Come utilizzare i barattoli di latta per la cottura dei cibi

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

In cucina spesso si produce molta spazzatura, derivante per lo più dai contenitori in cui sono conservati i cibi che acquistiamo al supermercato. Al giorno d'oggi si è molto più attenti al riciclo, ma può anche accadere che i contenitori stessi possano essere usati per la cottura! Uno dei materiali maggiormente usato è la latta: legumi, verdure e bibite sono infatti venduti in latte o lattine che inesorabilmente finiscono per essere gettati via. In realtà latte e lattine possono essere riciclati in tanti modi diversi, e non solo, possono anche essere usati in cucina! Ecco come utilizzare i barattoli di latta per la cottura dei cibi.

25

La prima cosa da chiarire sta nella presunta nocività della latta, una volta riscaldata. In realtà la diatriba è ancora aperta, ma sembrerebbero non esserci pericoli nel cucinare usando questo materiale, poiché le lattine moderne sono quasi tutte in alluminio. Anche molte delle pentole che usiamo per cucinare sono in alluminio, che quindi è un metallo assolutamente sicuro. Ciò che conta è fare attenzione alle temperature: le normali temperature di cottura non provocano l'emissione di sostanze nocive. Detto questo, ecco come gli scout, da sempre, usano le lattine.

35

La cottura all'interno della latta è infatti diffusa soprattutto all'aperto. Quando si fanno scampagnate e campeggi, di solito si porta con sè un piccolo fornello a gas sul quale poter scaldare il caffè o qualche cibo già pronto. I cibi pronti, ad esempio i fagioli, ma anche spaghetti al sugo, o altro, sono conservati in lattine che possono essere messe direttamente sul fuoco, tenendo la fiamma moderata. Ci sono due modi da poter impiegare: o si apre semplicemente la lattina con l'apriscatole o l'apposita linguetta, oppure si lascia il barattolo chiuso, ammaccandolo da un lato. Quando l'ammaccatura si spiana, vuol dire che il cibo all'interno è cotto!

Continua la lettura
45

Gli americani amano molto il barbecue, e hanno inventato un modo per cucinare il pollo arrosto lasciando il suo interno tenero e sugoso e la pelle croccante e saporita. Per farlo è necessaria una lattina di birra. In questo caso il pollo, ovviamente, non va messo all'interno, ma è la lattina, piena all'incirca per metà, che va infilata nel pollo, che poi si depone sulla griglia. La birra, evaporando piano, manterrà morbide le carni, mentre l'esterno si arrostirà a dovere. Infine, i barattoli di latta possono essere usati per fare il gelato: basta prenderne due di diverse dimensioni infilandoli l'uno dentro l'altro e riempiendo il più grande di cubetti di ghiaccio!

55

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come conservare i cibi sotto sale

Il sale è un prodotto naturale, sia marino che terrestre (sale di montagna), che si presta a diversi usi in svariati ambienti, nel condimento di cibi, nella medicina alternativa, nel trattamento estetico. È in cucina, tuttavia, che il sale esprime tutto...
Economia Domestica

Come organizzare cibi e spazi in cucina

Cominciamo col dire che organizzare cibi e spazi in cucina è possibile, si può fare in diversi modi ed indubbiamente comporta una maggiore vivibilità dell'ambiente, l'allontanamento di odori sgradevoli causati dagli alimenti magari andati a male. Inoltre...
Economia Domestica

Cottura a induzione: pro e contro

Molti di voi avranno sicuramente sentito parlare, e magari avuto modo di sperimentare, la cottura a induzione. Di cosa si tratta? È un metodo di cottura su un piano che non dispone dei classici fornelli né delle piastre in ghisa, ma semplicemente di...
Economia Domestica

Come proteggere il piano cottura in vetro temperato

Se per la vostra cucina avete optato per un piano cottura in vetro temperato, è importante sapere che si tratta di una tipologia abbastanza delicata che richiede accortezza durante l'uso, oltre ad una corretta manutenzione con prodotti adeguati per evitare...
Economia Domestica

5 svantaggi del piano cottura a induzione

Se abbiamo appena deciso di rinnovare l'ambiente cucina e tutti i mobili, dobbiamo scegliere se avvalerci di un piano cottura tradizionale o di uno ad induzione. In entrambi i casi c'è l'imbarazzo della scelta, ma se optiamo per il secondo, è importante...
Economia Domestica

Come scegliere un piano di cottura a induzione

Cucinare bene non è solo una questione di abilità personale: contano anche i supporti tecnici. Si può certamente fare meglio se in cucina si ha a disposizione un piano cottura che permette, per esempio, di regolare in maniera precisa la potenza della...
Economia Domestica

Come cucinare con un piano cottura a induzione

L’evoluzione della cucina negli ultimi anni, è passata anche attraverso la cottura dei cibi senza l’utilizzo della fiamma: parliamo della più recente, affascinante ed evoluta cottura attraverso i piani a induzione. Tecnica innovativa, totalmente...
Economia Domestica

Come usare il piano cottura a induzione

Cucinare è uno degli hobby preferiti degli italiani. Per molti è addirittura un'arte, forte delle antichissime radici che rendono la cucina italiana famosa in tutto il mondo. Tra le usanze e le tradizioni non troviamo soltanto centinaia di ricette tipiche....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.