Come utilizzare i piatti in ardesia

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

L’ardesia, conosciuta anche come pietra lavagna, ha sempre riscosso un grande successo in svariati campi. Dall’arredamento e i rivestimenti, fino alla cucina. Adoperata da tempo come ripiano di cottura, viste la sua grande capacità di mantenere a lungo il calore, negli ultimi anni viene apprezzata anche come stoviglia. I piatti in ardesia, resistenti e atossici, sono infatti ideali per servire diversi cibi e tenerli anche a lungo senza problemi. Tali piatti, solitamente adoperati in ristoranti moderni e contemporanei di un certo livello, sfruttano infatti l’eleganza del colore nero opaco ed il contrasto cromatico con le portate, nonchè il fascino ruvido e grezzo che l’ardesia possiede. Nei passi di questa guida vedremo dunque come utilizzare i piatti in ardesia.

26

Occorrente

  • Piatti in ardesia
36

I piatti in ardesia in genere si presentano come delle lastre rettangolari o quadrate dalla finitura liscia e grezza sui bordi. Gli esperti artigiani del settore, sono capaci però di modellare la pietra anche nella classica forma circolare o stondata. Bisognerà quindi innanzitutto scegliere il formato che risulta più adatto da utilizzare per le varie portate. Il colore scuro poi, è adatto per giocare su contrasti eleganti col nero. Accompagna inoltre molto bene il legno tanto quanto al vetro e il cristallo.
Piccoli piatti allungati sono perfetti per servire antipasti, entratine, dolci o piatti scenografici come ad esempio il sushi.
I piatti ampi possono ospitare insalate primi e secondi di carne e pesce: attenzione però ai condimenti che colano, in quanto i piatti in ardesia sono di solito completamente piani.
Alcuni piatti sottili possono fare invece da sottobicchiere per un elegante supporto a calici di vino o champagne.

46

I piatti in ardesia, se si tratta di pietra di buona qualità, possono inoltre venire riscaldati. Tale accortezza, sfruttando le caratteristiche della pietra stessa, offrirà maggiore tenuta di calore alle portate che lo necessitano, risultandone in un effetto gradevole e pratico.
Il materiale inoltre, non presenta nessun problema a gestire anche le temperature rigide. Non c’è da aver timore dunque a servire dessert gelati su tali superfici.

Continua la lettura
56

In conclusione, ovviamente, non resta che effettuare un’adeguata pulizia e conservazione. Seppur resistente il materiale teme il logoramento, i graffi, i colpi secchi e l’usura, a seconda ovviamente della qualità dello stesso. I piatti in ardesia, una volta utilizzati, non vanno generalmente lavati in lavastoviglie, bensì a mano. Da evitare assolutamente detergenti aggressivi o spugne abrasive. Meglio una spugnetta delicata, acqua tiepida e un goccio di sapone di Marsiglia o poco sapone per piatti diluito con acqua.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Riporre i piatti ben asciutti con cautela, alternandoli ad un panno pulito di stoffa per evitare urti o che si graffino accidentalmente.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come lavare i piatti in ardesia

I piatti in ardesia stanno riscuotendo un innegabile successo, usati sempre di più dai grandi chef, nelle loro prelibate composizioni culinarie, ma anche in molte, più ordinarie, cucine private. Questa moda, gioia per gli occhi, si rivela però insidiosa....
Pulizia della Casa

Come pulire l'ardesia

L'ardesia è considerata uno dei materiali più sicuri, perché è antiscivolo e viene generalmente impiegata per davanzali, stipiti ma soprattutto per la pavimentazione. L'ardesia è una pietra naturale e come tale richiede un minimo di attenzione, ma...
Pulizia della Casa

Come eliminare le macchie da un pavimento in ardesia

I pavimenti in ardesia sono molto belli ma richiedono una manutenzione diligente, per evitare la formazione di macchie antiestetiche e l'accumulo di sporcizia con formazione di eventuali graffi. Si consiglia di eseguire una pulizia regolare e quotidiana....
Pulizia della Casa

Come pulire pavimenti in ardesia

L'ardesia è da sempre considerata uno dei materiali più resistenti che ci siano in natura oltre il diamante. Oggi viene molto utilizzata anche per la costruzione della pavimentazione domestica, oltre che quella di musei e altri luoghi di interesse....
Pulizia della Casa

Consigli per la manutenzione e la cura del pavimento in ardesia

L’ardesia oppure lavagna è una pietra di origine sedimentaria che è molto resistente ai colpi e agli agenti atmosferici. Questo è il motivo per cui viene impiegata spesso nel campo dell’edilizia. Le sue proprietà principali sono: essere un materiale...
Ristrutturazione

Come tinteggiare con effetto finto ardesia

L'ardesia è una roccia sedimentaria utilizzata da epoche abbastanza antiche. Attualmente si utilizza generalmente per la copertura dei tetti. Dalla particolarità del colore dell'ardesia prende il nome la roccia stessa. Esso è costituito da un grigio...
Esterni

Come pavimentare un viale in giardino

In questo articolo vi spiegherò come pavimentare un viale in giardino. La pavimentazione di un giardino impartisce all’ambiente esterno un tocco di eleganza e di buon gusto. Per la pavimentazione di un giardino bisogna considerare alcuni aspetti fondamentali....
Esterni

Come costruire una fontana decorativa

Per chi ha la fortuna di avere una fontana come elemento decorativo nel proprio giardino non possiede solo un bel giardino completo, ma con la costruzione della fontana andrà ad aumentare il valore dell'area verde dell'immobile. Infatti, in questo modo,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.