Come sterilizzare un ago

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Oggi per le punture si usano le siringhe usa e getta, pratiche comode, non richiedono nessun tipo di manutenzione in quanto una volta utilizzate possono essere gettate nella spazzatura. Esistono però anche delle siringhe in vetro con ago intercambiabile che possono essere utilizzate più volte previa naturalmente sterilizzazione. Quest'ultima può avvenire in tre modi anche se uno in particolare garantisce maggior sicurezza. Andiamo quindi a vedere di seguito alcuni consigli su come sterilizzare un ago.

26

Occorrente

  • accendino
  • batuffolo di cotone
  • contenitore
  • alcool
36

Con il fuoco

Iniziamo a vedere la prima metodologia di sterilizzazione di un ago. Si tratta di un procedimento veloce che offre comunque la certezza che tutti i batteri presenti sull'ago vengono eliminati. Prendiamo l'ago in questione e facciamolo passare più volte sulla fiamma viva di un accendino o direttamente da quella prodotta dal fornello di casa. Non appena la punta dell'ago inizia a diventare scura, lasciamo che si raffreddi per qualche istante poi utilizziamo in tutta tranquillità. Questo tipo di sterilizzazione può essere indicata nel caso in cui l'ago in questione serva ad esempio a togliere una piccola scheggia.

46

Con l'alcool

L'altra metodologia per sterilizzare un ago è attraverso l'utilizzo dell'alcool. Per fare questa operazione prendiamo un batuffolo di cotone, impregniamolo con alcool poi andiamo a strofinare tutta la superficie dell'ago. Se preferiamo possiamo riempire un piccolo contenitore con alcool, immergiamoci l'ago e lasciamolo in posizione per almeno 5 minuti. Trascorso il tempo laviamoci le mani con abbondante sapone, passiamole sotto l'acqua calda, prendiamo l'ago e a questo punto possiamo tranquillamente utilizzarlo certi che i batteri sono stati definitivamente debellati.

Continua la lettura
56

Con la bollitura

Quest'ultimo metodo, richiede più tempo rispetto ai primi due che abbiamo preso in considerazione, ma è anche il più efficace in quanto ci garantisce in assoluto la maggior sicurezza in fatto di sterilizzazione. Se l'ago che vogliamo sterilizzare è quello di una siringa in vetro possiamo procedere come segue. Prendiamo il contenitore in metallo della siringa, riempiamolo di acqua, immergiamo la siringa stessa e il relativo ago, posizioniamo il contenitore sul fuoco e lasciamo che l'acqua entri in ebollizione. Facciamo bollire per qualche istante, spegniamo la fiamma e lasciamo che il liquido di raffreddi in modo naturale. A questo punto è possibile utilizzare sia l'ago che la siringa in tutta tranquillità.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • E' sempre opportuno sterilizzare un ago prima di utilizzarlo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Metodi per sterilizzare le spugne da cucina

Uno degli oggetti che può davvero sorprendere per la grande quantità di batteri accumulata al suo interno, è la spugnetta da cucina. Le spugne da cucina, stando sempre a contatto con acqua e residui di cibo, possono diventare un vero e proprio covo...
Pulizia della Casa

Come sterilizzare un biberon

Per nutrire i neonati, senza ricorrere al seno materno, o anche per utilizzare latte artificiale, occorre impiegare uno strumento particolare, cioè il biberon. Il biberon deve essere visto, però, come un grande bicchiere dalla forma particolare, adatta...
Economia Domestica

Come sterilizzare i vasetti di vetro

In questa utile ed interessante guida, che stiamo per proporre, vogliamo esporre un argomento alquanto affrontato ed anche attuale, in questo periodo. Stiamo parlando di come poter sterilizzare, nella maniera corretta, i vasetti di vetro.L’estate, ma...
Economia Domestica

Come sterilizzare i barattoli

Chi è appassionato di cucina, spesso si cimenta nella preparazione di conserve come marmellate, contorni sottolio, oppure yogurt e molto altro. Tutti questi alimenti si mantengono in barattolo e, per una conservazione duratura, è necessario sterilizzare...
Pulizia della Casa

Come sterilizzare le spugne da cucina

Le spugne da cucina rappresentano degli oggetti estremamente versatili, pratici ed al tempo stesso efficaci. Le spugne da cucina sono degli ausili perfetti per sgrassare le stoviglie, per pulire i tavoli ed i ripiani, ma anche per effettuare un'accurata...
Economia Domestica

5 modi per sterilizzare il biberon

Nei suoi primissimi mesi di vita, il bambino è molto sensibile agli attacchi di microrganismi. Germi e batteri sono una minaccia costante e possono provocare disturbi e malanni di vario genere. Il bambino resterà molto vulnerabile finché non avrà...
Pulizia della Casa

Come sterilizzare le bottiglie

Le bottiglie di vetro vuote costituiscono una tipologia di contenitore davvero utile e versatile: possono tornarvi utili per travasare del vino che vi è stato regalato, oppure per conservare dei succhi di frutta freschi appena preparati. Prima di riciclare...
Economia Domestica

Come pastorizzare le Conserve

Le conserve appartengono ad una tradizione molto antica: le nostre nonne preparavano le marmellate, sottaceto e sottolio, facevano scorta di pelati e passate di pomodoro per poi usarli durante tutto l'anno. Questo procedimento richiede l'uso di barattoli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.