Come smacchiare i ricami

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Ci sono materiali che possono sembrare particolarmente ostici da pulire in caso di macchie. Pizzi e ricami soprattutto, per via della delicatezza del tessuto e per il fatto che presentano trame con vari intrecci, possono apparire impossibili da pulire adeguatamente. Benché fino a poco tempo fa le stoffe ricamate e i lavori fatti all'uncinetto fossero un vecchio retaggio delle nonne, magari tenuti all'interno di qualche baule, questo tipo di lavorazione sta tornando prepotentemente di moda, rendendoli oggetti di uso sempre più frequente. Vediamo dunque come smacchiare i ricami in maniera efficace, economica e senza rischiare di rovinare i tessuti.

25

Occorrente

  • una federa o un sacchetto di stoffa
  • un piano di polistirolo
  • un telo morbido
  • alcuni spilli
  • Appretto spray
35

Tutti gli oggetti che presentano applicazioni ricamate o i centrini che a volte adornano la nostra casa possono sembrare materiali estremamente delicati e quasi impossibili da lavare in maniera semplice ed efficace. In realtà sarà possibile eseguire un buon lavoro semplicemente adottando qualche accorgimento in più rispetto alla procedura che si svolge per un bucato tradizionale. In questo modo i nostri ricami torneranno bianchi e non rischieremo di rovinare, magari, il regalo ricevuto da una nonna o una vecchia zia.

45

Il fatto che stiamo parlando di capi particolarmente delicati non esclude la possibilità di utilizzare la lavatrice, avendo cura di mettere in pratica qualche accortezza. Prima di questo, è bene tenere i panni in ammollo in una bacinella di acqua tiepida nella quale verseremo un paio di cucchiai di bicarbonato, avendo cura di lasciarli riposare per almeno 8/10 ore. Fatto questo, inseriamoli all'interno di una federa o un sacchetto di tela (per non rovinarli) e mettiamo tutto in lavatrice.

Continua la lettura
55

Impostiamo ora un programma per capi delicati e attendiamo che la lavatrice finisca il ciclo di lavaggio, magari evitando la centrifuga che potrebbe danneggiare i tessuti. Per evitare che i pizzi si sformino asciugando, stendiamoli su un piano di polistirolo rivestito con un telo morbido. Puntiamo alcuni spilli lungo il perimetro, tirando fino ad ottenere la forma originale del centrino. Spruzziamo l'appretto spray e lasciamo asciugare, anche per due o tre ore, un po' di più se ci troviamo in un ambiente umido. In alternativa sarà possibile stendere centrini e stoffe ricamate avvalendosi del ferro da stiro, ma impostando una temperatura bassa e frapponendo sempre un panno in tessuto tra il ferro e le parti con le lavorazioni all'uncinetto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come smacchiare tende ingiallite e macchie di birra

Quando vengono eseguite le pulizie di casa, qualche macchia sembra risultare veramente imbattibili, addirittura per una casalinga esperta. Eppure non bisogna disperarsi o sperare nell'arrivo della fata turchina con la propria bacchetta magica, per rimuovere...
Economia Domestica

Come lavare e stirare il pizzo

I ricami di pizzo sono in grado di conferire ai capi di abbigliamento una grande eleganza. I centrini ed i merletti di pizzo sanno donare alle case ed all'arredamento un tocco di accurata raffinatezza e ricercatezza. Questo tipo di ricamo è però molto...
Pulizia della Casa

Come lavare i ricami a punto croce

Tra le tecniche di ricamo più utilizzate vi è sicuramente il punto croce. Chi ama dilettarsi in questo hobby molto rilassante e particolare è solito decorare capi di biancheria, corredi, coperte e altri tessuti con questo genere di ricami. Il punto...
Pulizia della Casa

Come smacchiare le tazzine da the o caffe'

Il caffè e il the sono bevande che molto spesso macchiano le tazzine, soprattutto quelle in porcellana e peggio ancora quelle in plastica. Spesso non si utilizza il miglior servizio che si ha in casa per paura che possa macchiarsi e rovinarsi completamente...
Pulizia della Casa

Come Pulire i capi di abbigliamento con prodotti naturali

Nei prodotti che utilizziamo per fare il bucato e smacchiare i nostri indumenti, si annidano diverse componenti chimiche, potenzialmente dannose per la nostra salute, e in questo periodo di crisi economica, molto difficile per molti genitori con due o...
Pulizia della Casa

Come smacchiare vari oggetti

Oggetti di ogni sorta, origine e provenienza pretendono di essere puliti e rimessi a nuovo. Ma sono così tanti e i materiali sono così diversi. Per non parlare poi della forma, vero cruccio delle casalinghe di tutto il mondo. Com'è possibile smacchiare...
Pulizia della Casa

Come smacchiare i tessuti

Il bucato è un'incombenza diffusa e anche la persona più attenta sulla faccia della terra ha dovuto affrontare il dilemma delle macchie: come smacchiare i nostri tessuti sporchi di olio, caffè o cioccolato?Niente paura: bastano piccoli accorgimenti,...
Pulizia della Casa

Come Smacchiare Con La Candeggina

Il buon risultato della smacchiatura dipende spesso dalla rapidità con cui si procede ad eliminare le macchie: infatti, una macchia vecchia diventa molto più difficile da togliere. In questa guida ci occupiamo quindi, di come smacchiare con la candeggina,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.