Eliminare da vestiti e tovaglie le macchie più ostinate

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Prima di intraprendere una lotta corpo a corpo con una macchia difficile, riflettete: se agite d’impulso correte il rischio di fissarla in modo indelebile, rovinando per sempre l’amato capo. Meglio fare tesoro dei consigli della nonna, quei trucchetti che le massaie si tramandavano di generazione in generazione, perché spesso funzionano meglio di qualsiasi additivo chimico. Vediamo insieme come eliminare da vestiti e tovaglie le macchie piú ostinate, ricorrendo ai rimedi adeguati, caso per caso e dando la preferenza a quelli ecologici.

28

Occorrente

  • sapone di marsiglia
  • ammoniaca
  • succo di limone
  • sale
  • aceto bianco
  • trielina o altro solvente
  • perborato
  • alcool o acqua ossigenata
38

Agire con celeritá e discernimento

Il primo accorgimento in caso di patacca è identificare subito di cosa si tratta; quindi dovete leggere l'etichetta e verificare la composizione del tessuto che andrete a trattare. Esistono rimedi differenti a seconda della natura della macchia e della tipologia di stoffa su cui agire. Di fondamentale importanza, per ottenere un buon risultato, è trattare la macchia immediatamente, senza darle il tempo di penetrare nella trama del tessuto. Stendete l’indumento o la tovaglia al rovescio su una superficie pulita ed asciugate la zona imbrattata con carta assorbente da cucina. Tamponate delicatamente dal bordo esterno verso l’interno, per evitare di espandere gli aloni. Un primo provvedimento consiste nel picchiettare la macchia con acqua fredda frizzante: potrebbe non bastare ma sicuramente non fa danni. Qualora non dovesse funzionare, vediamo come provvedere caso per caso.

48

Trattare le macchie di frutta, ruggine, inchistro, erba

Macchie di succhi di frutta, frutta ed altri vegetali, ruggine, inchiostro si eliminano cospargendole con sale fino e succo di limone. Spazzolatele delicatamente con uno spazzolino da denti, lasciate agire per qualche minuto, sciacquate con acqua fredda, quindi mettete in lavatrice. Se non dovesse servire, provate con una soluzione a base di aceto di vino bianco ed acqua, ottimo anche per eliminare ogni traccia di sudore e per toglierne il cattivo odore. Le macchie di erba si possono sconfiggere con un batuffolo imbevuto di alcool puro o acqua ossigenata.

Continua la lettura
58

Trattare le macchie di sangue, muffa, bruciature, vino, cera, terra, unto

Sangue, muffa, bruciature, vino rosso si puliscono strofinando con sale grosso. Per le macchie di cera dovete dapprima prelevare i residui raschiando, poi mettere la parte macchiata tra due fogli di carta assorbente e passare il ferro da stiro. Anche le patacche di terra e fango vanno fatte dapprima seccare, quindi spazzolate per asportare a secco la maggior quantitá possibile di sporcizia. Per trattare le macchie ostinate di grasso ed unto dovete cospargerle con farina o borotalco; lasciate che questi ingredienti assorbano la componente grassa, poi spazzolate. Dopo ogni procedimento procedete al lavaggio in lavatrice.

68

Trattare le macchie organiche e di cioccolato

Per le macchie organiche di cui non conoscete l'origine, l’ammoniaca rappresenta un buon rimedio; va sempre usata diluita con acqua e risciacquata immediatamente. È da preferirsi alla candeggina, che tende a corrodere e scolorire i tessuti. Anche il classico ammollo puó essere efficace: ad esempio contro le patacche di cioccolato, se eseguito in acqua molto calda cui avrete aggiunto il perborato. Ma, a seconda della tipologia di tessuto e della macchia da trattare, potrebbe anche risultare deleterio e fissare la macchia: ad esempio con il sangue. Leggete attentamente le istruzioni sull'etichetta dell'indumento o della tovaglia.

78

Trattare le macchie con metodi piú aggressivi

Diamo una scorsa anche ai metodi piú aggressivi. A mali estremi, estremi rimedi. Solventi quali trielina ed acetone funzionano bene sulle macchie di resina. La benzina è efficace contro il catrame. In commercio troverete poi un'infinitá di smacchiatori spray, liquidi o in polvere, pre-trattanti da applicare direttamente sulla macchia prima del lavaggio o da aggiungere al ciclo della lavatrice. Ne esistono di specifici per ruggine, unto, inchiostro, tanto per fare qualche esempio e di generici, adatti alla maggior parte delle macchie piú comuni. Se proprio non sapete cosa fare, prima di rovinare un capo delicato cui tenete, rivolgetevi ad una tintoria specializzata: un lavaggio chimico potrebbe essere la soluzione.

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non siate troppo energici nello strofinare i capi: potreste danneggiare i tessuti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come pulire le tovaglie di plastica

Le tovaglie di plastica sono davvero utili in quanto fanno in modo che il tavolo, in fase di utilizzo, non si sporchi con le bibite e gli alimenti e nel contempo lo difende da possibili graffi. Il loro uso è ideale in casa ed, in modo particolare, quando...
Pulizia della Casa

Come smacchiare le tovaglie in lavatrice

Le tovaglie sono soggette a sporcarsi continuamente a causa della caduta accidentale di svariati prodotti; infatti, in tavola capita sempre che si rovesci il vino, il caffè, il sugo di pomodoro e condimenti in genere. In queste condizioni, si vengono...
Pulizia della Casa

Macchie ostinate sulle pentole: consigli

A volte per lavare e igienizzare pentole e padelle non basta il semplice detersivo per piatti, togliere le macchie ostinate risulta una cosa difficilissima e i prodotti costosi non sempre riescono a risolvere il problema.Qui di seguito vi proponiamo alcuni...
Pulizia della Casa

Macchie ostinate sul marmo: errori da non commettere

Se in casa abbiamo un marmo, magari antico ed appoggiato su un mobile pregiato, per rimuovere delle macchie ostinate ci sono degli errori da non commettere, poiché non solo finirebbero per peggiorare ulteriormente la situazione, ma il rischio è di...
Pulizia della Casa

Macchie ostinate sulle piastrelle: consigli

Se nell'ambiente cucina ed in particolare all'altezza dei fornelli abbiamo una superficie piastrellata, è concreto il rischio di trovare periodicamente delle macchie ostili difficili da rimuovere. In riferimento a ciò, è tuttavia importante sottolineare...
Economia Domestica

Come rimuovere le macchie d'inchiostro dai mobili

Le macchie d’inchiostro sono piuttosto difficili da rimuovere su quasi tutte le tipologie di superfici. Chi ha a che fare con bambini piccoli sa bene cosa voglia dire avere il tavolo in legno di salotto pieno di tracce di penna biro, o il mobile di...
Economia Domestica

Come scegliere una tovaglia antimacchia

La casa rappresenta un luogo dove sentirsi a proprio agio. Infatti le varie stanze vengono abbellite in base ai propri gusti personali. Per sistemare le stanze, possiamo ispirarci ad uno stile in particolare. Come ad esempio lo stile classico, moderno,...
Economia Domestica

Come fare il bucato con l'acqua fredda

Fare il bucato a volte può essere tutt'altro che semplice, soprattutto quando si tratta di scegliere la giusta temperatura dell'acqua. Sarà capitato a tutti di mettere in lavatrice una camicia bianca e ritrovarsela dopo il lavaggio di un altro colore,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.