impianti sono stati dotati di particolari tecnologie che consentono un sensibile abbattimento degli effluvi inquinanti rilasciati nell'atmosfera durante la combustione. In questa guida saranno indicate le principali differenze tra inceneritore e termovalorizzatore, ricordando che per una corretta gestione dei rifiuti le parole d'ordine sono due: raccolta differenziata e riciclo del rifiuto.

25

L'inceneritore

L’inceneritore è progettato per eliminare i rifiuti solidi attraverso la combustione. Questo impianto di smaltimento è stato messo messo sotto accusa a causa dei gas inquinanti che si liberano durante il processo di combustione. Si ritiene, quindi, che dal punto di vista della sicurezza ambientale e della salute pubblica questo apparato industriale di smaltimento sia poco affidabile. Tuttavia, occorre precisare che esistono in merito delle norme rigorose e collaudi preliminari al fine di monitorare l’emissione dei gas e garantire uno smaltimento in tutta sicurezza.

35

Smaltimento con un inceneritore

Chiaramente, i rifiuti destinati ad essere smaltiti mediante un inceneritore vengono scrupolosamente selezionati attraverso la raccolta differenziata. In una fase successiva, sono rimossi alcuni materiali come la plastica o i liquidi industriali che, a contatto con il fuoco, generano sostanze nocive. Considerati i fumi inquinanti liberati durante il processo, i responsabili dell’impianto devono monitorarlo costantemente ed assicurarsi che i filtri siano perfettamente funzionanti. Gli inceneritori sono per lo più impiegati per lo smaltimento dei rifiuti aziendali e delle strutture ospedaliere.

Continua la lettura
45

I termovalorizzatori

Per liberare le città dalla morsa dei rifiuti, nel totale rispetto dell'ambiente e dell'ecosistema, sono sempre più impiegati i termovalorizzatori che sfruttano le potenzialità energetiche connesse al processo della combustione. In sostanza, si tratta di un impianto molto simile al primo, ma con la differenza che i vapori, generati dalla combustione dei rifiuti, vengono convogliati attraverso un selettivo processo chimico computerizzato in un impianto supplementare che consente la produzione di energia elettrica. Tutto ciò permette un significativo risparmio sulle bollette energetiche delle persone che risiedono nei luoghi adiacenti all'ubicazione del termovalorizzatore.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come scegliere una termostufa

Quando iniziate ad avvertire la necessità di scegliere ed acquistare una termostufa per la vostra casa, dovete fare molta attenzione a quelli che sono i consumi del combustibile e i relativi costi. La scelta è principalmente circoscritta a quella che...
Economia Domestica

10 buoni motivi per fare la raccolta differenziata

La raccolta differenziata è ormai presente in quasi tutti i comuni italiani. A volte funziona con il sistema porta-a-porta, altre volte invece ci sono i diversi cassonetti per strada. Spesso rispettare le differenze tra i vari materiali non è facile....
Economia Domestica

Come determinare la quantità di cellulosa necessaria per l'isolamento termico

Quando si parla di isolamento termico o coibentazione, in termini più scientifici, si sta facendo riferimento a un escamotage che si utilizza in edilizia per ridurre il calore che viene scambiato tra due corpi con temperature diverse, ad esempio un edificio...
Economia Domestica

Come risparmiare con i led

Le bollette delle utenze domestiche sono ormai il caruccio di tutte le famiglie e per correre ai ripari e pagare bollette meno salate è necessario trovare delle armi per fargli fronte. Sfatando alcuni miti sul risparmio energetico e cercando invece di...
Economia Domestica

Come scegliere le stufe elettriche per risparmiare

L'utilizzo di una stufa elettrica per riscaldarsi è un sistema non molto economico, ma coloro che non possono farne a meno, attualmente, sono avvantaggiati rispetto al passato. Infatti, prima si poteva acquistare soltanto la classica stufa, che però...
Economia Domestica

Guida alla casa domotica

L'idea della "casa domotica" fa subito venire in mente un'abitazione futuristica in cui robot altamente tecnologici ci preparano il caffè e ci servono da bere. Questa è certamente una visione ironica, ma pur sempre veritiera, di ciò che ci attende...
Economia Domestica

Come fare economia sulla spesa

Siamo in un'epoca di profonda crisi. Per migliorare la condizione generale della finanza personale, bisogna capire i metodi per fare economia sulla spesa, ma non solo. Spendere meno soldi può risultare fondamentale in ogni elemento. Se si risparmia sulle...
Economia Domestica

Le migliori stufe a pellet

Le stufe a pellet costituiscono un sistema di riscaldamento più economico rispetto ad analoghi dispositivi. La materia prima, il pellet, si ottiene dagli scarti della lavorazione del legno. Si tratta di una sostanza completamente ecologica e naturale....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.