Errori da evitare nel togliere la ruggine da un cancello

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se il cancello di ingresso della nostra casa o del giardino si presenta molto arrugginito, possiamo intervenire per eliminare l'inconveniente, e poi eventualmente decidere se lasciarlo con la sua vernice originale oppure tinteggiarlo. A prescindere dalla decisione finale, ecco una lista con gli errori da evitare nel togliere la ruggine da un cancello.

26

Utilizzare abrasivi spessi

Se dunque il cancello si presenta con macchie di ruggine ed incrostazioni sparse a macchia di leopardo, ma tutto sommato il resto della struttura è ancora intatta, possiamo soltanto rimuovere la ruggine, senza però utilizzare abrasivi molto spessi, che oltre a tirare via la vernice, asportano anche lo stato inferiore di antiruggine, per cui la parte deve poi necessariamente essere protetta. In questo caso, si può utilizzare acqua e una tela abrasiva a grana sottile o una spazzola di metallo, in modo da asportare solo la ruggine, lasciando intatti entrambi gli strati di vernice originali.

36

Dipingere sopra la ruggine

Un altro errore da non commettere è quello di dipingere sopra la ruggine, poiché con il passar del tempo la nuova vernice viene contaminata, diventa bollata e si scrosta definitivamente dal cancello, compresa la parte sottostante di antiruggine. Soltanto dopo l'eliminazione, possiamo utilizzare della vernice oppure del flatting, per rendere la parte idrorepellente e quindi a prova di ruggine.

Continua la lettura
46

Usare acidi troppo aggressivi

Per eliminare la ruggine, in commercio ci sono degli acidi specifici che l'aggrediscono, la cristallizzano e la rendono facilmente asportabile. L'errore da evitare è invece quello di utilizzare acidi troppo aggressivi come ad esempio quello muriatico, che penetra nei pori e rischia di danneggiare le fibre ferrose. Un'alternativa ai prodotti chimici è senza dubbio l'aceto misto a sale, che pulisce e disincrosta, senza rilasciare sostanze corrosive.

56

Grattare con lame

Sempre in proiezione futura, quindi per evitare di tinteggiare per intero il cancello, non bisogna assolutamente utilizzare delle lame per grattare, poiché con la crosta si asporta anche la vernice sottostante. In alternativa, è molto valida la pagliuzza di ferro sottile, che riesce a svolgere una leggera azione disincrostante e nel contempo se utilizzata con della pasta abrasiva per auto, stende il colore originale, sopperendo alla mancanza di vernice che la ruggine ha intaccato.

66

Utilizzare olio per motore

Per ravvivare un cancello in ferro, specie se di tipo battuto, l'olio oltre ad essere valido per renderlo lucido, svolge anche una funzione protettiva dall'acqua e quindi dalla ruggine, ma l'operazione va fatta soltanto alla fine e mai per rimuoverla. Se infatti, utilizziamo l'olio per motore si rischia di creare una sorta di collante, che tende a far peggiorare lo stato della ruggine, rendendola rigida e più difficile da asportare. Dell'olio lubrificante più fluido e di tipo minerale, come ad esempio quello per macchine da scrivere o per una cucitrice, è sicuramente più adatto poiché meno appiccicoso.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come riparare la fotocellula del cancello automatico

Negli ultimi vent'anni i sistemi di automatismo pe cancelli hanno fatto grandi passi in avanti ed oggi sono presenti sul mercato numerosi dispositivi, molto compatti ed efficienti. Tuttavia non sono esenti da criticità, problemi o guasti. Nel caso in...
Ristrutturazione

Come riparare i buchi creati dalla ruggine

La ruggine causa molti danni difficili da riparare, specie se non trattata in tempo. Colpisce principalmente superfici in ferro e metallo. Quando si ossida, può provocare buchi ed escoriazioni più o meno grandi. In questa pratica guida vedremo come...
Ristrutturazione

Come togliere il calcare dal soffione

Senza dubbio, capita molto spesso che il soffione della doccia inizi a non funzionare più bene. Il problema di quest'ultimo potrebbe essere un'ammasso eccessivo di calcare che ostruisce l'uscita dell'acqua dai fori. Naturalmente se il soffione non è...
Ristrutturazione

Come togliere la colla per piastrelle dall'intonaco

In questa guida vedremo come togliere la colla per piastrelle dall'intonaco in caso di ristrutturazione della nostra casa. Un lavoretto fai da te facile e veloce da realizzare senza alcuna spesa eccessiva e, soprattutto, senza danneggiare lo stesso intonaco...
Ristrutturazione

Come togliere l'intonaco da una volta

Nelle case più antiche, può capitare di trovare un soffitto a volta e di volerlo riportare al suo iniziale splendore, rimuovendo l'eventuale intonaco che lo ricopre. Per tale ragione, nei passi a seguire, vi fornirò alcuni utili consigli su come togliere...
Ristrutturazione

Come togliere piccoli graffi dalle mura

Pochi mesi dopo aver imbiancato totalmente la propria abitazione, potrebbe succedere di trovare dei piccoli segni sui muri provocati dal manico della scopa, dallo stendibiancheria oppure da matite e pennarelli adoperati dai bambini per giocare. Nei seguenti...
Ristrutturazione

Come togliere la carta da parati

Stanchi delle vostre pareti piene di carta da parati ormai vecchia e piena di bolle o piccoli strappi fastidiosi e brutti da vedere? In questa breve e semplice guida vi spiegherò, passo dopo passo, come togliere la vostra vecchia carta da parati per...
Ristrutturazione

Come dipingere una superficie in ferro

Con il passar del tempo, a causa della pioggia e del vento, le parti in ferro delle proprie abitazioni esposte alle intemperie, subiscono processi di ossidazione e invecchiamento. Se, a causa del degrado, dal punto di vista estetico, il ferro vecchio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.