Come sostituire lo stucco danneggiato

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Come vedremo nel corso di questo tutorial, la migliore cosa da fare nel caso in cui lo stucco si presenta particolarmente danneggiato (o comunque presenta gravi danni come macchie e spaccature), è quella di provvedere alla sua totale sostituzione. Nonostante possa sembrare un lavoro difficile infatti, sostituire lo stucco è un lavoro in realtà semplice ed economico. Se pertanto siete interessati a scoprire come sia possibile sostituire lo stucco danneggiato in pochi e semplici passi, seguite con attenzione i suggerimenti di seguito, vi indicherò come fare.

26

Occorrente

  • Stucco nuovo
  • Panni puliti
  • Acqua calda
  • Raschietto per stucco
  • Spatola di plastica
  • Sapone e spugna umida
  • Guanti in lattice
36

Tenete conto innanzitutto, che con il passare del tempo lo stucco presente intorno alle piastrelle può presentare macchie anche piuttosto gravi, capaci di rovinare l'estetica delle piastrelle (oltre a metterne a rischio la stabilità delle stesse). La prima cosa da fare per riparare questi danni pertanto, è quella di sostituire interamente lo stucco danneggiato, provvedendo ad acquistare tutti i prodotti necessari allo svolgimento del lavoro.

46

Per eliminare lo stucco danneggiato dalla superficie piastrellata, vi consiglio di utilizzare un apposito raschietto per stucco. Recatevi dunque presso un comune ferramenta ed acquistate un raschietto con più lame ed una spatola di plastica. Adesso potete cominciare il lavoro incidendo lo stucco vecchio, ovvero grattandolo verso l'alto, per evitare di danneggiare le piastrelle. Al termine dell'incisione vi consiglio di lavare perbene le piastrelle, in modo da rimuovere polvere e sporcizia (dopo aver lavato le piastrelle vi consiglio di asciugare perbene tutta la zona pulita con acqua e sapone).

Continua la lettura
56

Adesso prendete lo stucco preparato precedentemente e con l'aiuto di una spatola procedete a stenderlo in modo uniforme, su tutta la superficie. Vi consiglio di passare la spatola con attenzione, in modo tale da stendere lo stucco nelle fughe in modo uniforme, utilizzando la giusta quantità di prodotto. Durante il lavoro di ristrutturazione potrebbe succedere che le piastrelle vicino le fughe si sporchino con lo stucco fresco, in questo caso vi consiglio di pulirle immediatamente con una spugna umida. Per proteggere le mani vi consiglio inoltre di indossare un paio di guanti di lattice.

66

Come avete potuto notare da questa guida, sostituire uno stucco danneggiato è un lavoro semplice ed economico, che richiede solo un po' di impegno e di dimestichezza manuale con i lavori edili. Se avete seguito con attenzione i consigli suddetti, avrete sicuramente ottenuto un ottimo risultato.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come realizzare lo stucco fluido per pavimenti in legno

Per evitare il problema delle infiltrazioni di acqua nelle fessure del pavimento e la conseguente formazione della muffa nera, in edilizia si usa lo stucco, che è un impasto fatto con gesso calce o cemento. Alcuni tipi di stucco possono, però, causare...
Ristrutturazione

Come usare lo stucco per piastrellare

L'uso e il passaggio ottimale dello stucco, consente dii riempire le fughe delle piastrelle migliorandone la durezza nel corso del tempo. Come vedremo nella scelta del materiale, sono tanti i fattori da tenere in considerazione. La scelta di un giusto...
Ristrutturazione

Come restaurare lo stucco veneziano

lo stucco veneziano ovvero una miscellanea di vernici nella tonalità pastello, è il fiore all'occhiello della tradizione artistica e pittorica della città lagunare. Un parete rifinita con dello stucco antico, può essere costantemente restaurata,...
Ristrutturazione

Come decorare le pareti con stucco colorato

Per vivacizzare le stanze e donare loro un nuovo aspetto che regali comfort e serenità, si può pensare di decorare le pareti con dello stucco colorato. In questo progetto decorativo la calda sfumatura color terracotta dell'intonaco fresco è permeata...
Ristrutturazione

Come decorare le pareti con lo stucco veneziano

Da qualche anno a questa parte la moda del fai-da-te sta spopolando, anche a causa della crisi economica che ci affligge giorno dopo giorno. Grazie a questa tecnica è possibile creare nuovi oggetti utilizzando magari materiale di riciclo. I prodotti...
Ristrutturazione

Come si usa lo stucco a cera per mobili

Molti di voi, si saranno certamente chiesti come si usa lo stucco a cera per mobili e proprio per per questa ragione, nella seguente guida, vi illustrerò tutti i passaggi necessari per utilizzare lo stucco a cera nella maniera più corretta possibile....
Ristrutturazione

Come applicare lo stucco veneziano sui mattoni

La chiave per l'uso dello stucco veneziano sta principalmente nell'applicare degli strati sottili, creando così l'impressione di profondità e lucentezza simile a quella del marmo. Questa tecnica richiede non solo una speciale applicazione dell'intonaco,...
Ristrutturazione

Come rimuovere lo stucco epossidico dalle piastrelle

Se avete appena rifinito le piastrelle con dello stucco epossidico ed intendete eliminare quello in eccesso che si è indurito, potere farlo senza danneggiare la superficie e nel contempo in modo semplice e veloce. In riferimento a ciò, nei passi successivi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.