Guida alla pulizia delle posate in argento

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Le posate in argento, sono sicuramente degli accessori che consentono di abbellire ed arricchire una bella tavola imbandita specialmente in occasione di qualche cena speciale. Tali stoviglie, pur essendo molto ambite ed apprezzate, vengono poco utilizzate e la causa è sicuramente da ricercare nel tipo di materiale in cui vengono realizzate. L'argento infatti, risulta molto difficile da pulire e da mantenere sempre lucido. Inoltre, per la pulizia di queste stoviglie, non possiamo avvalerci dell'uso della lavastoviglie inquanto i detersivi usati per il lavaggio, potrebbero lasciare delle macchie sulle posate. Nei passi successivi, troverete una guida semplice ed efficace alla pulizia delle posate in argento.

25

Occorrente

  • Panno di lana
  • Prodotto specifico per Argento
  • Batuffolo di Cotone
  • Sapone di Marsiglia
35

Pulizia

Il miglior prodotto disponibile in commercio per pulire le posate in argento, è senza dubbio il sapone di Marsiglia. Tale detersivo è facilmente reperibile ed è un prodotto assolutamente innocuo per la nostra pelle e per l'ambiente a differenza dei comuni detersivi per piatti. Per provvedere alla pulizia delle posate in argento, scegliete il sapone in scaglie o la comune saponetta per essere sicuri dell'autenticità del prodotto. Lavate le stoviglie sfregando leggermente ogni pezzo, per eliminare ogni traccia di sporco e ossidazione. Ripetete l'operazione più volte nel corso dell'anno soprattutto se non usate spesso questo servizio in argento.

45

Asciugatura e lucidatura

Dopo aver provveduto ad insaponare per bene ogni stoviglia, risciacquate abbondantemente con un panno morbido. Procuratevi di un prodotto specifico per lucidare gli oggetti in argento e con un batuffolo di ovatta, lucidate ogni singolo pezzo in argento senza premere troppo per non graffiare. Quindi mettete letteralmente in pratica le indicazioni della guida.

Continua la lettura
55

Ultimi consigli

A questo punto, munitevi di un panno di lana ed eliminate ogni eccesso di lucidante dalle posate in argento. E doveroso sottolineare che dovrete rimuovere qualsiasi traccia di prodotto tossico dalle stoviglie, altrimenti non potreste usarle per mangiare. A questo punto, le vostre posate in argento sono pronte per essere messe in tavola! Se invece decidete di conservarle perché al momento non vi servono, scegliete un posto asciutto. L'umidità favorisce il processo di ossidazione che causa le macchie sulle posate. Ricordate infine, che malgrado non siate abituati, sfoderare un servizio in argento in occasioni importanti, dà alla vostra tavola un tocco di classe ed eleganza!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come pulire e sterilizzare piatti e posate

Durante la vita di tutti i giorni utilizziamo più volte le stoviglie. Piatti, posate e bicchieri sono oggetti immancabili in casa. Sono necessari per mangiare in tranquillità e sicurezza, mantenendo alta l'igiene. Trattandosi di utensili per il cibo...
Economia Domestica

Come eliminare le macchie dalle posate d’acciaio con i rimedi naturali

Nelle cucine italiane l'acciaio, come ben sappiamo, è il materiale maggiormente impiegato per quanto riguarda stoviglie e utensili per cucina; perciò è nel nostro interesse cercare di mantenerli al meglio, per poterli usare nel migliore dei modi. Quante...
Pulizia della Casa

Come pulire le posate ossidate

Se si tiene a fare bella figura durante un pranzo o una cena importante, anche l'estetica della tavola deve essere tenuta in grande considerazione. Anche per ciò che riguarda il grado di pulizia e di brillantezza delle posate. Le classiche in argento...
Pulizia della Casa

Come lavare le posate di ottone

L'ottone è una lega metallica composta da rame e zinco. È un metallo robusto e viene utilizzato in svariati contesti, vista la sua resistenza alla corrosione. Troviamo l'ottone nei complementi d'arredo, nelle maniglie delle porte, a volte viene utilizzato...
Economia Domestica

Come organizzare le stoviglie di casa

La cucina è la zona della casa che maggiormente utilizziamo nel corso della giornata. Preparare i pasti è infatti essenziale per la nostra sopravvivenza. Ciò comporta l'uso di tanti utensili da cucina, elettrodomestici e detergenti per l'igiene della...
Pulizia della Casa

Consigli per la pulizia e cura delle posate

Se si utilizzano cucchiai e forchette tutti i giorni, non è una sorpresa se dopo un po’ perdono la loro lucentezza. Lo sporco, le impronte delle dita o residui di goccioline d'acqua potrebbero essere la fonte del problema. Ecco alcuni consigli...
Pulizia della Casa

Come pulire le posate in acciaio

Le posate moderne sono realizzate in acciaio inossidabile, un materiale che resiste nel tempo senza reagire alle condizioni esterne di umidità, oppure di corrosione. Alle volte, può capitare di avere in casa delle vecchie posate d'acciaio normale, non...
Pulizia della Casa

Come lavare le posate in rame

Il rame è un metallo che tende facilmente all'ossidazione. È per questo motivo che può presentare sulla sua superficie quella fastidiosa patinata che lo rende vecchio e poco gradevole alla vista. Per ovviare a tale inconveniente, bisogna ricorrere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.