Come verificare la qualità del pellet

Tramite: O2O 16/06/2017
Difficoltà: media
15

Introduzione

Negli ultimi tempi, in alternativa al metano e alla legna, si è sempre più diffuso l'utilizzo del pellet come combustibile, grazie anche al prezzo contenuto e alla sua migliore resa termica. Il pellet si ottiene dallo scarto della lavorazione del legno che, sottoposto a pressatura, assume la caratteristica forma cilindrica. È bene sapere però che la materia prima utilizzata e le proprietà non sono sempre le stesse, ma variano enormemente da un prodotto all'altro. Il pellet di scarsa qualità ha un rendimento basso e, anche se costa meno, può aumentare di molto le spese per il riscaldamento. Pertanto è fondamentale imparare a valutare le sue caratteristiche prima dell'acquisto. Di seguito è riportata un'utile guida su come verificare la qualità del pellet.

25

Controllare il potere calorifero

Per una scelta accurata del pellet è importante controllare una serie di valori riportati sull'etichetta della confezione. Il parametro più utile è il potere calorifero, ovvero l'energia termica minima che una quantità di prodotto riesce a generare quando sottoposta a combustione.
In genere il potere calorifero del pellet è un valore compreso tra 4,5 a 5,5 kWh/kg: più alta è tale cifra, migliore è la sua qualità.

35

Controllare la percentuale di umidità

Altro fattore essenziale è la percentuale di umidità, la quale non deve superare l'8-12%. Infatti un pellet contenente troppa acqua perde la sua consistenza e tende a sgretolarsi. Inoltre la presenza di umidità abbassa il suo potere calorifero, poiché parte dell'energia viene usata per far evaporare l'acqua.

Continua la lettura
45

Verificare la materia prima

Importante è anche sapere la materia prima usata per la realizzazione del pellet. Generalmente, per quanto riguarda il tipo di legno, il migliore è il faggio puro. Molto buono è anche il legno d'abete che però, provenendo da una pianta resinosa, tende a sporcare molto di più la stufa. È possibile acquistare anche un pellet realizzato con latifoglie e misto, oppure quello derivante dalla lavorazione delle biomasse. Quest'ultimo è indicato solo per un uso industriale e non per le stufe domestiche, in quanto possiede un residuo di cenere molto alto che sporca maggiormente il braciere e la canna fumaria.

55

Valutare le caratteristiche fisiche

Infine è utile valutare alcune caratteristiche fisiche del pellet. Innanzitutto va osservata la forma dei singoli elementi che lo compongono. Questi devono essere cilindrici, uniformi e identici tra loro. L'altra caratteristica che salta subito all'occhio è il colore. Il pellet deve essere di un colore omogeneo, chiaro e simile a quello del legno. Questo aspetto può comunque variare a seconda del tipo di legno usato e della presenza o meno di corteccia.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Termostufa a pellet: pro e contro

La termostufa a pellet rappresenta una soluzione di riscaldamento pratica e moderna. Ottima anche sotto l'aspetto del design, questo particolare tipo di calorifero deve essere conosciuto molto bene per poter sfruttare al meglio le proprie capacità. In...
Economia Domestica

Come conservare il pellet

In questo articolo si cerca di aiutare i nostri lettori a capire per bene come poter conservare nel migliore dei modi il pellet, preservandolo da tutte le possibili insidie che potrebbero derivare da un suo stoccaggio scorretto negli ambienti della nostra...
Economia Domestica

5 vantaggi delle caldaie a pellet

Oltre alla classica caldaia a gas spesso installata in casa, esistono anche delle valide alternative di caldaie, da poter selezionare tra diversi modelli presenti oggi sul mercato. Le caldaie a pellet (alimentate da questo combustibile naturale) ad esempio,...
Economia Domestica

Come detrarre l'acquisto di una stufa pellet dalla dichiarazione dei redditi

La stufa a pellets è un ottimo sistema di riscaldamento eco-sostenibile. Chi sceglie di acquistare una stufa o un camino a pellet, può fruire della detrazione dall’Irpef dal 50% al 65%. Grazie alle normative che permettono la detrazione fiscale sui...
Economia Domestica

Come verificare se la caldaia funziona

In quasi tutte le case è presente la caldaia, che è un'apparecchiatura molto importante in quanto da essa dipendono direttamente alcuni elementi fondamentali, come il riscaldamento domestico e l'acqua calda. Ma il corretto funzionamento di una caldaia...
Economia Domestica

Come verificare il tiraggio della canna fumaria

La canna fumaria ha il ruolo importante di riversare all'esterno i fumi di combustione prodotti dagli impianti di riscaldamento, come i camini, le stufe a legna e a gas e i vari tipi di caldaie. La canna fumaria è necessaria per un regolare funzionamento...
Economia Domestica

Come installare una stufa senza canna fumaria

In commercio esistono diverse tipologie di stufe ed alcune si installano senza la canna fumaria; infatti, in molti edifici tra l'altro non esiste nemmeno e non sempre è possibile realizzarne una. Le stufe senza la canna fumaria riescono a ricreare l'atmosfera...
Economia Domestica

Come accendere il fuoco nel termocamino

Il camino riscalda le nostre case e ci offre quel senso di aggregazione, di unione e anche di relax come nessun'altro riesce a fare. Inoltre se siamo dotati di un termocamino, lo possiamo collegare ai tradizionali caloriferi e riscaldare un'intera casa....