Come smaltire i vecchi elettrodomestici

Tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Nelle città italiane, ma anche in provincia, capita spesso di imbattersi in rifiuti non ordinari che vengono abbandonati ai lati della strada. Lavatrici, frigoriferi, televisori vecchi fanno "bella mostra" anche nelle campagne con gravi danni per l'agricoltura. Questi elettrodomestici provengono solitamente da ambienti domestici e sono lasciati dai cittadini incuranti dell'ambiente oppure che sono poco informati sullo smaltimento di questo tipo di materiale. Leggendo il tutorial si possono avere delle corrette indicazioni e degli utili consigli su come è possibile smaltire i vecchi elettrodomestici senza sostenere costi aggiuntivi.

24

Bisogna sapere che gli elettrodomestici sono costruiti con materiali che hanno dei componenti abbastanza inquinanti: metalli, gas, vernici. Per questo motivo lo Stato ha emanato un decreto, chiamato "uno contro uno", che regola lo smaltimento a carico dei distributori senza nessun costo aggiuntivo. I negozianti devono iscriversi all'Albo Nazionale Gestori Ambientali; così facendo hanno la possibilità di poter portare i rifiuti di apparecchiature elettroniche ed elettriche nei centri di raccolta che sono stati approntati dagli Enti locali.

34

Secondo la disposizione della nuova normativa i negozianti devono assicurare il ritiro gratuito dell'apparecchiatura sostituita al momento dell'acquisto/consegna del bene. Gli esercenti hanno l'obbligo di comunicare ai consumatori la gratuità del ritiro mediante l'affissione di avviso nei locali commerciali. L'unica condizione richiesta è che l’apparecchio da restituire è di tipo equivalente e che ha le stesse funzioni di quello che si vuole comprare. Ad esempio se si acquista un televisore non si può restituire un frigorifero. Al momento dell’acquisto è opportuno informare il rivenditore che si deve fare carico del ritiro del vecchio elettrodomestico.

Continua la lettura
44

Se egli si rifiuta è passibile di una sanzione amministrativa; quest'ultima varia tra i 150 ed i 400 euro per ogni apparecchio non ritirato oppure se vuole un prezzo aggiuntivo. Il decreto da un lato va incontro alle esigenze dei consumatori in quanto facilita lo smistamento/smaltimento e dall'altro è sicuramente un utile strumento per la tutela dell'ambiente. In questo modo si evita che apparecchiature obsolete vengono abbandonate per la strada. Si attua così anche in Italia un modello virtuoso che ha già dimostrato la sua efficacia in molti altri Paesi europei.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come scegliere gli elettrodomestici per la cucina

Scegliere buoni elettrodomestici per la cucina è molto rilevante. Il loro acquisto è un investimento importante sia sotto il profilo economico che per la durata, infatti se ben scelti resteranno in cucina per tanti anni e saranno i responsabili di buona...
Economia Domestica

Come riciclare i vecchi piatti

Avete dei piatti vecchi, ma che proprio non volete buttare? Basta solo un pizzico di fantasia e un po' di pazienza per riutilizzarli e dargli nuova vita. In quest'articolo troverete alcuni consigli e spunti per fare dei vostri vecchi piatti degli oggetti...
Economia Domestica

Come riciclare i vecchi bicchieri di vetro

Chissà perché se guardiamo nello scolapiatti e dentro gli stipetti della cucina ci ritroviamo quattro o cinque serie di bicchieri spaiati? Uno lungo, uno corto, uno bianco ed uno ancora verde. I bicchieri si rompono facilmente e i servizi da dodici...
Economia Domestica

5 modi per riciclare vecchi calendari

Se in casa abbiamo uno o più calendari di tipo tradizionale, ovvero quelli che mese per mese ci propongono immagini diverse con svariati soggetti come animali, paesaggi o nature morte, invece di strappare le pagine conviene soltanto rivoltarle, per poi...
Economia Domestica

Come affrontare un corto circuito in casa

Alla maggior parte di noi, prima o poi, può capitare di imbattersi nei disagi causati da un corto circuito nella propria abitazione. Un evento che certamente si può evitare dotando la propria abitazione di tutti quei sistemi di sicurezza che, da soli,...
Economia Domestica

Come decalcificare l'acqua

L'acqua è la bevanda più buona che esista al mondo, nulla la eguaglia, anche se apparentemente senza sapore ne colore, l'acqua è ciò che ci disseta più di ogni altra cosa. Ma spesso l'acqua scorre in posti piuttosto sporchi o pieni di calcare, che...
Economia Domestica

Come rendere la cucina più funzionale

La cucina rappresenta senza dubbio uno dei luoghi della casa che, più di ogni altro, deve essere organizzato in modo attento, strategico e funzionale. Affinché ciò si verifichi, c'è bisogno di idee giuste e di seguire pochi, importanti accorgimenti....
Economia Domestica

Come comportarsi in caso di corto circuito

Il corto circuito è un particolare caso di conduzione elettrica nel quale la corrente assume il suo valore massimo. Generalmente il corto circuito più comune è quello che avviene in casa quando i fili neutro e di fase della corrente si toccano tra...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.