Come smacchiare i ricami

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Ci sono materiali che possono sembrare particolarmente ostici da pulire in caso di macchie. Pizzi e ricami soprattutto, per via della delicatezza del tessuto e per il fatto che presentano trame con vari intrecci, possono apparire impossibili da pulire adeguatamente. Benché fino a poco tempo fa le stoffe ricamate e i lavori fatti all'uncinetto fossero un vecchio retaggio delle nonne, magari tenuti all'interno di qualche baule, questo tipo di lavorazione sta tornando prepotentemente di moda, rendendoli oggetti di uso sempre più frequente. Vediamo dunque come smacchiare i ricami in maniera efficace, economica e senza rischiare di rovinare i tessuti.

26

Occorrente

  • una federa o un sacchetto di stoffa
  • un piano di polistirolo
  • un telo morbido
  • alcuni spilli
  • Appretto spray
36

Tutti gli oggetti che presentano applicazioni ricamate o i centrini che a volte adornano la nostra casa possono sembrare materiali estremamente delicati e quasi impossibili da lavare in maniera semplice ed efficace. In realtà sarà possibile eseguire un buon lavoro semplicemente adottando qualche accorgimento in più rispetto alla procedura che si svolge per un bucato tradizionale. In questo modo i nostri ricami torneranno bianchi e non rischieremo di rovinare, magari, il regalo ricevuto da una nonna o una vecchia zia.

46

Il fatto che stiamo parlando di capi particolarmente delicati non esclude la possibilità di utilizzare la lavatrice, avendo cura di mettere in pratica qualche accortezza. Prima di questo, è bene tenere i panni in ammollo in una bacinella di acqua tiepida nella quale verseremo un paio di cucchiai di bicarbonato, avendo cura di lasciarli riposare per almeno 8/10 ore. Fatto questo, inseriamoli all'interno di una federa o un sacchetto di tela (per non rovinarli) e mettiamo tutto in lavatrice.

Continua la lettura
56

Impostiamo ora un programma per capi delicati e attendiamo che la lavatrice finisca il ciclo di lavaggio, magari evitando la centrifuga che potrebbe danneggiare i tessuti. Per evitare che i pizzi si sformino asciugando, stendiamoli su un piano di polistirolo rivestito con un telo morbido. Puntiamo alcuni spilli lungo il perimetro, tirando fino ad ottenere la forma originale del centrino. Spruzziamo l'appretto spray e lasciamo asciugare, anche per due o tre ore, un po' di più se ci troviamo in un ambiente umido. In alternativa sarà possibile stendere centrini e stoffe ricamate avvalendosi del ferro da stiro, ma impostando una temperatura bassa e frapponendo sempre un panno in tessuto tra il ferro e le parti con le lavorazioni all'uncinetto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come smacchiare i capi di seta

La seta è una delle fibre tessili maggiormente impiegate nella realizzazione di capi pregiati. Oggigiorno, molti tessuti vengono composti da una mescolanza di seta vergine con altri materiali, organici od artificiali. Smacchiare questa tipologia di filati...
Pulizia della Casa

Come smacchiare i tessuti

Il bucato è un'incombenza diffusa e anche la persona più attenta sulla faccia della terra ha dovuto affrontare il dilemma delle macchie: come smacchiare i nostri tessuti sporchi di olio, caffè o cioccolato?Niente paura: bastano piccoli accorgimenti,...
Pulizia della Casa

Come smacchiare con la candeggina

Il buon risultato della smacchiatura dipende spesso dalla rapidità con cui si procede ad eliminare le macchie: infatti, una macchia vecchia diventa molto più difficile da togliere. In questa guida ci occupiamo quindi, di come smacchiare con la candeggina,...
Pulizia della Casa

Come Smacchiare A Secco

Smacchiare un capo è un'operazione comune, ma non del tutto semplice. Spesso infatti, presi magari dalla foga di ripulire un capo d'abbigliamento amato, o un arredo, si effettuano operazioni controproducenti, capaci anche di rovinare irrimediabilmente...
Pulizia della Casa

Come smacchiare i pavimenti di piastrelle o cotto

Ogni tipologia di pavimentazione presente all'interno delle nostre abitazioni ha un bisogno costante di essere pulita in maniera specifica, oltre ad avere la necessità di una manutenzione efficiente per fare in modo che essa venga salvaguardata nel corso...
Pulizia della Casa

Come smacchiare poltrone e divani

Le operazioni di pulizia della nostra casa si possono complicare soprattutto nel momento in cui dobbiamo concentrare tutti i nostri sforzi su determinate aree delicate della nostra abitazione. Per questo motivo, è di fondamentale importanza prendere...
Pulizia della Casa

Come smacchiare la moquette

Quando si parla di moquette si fa riferimento ad un complemento d'arredo molto utilizzato, soprattutto nelle zone anglosassoni. Al giorno d'oggi, la moquette ha assunto un ruolo importante anche nel resto d'Europa. Si tratta di un pavimento alternativo...
Pulizia della Casa

Come smacchiare abiti, poltrone, tessuti macchiati dall'inchiostro della penna biro

Quante volte ci capita di vedere i nostri amati jeans, le magliette, o anche le nostre poltrone del salotto e persino le tende macchiate dall'inchiostro della penna biro. Certamente a chi ha bambini, questo problema lo vive più spesso. Tuttavia, può...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.