Come togliere la muffa dai capi in pelle e camoscio

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Ogni cambio di stagione porta con sé la necessità di rinnovare l'abbigliamento, permettendo di togliere dall'armadio i vestiti che non verranno più messi nei mesi successivi e di riporvi quelli più adatti al clima stagionale. Quando si effettua questa operazione, tutti gli abiti dovrebbero venire lavati e conservati in maniera adeguata, per non incorrere, successivamente, in sorprese spiacevoli. Uno dei contrattempi che potrebbe verificarsi, è legato alla comparsa della muffa sui capi, che può rovinare il tessuto, macchiandolo e rendendolo maleodorante. In questa guida vedremo come si può togliere la muffa dagli abiti in pelle ed in camoscio.

26

Occorrente

  • Panno morbido
  • Acqua
  • Alcol
36

Innanzitutto, quando si possiedono degli indumenti realizzati con questi materiali, è bene sapere che, anziché conservarli immediatamente così come sono, essi dovrebbero essere lasciati per qualche tempo all'aria aperta, allo scopo di consentire a tutta l'umidità, di cui potrebbero essersi impregnati, di essere rilasciata. Facendoli asciugare perfettamente, si potrà essere sicuri di non incorrere nel problema relativo a questo tipo di funghi, quando si andranno a riprendere dall'armadio. Se, però, non è stata presa alcuna accortezza prima del cambio di stagione, bisognerà porre rimedio a questo inconveniente, per non perdere un capo altrimenti in perfetto stato, che si potrebbe benissimo riutilizzare.

46

Come prima cosa, si deve attendere la comparsa di una giornata abbastanza calda e soleggiata, per consentire una rapida asciugatura dell'indumento dopo aver eseguito il trattamento descritto in questa guida. Il primo passo è prendere un panno di cotone pulito e morbido e bagnarlo con una miscela composta da acqua e alcol: il composto può essere preparato in una bacinella, mischiando il 90% di acqua ed il 10% di alcol.

Continua la lettura
56

Il panno deve essere strofinato sulla zona interessata, cercando di sfregare sempre nella stessa direzione, per evitare di lasciare delle striature sul tessuto. Una volta fatto questo per qualche minuto, l'abito in pelle o camoscio verrà steso all'aria aperta, evitando di esporlo direttamente ai raggi del sole. Solo dopo aver atteso che il capo si sia asciugato completamente, si potrà constatare che la macchia da eliminare è totalmente scomparsa.

66

Esistono molti metodi per pulire i capi ma, tra tutti questi, solo quello appena descritto offre dei risultati apprezzabili sugli abiti confezionati con i diversi tipi di pellame. Questo è, ovviamente, un trattamento del quale potrebbe anche non esservi il bisogno, se si utilizzano le dovute precauzioni menzionate all'inizio della guida. Prima di riporre i nostri abiti nell'armadio, quindi, in vista della stagione successiva, è opportuno prestare attenzione al modo in cui li si conserva: così facendo, quando si dovranno riutilizzare li ritroverete in perfetto stato.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Divano in camoscio: consigli per la manutenzione

Acquistare un divano in pelle, è una scelta all'insegna dello stile, del comfort e dell'eleganza. Si tratta di un elemento d'arredo di valore, ma non per questo inaccessibile. Inoltre, il suo essere senza tempo, lo rende adatto sia ad ambienti classici,...
Economia Domestica

Come pulire la muffa in un frigorifero

Cibi e bevande lasciati troppo tempo in un frigorifero, possono provocare cattivi odori e fastidiose muffe, soprattutto all'interno dei cassetti o sugli scaffali. Quando la muffa comincerà a diffondersi all'interno del frigorifero, non potrete far altro...
Economia Domestica

Come eliminare l'odore di muffa dai mobili

Eliminare l'odore di muffa dai mobili, è un lavoro che richiede tempo e pazienza. Il legno è un materiale poroso e quindi assorbe molto facilmente l'umidità e gli odori, presenti nelle vicinanze. Nel caso in cui i vostri mobili siano stati depositati...
Economia Domestica

Come evitare la formazione di muffa in bagno

Se la vostra stanza da bagno presenta periodicamente antiestetiche tracce di muffa, potete intervenire con metodi adeguati per evitare che possa generarsi di nuovo. Nello specifico si tratta di piccoli ma funzionali accorgimenti, atti ad ottimizzare...
Economia Domestica

5 errori nel lavaggio dei capi in cotone

Prima di lavare i capi si è soliti essere assaliti dal dubbio: "Starò facendo un errore?". Per prima cosa, per rispondere a questa domanda, occorre aver ben chiaro la tipologia di indumenti che stiamo per lavare, in particolar modo la materia prima...
Economia Domestica

Lavaggio e asciugatura dei capi bianchi: gli errori più comuni

Lavaggio ed asciugatura dei capi bianchi richiedono una serie di accortezze, indispensabili per ottenere un bucato perfetto. Può capitare, infatti, che il risultato non sia del tutto soddisfacente. Dopo il lavaggio, i capi potrebbero risultare ingrigiti,...
Economia Domestica

5 errori nel lavaggio dei capi sintetici

Ogni tipologia di capo richiede un diverso lavaggio, al fine di evitare di compromettere l'intero bucato. È consuetudine, ad esempio, dividere i capi colorati da quelli bianchi. Forse è meno risaputo che anche i capi sintetici (poliammide, poliestere,...
Economia Domestica

5 trucchi per lavare i capi di lana senza rovinarli

Quando arrivano i primi freddi intensi, tra Novembre e Dicembre, è tempo di conservare magliette e T-shirt. Rispolveriamo i cari, soffici maglioni e cardigan di lana. Sono capi perfetti per isolarci dal gelo esterno, morbidi e confortevoli per affrontare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.