Come trasformare uno sgabello in un tavolino

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Avete mai pensato al riciclo intelligente? Cerchiamo di sfruttarlo per l'arredo della nostra casa.
Spesso vengono gettati molti oggetti, d'arredamento e non, ritenuti antiquati.
È un errore comune, ma cerchiamo di usufruirne al meglio.
Questa volta proponendovi un semplice e vecchio sgabello inutilizzato, vedrete come trasformarlo in un tavolino.
È molto divertente arredare la propria casa, sopratutto in maniera vintage col fai da te.
Mettiamoci alla prova, trasformando uno sgabello in un tavolino.
Non è semplice, tuttavia non è neanche un'impresa impossibile.
Vi basterà seguire questa guida per scoprire come fare.

26

Occorrente

  • Sgabello
  • dischi di sughero tostato
  • smalto colorato
  • pressa
  • silicone
36

I materiali

Come inizio, abbiamo bisogno di uno sgabello e di due lastre di sughero tostato (materiale 100% naturale, consigliatissimo in quanto non presenta cali di prestazioni coibenti ed è molto duraturo nel tempo), spesse preferibilmente 3 cm l'una.
Si può richiedere a modiche cifre presso un sugherificio.
Una volta ottenuti i 2 dischi in sughero, tutto il resto viene da sé.
Il primo step consiste nel capovolgere lo sgabello a testa in giù ed eliminare la parte di appoggio in superficie che finirà, ovviamente, verso il basso.

46

L'assemblaggio

Il secondo step è il fissaggio.
Il silicone è essenziale per questo passaggio.
Il primo disco va posizionato al posto del cerchio che prima fungeva da poggiapiedi ed il secondo invece ai 4 piedini.
Bisogna assicurarsi che il silicone unisca per bene per evitare che ceda.
È molto utile una pressa in questi casi, tenendola ben salda allo sgabello indicativamente per mezz'ora.

Continua la lettura
56

La decorazione

A questo punto c'è da sbizzarrirsi per la decorazione del tavolino.
C'è una vasta scelta di colori da poter utilizzare, sempre se non vogliate lasciare il metallo o il legno in evidenza.
Si può decidere di sverniciare il tutto e dare una passata a mano di smalto colorato a piacimento, reperibile in qualunque negozio di bricolage, per renderlo moderno.
Tuttavia è il vintage lo stile preferito degli ultimi anni, intramontabile e molto decorativo.
Bisogna tenere a mente che, una volta passata la vernice, dovrà rimanere ad asciugare per almeno 24h, evitando che bambini ed animali ne vadano a contatto (anche l'odore è da evitare, pertanto è bene che rimanga in un ambiente isolato ma non umido).
Trascorso il tempo necessario, il tavolo sarà pronto all'uso.
È sconsigliato appesantirlo con oggetti di un certo peso in quanto potrebbe cedere.
Al di fuori di questo accorgimento è un oggetto di abbellimento, utile per esporre piccole decorazioni e cornici.
Durerà negli anni senza subire danni.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • non lasciare in ambienti umidi il tavolo appena verniciato
  • evitare il contatto con la vernice fresca
  • far aderire bene il silicone

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come decorare e rinnovare un tavolino da salotto

A volte si ha il desiderio di rinnovare il mobilio di casa oppure di cambiare un pezzo di arredo rovinato a tal punto che non è più presentabile. Prima di buttarlo oppure spendere dei soldi per un nuovo acquisto si può decidere di rinnovare il vecchio...
Ristrutturazione

Come ricavare un mobile per il bagno da un vecchio tavolino

Se sei un appassionato del fai da te e desideri scoprire come sia possibile realizzare lavori di ristrutturazione usando vecchi oggetti apparentemente banali, ti consiglio di leggere con attenzione questo tutorial, in quanto ti fornirò una serie di suggerimenti...
Ristrutturazione

Come trasformare un magazzino in loft

Trasformare un magazzino in un loft, richiede impegno e soprattutto molta fantasia. Prima di eseguire i lavori, è necessario avere le idee chiare e assicurarsi di possedere un buon budget di partenza. I loft sono ambienti unici costituiti da un soppalco....
Ristrutturazione

Come trasformare un sottotetto in una mansarda

All'interno della presente guida, andremo a occuparci di lavori in casa. Nello specifico, come avrete già potuto comprendere attraverso la lettura del titolo stesso della nostra guida, ora andremo a spiegarvi Come trasformare un sottotetto in una mansarda.Trasformare...
Ristrutturazione

Come trasformare la tua cantina in una taverna

Il desiderio di molte persone è quello di avere un ambiente da poter utilizzare per le cene con gli amici, o come sala giochi e palestra, senza mettere a soqquadro la casa. Questa possibilità diventa realizzabile nel caso in cui la tua casa disponga...
Ristrutturazione

5 idee per trasformare il bagno in una spa

Letteralmente SPA è un acronimo di origine latina che indica Salus Per Aquam. In poche parole, secondo l'antica tradizione l'utilizzo dell'acqua e delle sue proprietà dovute ai sali minerali apporterebbe benefici fisici e, in alcuni casi psichici, in...
Ristrutturazione

Come trasformare una cantina in taverna

Le cantine generalmente sono dei luoghi chiusi, bui, non adatti per fare abitazione, ma solo per depositare delle cose, magari cibo o bottiglie di vino, queste sono le cantine che, fungono da ripostigli. Tuttavia, noi siamo abituati a vederli in questa...
Ristrutturazione

Come trasformare la casa con colori in stile mediterraneo

Il mar Mediterraneo con le innumerevoli sfumature che vanno dal blu al verde, passando per l'azzurro e il turchese e con la presenza di meravigliose case colorate di bianco e azzurro dona a chi guarda un senso di pace e serenità. Se si vuole ricreare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.