Come sostituire un vecchio citofono

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Molto spesso la nostra abitazione necessita di alcuni piccoli lavoretti di manutenzione che nel corso del tempo sono inevitabilmente necessari. Esistono svariati ambiti nei quali possiamo intervenire, tutti comunque necessitano di competenze e conoscenze specifiche. In questa guida verrà illustrato in maniera chiara e semplice come eseguire uno di questi lavori. Ovviamente la guida ha solo uno scopo illustrativo, per cui, onde evitare possibili ed ulteriori danni, sarebbe il caso di rivolgersi ad un professionista del settore. Un sistema di interfono domestico può fornire uno strumento utile per garantire la sicurezza della nostra casa e fornisce un mezzo di comunicazione tra i piani. Se si prevede di aggiornare il proprio sistema di interfono domestico, o semplicemente non ne abbiamo più bisogno, la rimozione del vecchio sistema è il primo passo del processo. Vedremo a seguire come poter sostituire un vecchio citofono, in modo da rendere più moderno ed efficiente il sistema di comunicazione che c'è tra la nostra abitazione e chi dobbiamo ricevere.

27

Occorrente

  • Citofono
  • Cacciavite
  • Fili
  • Pulsantiera
  • Morsetto
37

Rimuovere l'unità principale

I sistemi di interfono sono di due tipi: cablati e alimentati a batteria. I sistemi di interfono a batteria sono i più facili da rimuovere perché non ci sono fili da collegare. Anche i sistemi di scarico a parete sono facili da rimuovere, poiché la connessione cablata non va oltre il muro a secco o l'intonaco. Il tipo più difficile di interfono da rimuovere è un'installazione cablata dietro il muro, poiché richiede l'accesso e il tappatura dei cavi elettrici che alimentano l'unità. Guardiamo l'unità per determinare il tipo che stiamo utilizzando. Se c'è un cavo per una presa nell'unità principale, è probabile che il resto funzioni a batteria. Se non c'è il cavo, rimuovere il frontalino e verificare la presenza di una batteria. Se rimuovendo la batteria si spegne l'unità, è probabile che sia una sola unità. Se non ci sono cavi esterni e non c'è batteria da rimuovere. Rimuovere l'unità principale. Se il sistema è cablato, disinserire l'alimentazione nella scatola dell'interruttore nella stanza in cui si sta lavorando e verificare che non vi sia alimentazione all'unità toccando delicatamente i fili dietro il pannello frontale con un voltmetro. Cerchiamo le viti che tengono la parte di montaggio dell'unità principale sul muro e rimuovile con cura. Se si tratta di un'unità a batteria o di un'unità plug-in, la procedura principale di rimozione dell'interfono è terminata. Se il sistema è cablato, il frontalino non si staccherà completamente e vedrete dei cavi che corrono nella parete dietro il montaggio. Attentamente attorciglia o taglia i fili con le tue pinze.

47

Cambiare la pulsantiera

Utilizzare i cappucci dei fili per tappare il filo inutilizzato sull'estremità della casa e rimuovere il pannello frontale e la staffa di montaggio. Rimarremo con i fili chiusi contro il muro e un piccolo foro.
Se il nostro è un vecchio modello, ormai obsoleto e malandato. In quel caso sarebbe opportuno rivolgersi ad un installatore di apparecchi citofonici, a meno che non siate abili con i circuiti. Potrebbe accadere infatti che il nuovo modello non sia compatibile con l'impianto del vecchio. Tutto dipende dal numero dei cavi e dalla loro funzione. L'installatore sarà certamente in grado di consigliarvi su quale possa essere il modello più adatto alle vostre esigenze. Ciò significa che non dobbiamo mai commettere l'errore di comprare il modello che più ci piace, senza esserci prima documentati sul tipo di impianto che abbiamo e se quest'ultimo necessità di modifiche e se le supporta. Nel caso specifico del videocitofono potrebbero non essere sufficienti i fili, ad esempio. In tal caso bisogna provvedere con i vari kit o addirittura con il passaggio di nuovi cavi per abilitare la postazione. C'è anche da considerare che, nel caso optiamo per il videocitofono, dovremo cambiare anche la pulsantiera per poter permettere la presenza di una telecamera, che sia essa a colori o in bianco e nero.

Continua la lettura
57

Sostituire il morsetto

Solamente dopo esserci accertati che la postazione del vecchio citofono è abilitata, oppure dopo averla abilitata con l'aiuto di un tecnico, possiamo finalmente provvedere all'acquisto del videocitofono adatto e seguire semplicemente tutte le istruzioni che saranno riportate nella confezione. Per quanto riguarda la sostituzione di un modello con uno nuovo, potrebbe essere sufficiente solamente staccare un morsetto dal vecchio e applicarlo al nuovo. Attenzione, lo si è dato per scontato, ma nel caso abitiate in un condominio, va chiesto prima il permesso agli altri condomini.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Rinnovo comunque il consiglio esposto in sede introduttiva, ovvero che sarebbe meglio, qualora non si avessero le competenze e le conoscenze specifiche, di rivolgersi ad un professionista del settore.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Consigli per eliminare completamente l'intonaco vecchio

Nei palazzi molto antichi e nelle ville molto vecchie, molto spesso e presente uno strato di intonaco incrostato e vecchio, abbastanza difficoltoso da rimuovere. I vecchi tipi di intonaco sono solitamente attaccati attraverso uno strato di malta, ed è...
Ristrutturazione

Come dare nuova vita al vecchio parquet

Il parquet è un tipo di pavimentazione composto da listelli di legno, in genere di diverse lunghezze e larghezze, che vengono affiancati gli uni agli altri, per creare una composizione a mosaico. Spesso il parquet è anche di diversi colori, per un effetto...
Ristrutturazione

Come ristrutturare un vecchio casale

Delle volte, passeggiando per graziose strade di campagna, capita di scorgere dei tipici casali e fantasticare su di essi, pensando di acquistarne uno per viverci in tranquillità con tutta la famiglia. Queste strutture spesso appartengono a contadini...
Ristrutturazione

Come posare un nuovo pavimento direttamente su uno vecchio

In ogni casa prima o poi giunge il momento di eseguire dei lavori di ristrutturazione che spesso sono necessari, sia per garantire la sicurezza dell'ambiente che per abbellirne gli interni e gli esterni. La maggior parte riguardano la pavimentazione e...
Ristrutturazione

Come asportare l'intonaco vecchio

L'intonaco dellla parete sta iniziando a screpolarsi, gonfiarsi oppure macchiarsi di muffa fino a distaccarsi dalla base e desiderate prendere alcuni provvedimenti? Qualora si tratti di una semplice muffa e l'intonaco sia ben saldo sul muro, sarà sufficiente...
Ristrutturazione

Come verniciare un vecchio vaso di terracotta

Come vedremo nel corso di questo interessante tutorial, con un minimo di fantasia e originalità, è possibile realizzare dei lavori fai da te eleganti e funzionali, semplicemente riciclando oggetti apparentemente banali e vecchi, come ad esempio un vecchio...
Ristrutturazione

Come ristrutturare un vecchio tavolo con delle piastrelle

Se troviamo giù in cantina un vecchio tavolo dimenticato nel tempo, ma che verte ancora in buone condizioni, potremmo trovare una buona soluzione creando qualcosa di utile e allo stesso tempo creativo. Basta che si tratti di un tavolo semplice, senza...
Ristrutturazione

Come ristrutturare un vecchio capannone

Con la chiusura di molti esercizi commerciali a causa della crisi che ha colpito diversi paesi europei, molti capannoni sono rimasti vuoti e inutilizzati. Solitamente, si tratta di capannoni di grandi dimensioni, alcuni anche in buone condizioni che,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.