Come valorizzare i mobili antichi

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
14

Introduzione

I mobili antichi devono il loro valore all'età, alla rarità, alla condizione, all'utilità o ad altre caratteristiche rendono un pezzo d'arredo desiderabile come oggetto da collezione, e quindi definito "antico". Questi mobili possono essere dei prodotti di design artistico, poiché sono considerati una forma d'arti decorativa. Questi sono realizzati solitamente con materiali semplici come metalli e legno. Premesso questo, vediamo come valorizzare i mobili antichi, cercando di cambiare alcuni dettagli e renderli moderni e come se fosse nuovo quel determinato mobile, senza che per forza bisognate comprare uno nuovo.

24

Cambiare il colore originale

Esistono vari modi per valorizzare i mobili antichi; ognuno è diverso da caso in caso e riassunte in tre tecniche. Come ad esempio quello di avere un mobile antico totalmente stonante con il resto dell’arredamento adottato, e potete migliorarla con la prima tecnica chiamata anche riverniciatura, che consiste nel cambiare il colore originale del mobile antico e rivestirlo di un colore il più possibile uguale al colore generale del resto della mobilia e soprattutto di renderlo moderno. Fate in modo che il colore che poi acquistate sia uguale al mobile e mai simile, perché potrebbe rovinare il mobile stesso dalla sua estetica e dalla sua bellezza.

34

Creare dei veri e propri spazi di isolamento

Poi c'è la seconda tecnica della estrapolazione. Il metodo dell’estrapolazione serva per isolare temporalmente e astrarre un mobile dal resto della mobilia. In questo modo l’oggetto sembrerà essere escluso ma al tempo stesso messo in risalto. Con questa tecnica potete creare dei veri e propri spazi di isolamento personale e creare nello stesso tempo anche spazio, che non guasta mai in un appartamento. Per poi inserirgli ciò che volete e ciò che più si adatta in quel vuoto e far si che la vostra casa diventi ancora di più alla moda.

Continua la lettura
44

Cambiare totalmente l'utilizzo consono dell'oggetto

La terza ed ultima tecnica è quella della stilizzazione. Il metodo della stilizzazione consiste nel Cambiare totalmente l’utilizzo consono dell’oggetto; utilizzandolo totalmente in un altro modo. Per esempio, una vecchia piantana (lampada da terra) potrebbe essere riutilizzata come un appendi abiti; basterà fissarle, saldarle, o incollarle delle asticciole con dei palla attaccate agli estremi per poter sorreggere i capi. Sono tutte tecniche e forme di creazioni tutte particolari, moderne e molto suggestive, con la capacità di rendere i vostri mobili antichi del tutto moderni o personalizzati da voi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arredamento

Come riconoscere mobili antichi in stile eclettismo

Nel campo dell'arredamento si possono distinguere vari stili che, differenti tra loro, riescono a rispecchiare, ognuno a modo proprio, le principali caratteristiche legate a concetti di bellezza soggettiva. L'eclettismo si presenta come uno modus dove...
Arredamento

Come Riconoscere I Mobili Antichi Autentici In Stile Adam

Gli elementi che compongono l'arredamento di un appartamento deve necessariamente avere una certa coerenza stilistica. Infatti esistono diverse tipologie e stili di arredamento che possiamo utilizzare per dare un certo stile agli ambienti della nostra...
Arredamento

Come riconoscere falsi mobili antichi del Settecento

Saper distinguere un mobile antico autentico da una copia è una dote rara che necessita di anni di studio e un certo intuito. Nel momento in cui intendi acquistare un mobile d'antiquariato rivolgi al rivenditore domande precise sull'epoca di costruzione...
Arredamento

Come Riconoscere I Mobili Antichi Neoclassici

Lo stile neoclassico nacque tra il 1770 e il 1800, dopo gli scavi di Ercolano e Pompei. Le influenze maggiori furono quelle francesi, prima lo stile Luigi XVI e successivamente lo stile Impero. I centri di maggiore sviluppo si concentrarono in Piemonte...
Arredamento

Come valorizzare una casa da vendere

Prima di vendere un'immobile, si cerca molto spesso di ridefinirlo in maniera tale da far accrescere il suo valore di mercato. Il problema sta nel come valorizzare la casa da vendere. Si potrebbe a tal proposito effettuare una sistemazione dal punto di...
Arredamento

Come arredare la casa con mobili classici

Arredare una casa non è una cosa semplice ma se avete già le idee chiare su quale stile di arredamento preferite, allora la cosa diventerà più agevole. Se avete avuto la fortuna di ereditare mobili antichi, oppure amate lo stile classico e retrò,...
Arredamento

Come scegliere i vassoi antichi

L'ingegno umano inventò i vassoi sin dal periodo preistorico. L'esigenza del trasporto dei cibi o di oggetti piccoli spinse l'uomo ad escogitare questo sistema. In principio si avvalse dell'uso di grandi e resistenti foglie o di pezzi di corteccia. Nei...
Arredamento

Come valorizzare quadri e stampe

Ci sono parecchi modi per vestire la casa con eleganza e classe: una buona soluzione può essere quella di utilizzare i quadri e le stampe. Per far risaltare il più possibile i vostri quadri, cercate di collocarli in una posizione che segua un disegno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.