Come smacchiare con la candeggina

Tramite: O2O 04/06/2016
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il buon risultato della smacchiatura dipende spesso dalla rapidità con cui si procede ad eliminare le macchie: infatti, una macchia vecchia diventa molto più difficile da togliere. In questa guida ci occupiamo quindi, di come smacchiare con la candeggina, grazie a dei semplici e piccoli accorgimenti per evitare di rovinare per sempre i nostri capi.

26

Occorrente

  • Candeggina
  • Acqua
36

Non utilizzare la candeggina sui capi delicati

Innanzitutto sappiate che la candeggina non deve essere mai usata su capi delicati come la seta, la lana, il lino, la viscosa, il cotone dai colori molto intensi o su tessuti ignifughi. Non si deve mai versarla in recipienti metallici ed in presenza di cerniere lampo o bottoni metallici, perché a contatto con il prodotto si scambiano. Inoltre esiste anche una candeggina specifica per capi delicati e colorati, ma anche in questo caso, bisogna adottare gli stessi accorgimenti detti in precedenza. In questo modo semplice ed anche abbastanza veloce, i nostri capi macchiati e brutti da vedere, ritorneranno a risplendere ed essere candidi come appena comprati.

46

Utilizzare la candeggina per smacchiare tessuti bianchi e resistenti

Ricordate, solitamente la candeggina si utilizza per smacchiare tessuti bianchi e resistenti (tovaglie, tovaglioli, asciugamani e lenzuola), ma essendo corrosiva bisogna fare attenzione a non danneggiarli. Infatti bisogna fare la prova versando pochissime gocce prima in un angolo, in modo tale che se il tessuto non sopporta il trattamento, la macchia che si crea non è visibile. Inoltre la candeggina si deve utilizzare sempre diluita con dell'acqua (due o tre cucchiai di candeggina per ogni litro di acqua): meglio comunque trattare il tessuto più volte con una soluzione debole, piuttosto che una sola volta con una soluzione troppo concentrata che potrebbe rovinarlo per sempre.

Continua la lettura
56

Lasciare in ammollo il capo da smacchiare

In conclusione bisogna prendere il capo da smacchiare e lasciarlo in ammollo per circa un quarto d'ora in un recipiente. Trascorso tale tempo, si deve sciacquarlo più volte in acqua fredda in modo da eliminare completamente l'odore della candeggina sul capo. Se invece versiamo due cucchiai da caffè nel cestello della lavatrice, bisogna impostarla con il programma candeggio o prelavaggio. Inoltre in entrambi i casi, i capi trattati con la candeggina devono essere stesi lontani dal sole per evitare la formazione di macchie gialle. Se la si usa per smacchiare il bucato dei neonati, invece conviene mettere gli abiti da smacchiare nella lavatrice per essere sicuri che l'odore che lascia il prodotto, sia eliminato completamente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come smacchiare i capi di seta

La seta è una delle fibre tessili maggiormente impiegate nella realizzazione di capi pregiati. Oggigiorno, molti tessuti vengono composti da una mescolanza di seta vergine con altri materiali, organici od artificiali. Smacchiare questa tipologia di filati...
Pulizia della Casa

Come lavare i capi bianchi con la candeggina

Il lavaggio di un capo di biancheria è una cosa molto seria. Un errore di valutazione può compromettere irrimediabilmente il colore e la qualità del tessuto. Per garantire il candore ai capi bianchi si ricorre alla candeggina. Si tratta di una soluzione...
Pulizia della Casa

Come rimuovere le macchie di candeggina dai tessuti

Durante le pulizie e le faccende domestiche capita spesso di utilizzare una moltitudine di prodotti. Ognuno di essi svolge una funzione diversa ed è utile ad uno o più scopi. Nel trattamento di capi e indumenti possiamo fare affidamento su diversi agenti...
Pulizia della Casa

5 alternative efficaci alla candeggina

La candeggina, scientificamente definita ipoclorito di sodio, viene largamente utilizzata per usi domestici, in particolare nella pulizia, grazie alle sue proprietà sbiancanti e disinfettanti.Tuttavia la sua composizione chimica possiede caratteristiche...
Pulizia della Casa

Come sbiancare un mobile con candeggina

Il passare del tempo e l'uso possono rovinare gli strati di pittura o macchiare la superficie naturale del legno. Nel primo caso il lavoro da svolgere è duplice: innanzitutto si deve eliminare lo/gli strati di vernice che coprono il legno, detta sverniciatura,...
Pulizia della Casa

Come pulire e smacchiare gli ombrelli

Con l'arrivo dell'inverno si riprendono dal caro, vecchio armadio i vestiti pesanti, le coperte, le trapunte, gli stivali e un oggetto che molto spesso passa inosservato in casa fino al giorno della pioggia: l'ombrello. Un buon ombrello costa parecchio,...
Pulizia della Casa

Come smacchiare i tessuti

Il bucato è un'incombenza diffusa e anche la persona più attenta sulla faccia della terra ha dovuto affrontare il dilemma delle macchie: come smacchiare i nostri tessuti sporchi di olio, caffè o cioccolato?Niente paura: bastano piccoli accorgimenti,...
Pulizia della Casa

Come smacchiare la seta colorata

Gli abiti più belli sono solitamente quelli più eleganti, spesso creati con tessuti molto pregiati come la seta o il raso. Chi ha un abito realizzato con questo tessuto come ad esempio la seta, deve naturalmente fare molta attenzione a non rovinarlo,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.