Come sterilizzare un ago

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Oggi per le punture si usano le siringhe usa e getta, pratiche comode, non richiedono nessun tipo di manutenzione in quanto una volta utilizzate possono essere gettate nella spazzatura. Esistono però anche delle siringhe in vetro con ago intercambiabile che possono essere utilizzate più volte previa naturalmente sterilizzazione. Quest'ultima può avvenire in tre modi anche se uno in particolare garantisce maggior sicurezza. Andiamo quindi a vedere di seguito alcuni consigli su come sterilizzare un ago.

26

Occorrente

  • accendino
  • batuffolo di cotone
  • contenitore
  • alcool
36

Con il fuoco

Iniziamo a vedere la prima metodologia di sterilizzazione di un ago. Si tratta di un procedimento veloce che offre comunque la certezza che tutti i batteri presenti sull'ago vengono eliminati. Prendiamo l'ago in questione e facciamolo passare più volte sulla fiamma viva di un accendino o direttamente da quella prodotta dal fornello di casa. Non appena la punta dell'ago inizia a diventare scura, lasciamo che si raffreddi per qualche istante poi utilizziamo in tutta tranquillità. Questo tipo di sterilizzazione può essere indicata nel caso in cui l'ago in questione serva ad esempio a togliere una piccola scheggia.

46

Con l'alcool

L'altra metodologia per sterilizzare un ago è attraverso l'utilizzo dell'alcool. Per fare questa operazione prendiamo un batuffolo di cotone, impregniamolo con alcool poi andiamo a strofinare tutta la superficie dell'ago. Se preferiamo possiamo riempire un piccolo contenitore con alcool, immergiamoci l'ago e lasciamolo in posizione per almeno 5 minuti. Trascorso il tempo laviamoci le mani con abbondante sapone, passiamole sotto l'acqua calda, prendiamo l'ago e a questo punto possiamo tranquillamente utilizzarlo certi che i batteri sono stati definitivamente debellati.

Continua la lettura
56

Con la bollitura

Quest'ultimo metodo, richiede più tempo rispetto ai primi due che abbiamo preso in considerazione, ma è anche il più efficace in quanto ci garantisce in assoluto la maggior sicurezza in fatto di sterilizzazione. Se l'ago che vogliamo sterilizzare è quello di una siringa in vetro possiamo procedere come segue. Prendiamo il contenitore in metallo della siringa, riempiamolo di acqua, immergiamo la siringa stessa e il relativo ago, posizioniamo il contenitore sul fuoco e lasciamo che l'acqua entri in ebollizione. Facciamo bollire per qualche istante, spegniamo la fiamma e lasciamo che il liquido di raffreddi in modo naturale. A questo punto è possibile utilizzare sia l'ago che la siringa in tutta tranquillità.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • E' sempre opportuno sterilizzare un ago prima di utilizzarlo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come sterilizzare le bottiglie

Le bottiglie di vetro vuote costituiscono una tipologia di contenitore davvero utile e versatile: possono tornarvi utili per travasare del vino che vi è stato regalato, oppure per conservare dei succhi di frutta freschi appena preparati. Prima di riciclare...
Pulizia della Casa

Come sterilizzare le bottiglie d'acqua

Con l'avvento di tutti i dispositivi utili a purificare l'acqua dei rubinetti delle proprie case, si è fatto sempre più frequente il riutilizzo delle bottiglie di plastica. Questo, però, ha reso necessario sterilizzare le stesse, soprattutto quelle...
Pulizia della Casa

Metodi per sterilizzare le spugne da cucina

Uno degli oggetti che può davvero sorprendere per la grande quantità di batteri accumulata al suo interno, è la spugnetta da cucina. Le spugne da cucina, stando sempre a contatto con acqua e residui di cibo, possono diventare un vero e proprio covo...
Pulizia della Casa

Come pulire e sterilizzare piatti e posate

Durante la vita di tutti i giorni utilizziamo più volte le stoviglie. Piatti, posate e bicchieri sono oggetti immancabili in casa. Sono necessari per mangiare in tranquillità e sicurezza, mantenendo alta l'igiene. Trattandosi di utensili per il cibo...
Pulizia della Casa

Come sterilizzare le stoviglie di legno

Da qualche tempo, sulle riviste femminili e sui migliori portali web esistenti, si parla frequentemente di salute e igiene: partendo dal principio "prevenire è meglio che curare", numerose mamme responsabili e mogli diligenti decidono di seguire delle...
Pulizia della Casa

Come sterilizzare i vasetti

Una delle cose più importanti quando si è grandi produttori di marmellata è essere molto accurati nella pulizia dei vasetti: di fatti, sono proprio questi ultimi la principale causa di perdita delle marmellate. La sterilizzazione è necessaria per...
Pulizia della Casa

Come lavare e sterilizzare i peluche

I bambini sono dei veri collezionisti di piccoli animaletti di pezza, che accompagnano la loro infanzia per molto tempo. Spesso i peluche sono soggetti a mille peripezie, vengono sporcati, tirati, appoggiati in ogni dove e di tanto in tanto necessitano...
Pulizia della Casa

Come sterilizzare le spugne da cucina

Le spugne da cucina rappresentano degli oggetti estremamente versatili, pratici ed al tempo stesso efficaci. Le spugne da cucina sono degli ausili perfetti per sgrassare le stoviglie, per pulire i tavoli ed i ripiani, ma anche per effettuare un'accurata...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.