Come verificare la qualità del pellet

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Negli ultimi tempi, in alternativa al metano e alla legna, si è sempre più diffuso l'utilizzo del pellet come combustibile, grazie anche al prezzo contenuto e alla sua migliore resa termica. Il pellet si ottiene dallo scarto della lavorazione del legno che, sottoposto a pressatura, assume la caratteristica forma cilindrica. È bene sapere però che la materia prima utilizzata e le proprietà non sono sempre le stesse, ma variano enormemente da un prodotto all'altro. Il pellet di scarsa qualità ha un rendimento basso e, anche se costa meno, può aumentare di molto le spese per il riscaldamento. Pertanto è fondamentale imparare a valutare le sue caratteristiche prima dell'acquisto. Di seguito è riportata un'utile guida su come verificare la qualità del pellet.

25

Controllare il potere calorifero

Per una scelta accurata del pellet è importante controllare una serie di valori riportati sull'etichetta della confezione. Il parametro più utile è il potere calorifero, ovvero l'energia termica minima che una quantità di prodotto riesce a generare quando sottoposta a combustione.
In genere il potere calorifero del pellet è un valore compreso tra 4,5 a 5,5 kWh/kg: più alta è tale cifra, migliore è la sua qualità.

35

Controllare la percentuale di umidità

Altro fattore essenziale è la percentuale di umidità, la quale non deve superare l'8-12%. Infatti un pellet contenente troppa acqua perde la sua consistenza e tende a sgretolarsi. Inoltre la presenza di umidità abbassa il suo potere calorifero, poiché parte dell'energia viene usata per far evaporare l'acqua.

Continua la lettura
45

Verificare la materia prima

Importante è anche sapere la materia prima usata per la realizzazione del pellet. Generalmente, per quanto riguarda il tipo di legno, il migliore è il faggio puro. Molto buono è anche il legno d'abete che però, provenendo da una pianta resinosa, tende a sporcare molto di più la stufa. È possibile acquistare anche un pellet realizzato con latifoglie e misto, oppure quello derivante dalla lavorazione delle biomasse. Quest'ultimo è indicato solo per un uso industriale e non per le stufe domestiche, in quanto possiede un residuo di cenere molto alto che sporca maggiormente il braciere e la canna fumaria.

55

Valutare le caratteristiche fisiche

Infine è utile valutare alcune caratteristiche fisiche del pellet. Innanzitutto va osservata la forma dei singoli elementi che lo compongono. Questi devono essere cilindrici, uniformi e identici tra loro. L'altra caratteristica che salta subito all'occhio è il colore. Il pellet deve essere di un colore omogeneo, chiaro e simile a quello del legno. Questo aspetto può comunque variare a seconda del tipo di legno usato e della presenza o meno di corteccia.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come conservare il pellet

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori, a capire, per bene come poter conservare nel migliore dei modi, il pellet.Cercheremo di eseguire il tutto, grazie al metodo del fai da te, che ci darà una mano concreta a mettere in pratica...
Economia Domestica

I vantaggi e gli svantaggi delle stufe a pellet

Le stufe a pellet bruciano segatura compressa per generare calore. Si possono utilizzare in spazi residenziali oppure a livello industriale. Il riscaldamento con stufe a pellet presenta sia aspetti positivi che negativi. Nella guida, si elencheranno i...
Economia Domestica

Le migliori stufe a pellet

Le stufe a pellet costituiscono un sistema di riscaldamento più economico rispetto ad analoghi dispositivi. La materia prima, il pellet, si ottiene dagli scarti della lavorazione del legno. Si tratta di una sostanza completamente ecologica e naturale....
Economia Domestica

Come regolare una stufa a pellet

Oggi le stufe a pellet sono un "sistema" di riscaldamento alternativo molto diffuso all'interno delle abitazioni. La stufa a pellet infatti, più pulita e più pratica della tradizionale stufa a legna, sotto certi aspetti si rivela anche decisamente più...
Economia Domestica

Termostufa a pellet: pro e contro

La termostufa a pellet rappresenta una soluzione di riscaldamento pratica e moderna. Ottima anche sotto l'aspetto del design, questo particolare tipo di calorifero deve essere conosciuto molto bene per poter sfruttare al meglio le proprie capacità. In...
Economia Domestica

Vantaggi della scelta di una stufa a pellet canalizzata

Molte famiglie italiane e non solo, da anni scelgono come riscaldamento per la propria abitazione le stufe alimentate a pellet, per due motivi fondamentali; il primo per la durata di questo materiale, e il secondo per limitare i costi rispetto alla legna,...
Economia Domestica

Come risparmiare con le stufe a pellet e o termo camini

In vista dell'inverno e per contrastare i consumi che riguardano le modalità di riscaldamento delle vostre case è bene pensare a quelle più convenienti e che vi diano anche la possibilità di tutelare l'ambiente. Ne esistono tuttavia di diversi generi,...
Economia Domestica

Come detrarre l'acquisto di una stufa pellet dalla dichiarazione dei redditi

La stufa a pellets è un ottimo sistema di riscaldamento eco-sostenibile. Chi sceglie di acquistare una stufa o un camino a pellet, può fruire della detrazione dall’Irpef dal 50% al 65%. Grazie alle normative che permettono la detrazione fiscale sui...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.