Il segreto del compost

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Chi ha un grande terreno o una grande campagna, conoscerà sicuramente il compost. Il compost o terricciato, non è altro che un insieme di residui organici sia di potatura sia di scarti di cucina, che viene ridotto in sostanza "composta" attraverso un processo naturale. Mettendo insieme materiale organico, è possibile creare una sostanza di colore scuro che si riduce in sostanza organica grazie alla presenza di fondi e di microorganismi. Si tratta di un processo comunissimo di decomposizione, che richiede qualche mese di tempo, ma che necessità di alcune condizioni ottimali per diventare terriccio fertile. In questa guida troverete il segreto giusto per produrre un perfetto compost.

27

Occorrente

  • Contenitore in plastica o legno
  • Concime
  • Setaccio
37

Inserire elementi ricchi di carbonio

Per creare un compost perfetto, è innanzitutto indispensabile utilizzare molti elementi vegetali o di altro tipo ricchi di carbonio. Potete tranquillamente utilizzare materiali organici come ad esempio fogli di carta di giornale, foglie secche di qualsiasi tipologia di pianta, pannocchie o erba secca. Questi elementi organici, sono ricchi di carbonio, quindi costituiscono una ricchissima fonte importante di energetica per tutti gli organismi decompositori come ad esempio vermi, formiche, millepiedi e animali di ogni tipo che nascono e crescono nel compost. Solitamente gli elementi ricchi di carbonio, assumono un colore molto scuro all'interno della compostiera e sono fondamentali per questo naturale processo.

47

Utilizzare materiali pieni di azoto

Oltre ai materiali pieni di carbonio, è indispensabile anche inserire tutti gli elementi ricchi di azoto. Anche in questo caso potete selezionare elementi come piante, foglie verdi, residui di potatura di qualsiasi tipologia di pianta, erba verde appena potata o qualsiasi tipo di materiale organico prodotto in casa come ad esempio bucce di frutta, gusci d'uovo, fondi di caffè ecc.. La materia prodotta da questi elementi, è fondamentale per dare la giusta quantità di azoto al compost. Ogni materiale organico come questo, favorirà iIl processo di decomposizione grazie proprio alle materie ricche di azoto chiamate sostanze umide e molli.

Continua la lettura
57

Introdurre acqua e ossigeno

Le prime fasi della decomposizione, prevedono una iniziale fase di fermentazione, una successiva fase di maturazione e l'ultima fase di decomposizione prodotta proprio dai microrganismi presenti sul terriccio. È importante quindi introdurre sempre la giusta quantità di acqua e di ossigeno all'interno del compost. Dovrete quindi scuotere tutto il materiale che dovrà decomporsi ogni settimana, per permettere all'aria di entrare all'interno del terriccio. È fondamentale anche mantenere sempre umido il compost coprendolo con appositi tessuti e aggiungendo una piccola quantità d'acqua di tanto in tanto.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Utilizzate sempre dei contenitori forati.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Esterni

Come manutenere il giardino di casa

Una delle cose peggiori che possono accadere nel nostro giardino è quando una pianta si ammala. Come è successo? Si diffonderà? Tutte le nostre piante moriranno? La cosa più importante da capire sulla prevenzione delle malattie è quello che è chiamato...
Esterni

Come coltivare i cetrioli in vaso

Se sei un amante del pollice verde e desideri scoprire come sia possibile coltivare gli ortaggi in vaso autonomamente, ti consiglio di seguire con pazienza i suggerimenti di questo tutorial, in quanto ti fornirò preziosi consigli su come in particolare...
Esterni

Come coltivare il mais in piccoli spazi

Il granoturco, chiamato anche mais, è una pianta tropicale originaria di Cuba. Le prime coltivazioni di questa pianta risalgono all'epoca preistorica. La sua nomenclatura binomiale è Zea Mays ed il suo utilizzo si è diffuso nel Vecchio Continente nel...
Esterni

5 idee fuori dal comune per arredare la camera dei bambini

Come vedremo nel corso di questa guida dedicata all'arredamento della casa, con un po' d'impegno e un minimo di fantasia è possibile arredare la camera dei bambini in modo originale ed elegante, senza investire cifre economiche esagerate e soprattutto...
Esterni

Come concimare una siepe

Quando si scelgono le piante per abbellire uno spazio esterno, per coprire aree che confinano tra un'abitazione e l'altra o spazi verdi poco delineati, spesso si utilizzano le siepi. Le siepi non sono altro che degli arbusti sempreverdi, che possono assumere...
Esterni

Come creare delle aiuole sul terrazzo

Chi ama le piante sa benissimo che hanno la necessità di essere periodicamente curate, e se viene eseguito un buon lavoro possono diventare un ottimo complemento d'arredo sia all'interno che all'esterno dell'abitazione. In quest'ultimo caso se si tratta...
Esterni

Come costruire una capanna

Quando si ha uno spazio a disposizione, che sia un grande giardino o un bel terrazzo, o semplicemente ci si ritrova in un bosco e si ha necessità di ripararsi, essere capaci di realizzare da soli un rifugio può rivelarsi molto utile. Questa attività,...
Esterni

Come arredare il giardino in stile arabo

Possedete un giardino e siete alla ricerca di qualche idea originale su come arredarlo? Una buona soluzione potrebbe essere quella di organizzarlo seguendo lo stile arabo. Uno stile in cui trame preziose, raffinatezza e buon gusto si sublimano per dare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.