Come si usa lo stucco a cera per mobili

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Molti di voi, si saranno certamente chiesti come si usa lo stucco a cera per mobili e proprio per per questa ragione, nella seguente guida, vi illustrerò tutti i passaggi necessari per utilizzare lo stucco a cera nella maniera più corretta possibile. Questo prodotto si trova in commercio in comodi stick di varie tonalità, non potete quindi colorarlo, a meno che mischiate due elementi diversi. È possibile preparare lo stucco a cera in maniera abbastanza semplice, utilizzando della trementina o della cera d'api da far sciogliere a bagnomaria. Vediamo quindi come procedere.

27

Occorrente

  • stick colorati di stucco
  • terra colorata
  • trementina
37

Innanzitutto, la procedura per preparare questo tipo di stucco si basa sulla cottura a bagnomaria. Non va utilizzato il fuoco vico o il forno, perché le temperature eccessivamente elevate andrebbero ad alterare la colorazione scelta irrimediabilmente. Dopo aver scelto lo stick della tonalità desiderata, preparate un pentolino di acqua, dopodiché mettete un piattino sopra esso. Quando l'acqua giunge al punto di ebollizione, versate poco per volta qualche goccia di trementina. Questo liquido accelera la fusione della cera. Successivamente, tenendo la fiamma bassa, aggiungete i pezzetti di cera.

47

Quando la cera comincia a sciogliersi, mescolate i due ingredienti con un cucchiaino da caffè. Incorporate poi la terra naturale prescelta, che ha il compito di far raggiungere allo stucco la colorazione ideale. Tenete presente che con l'incrementare della temperatura il colore della terra e della cera tende a cambiare leggermente, scurendosi progressivamente. Una volta che lo stick si è liquefatto e tutte le componenti si sono amalgamate, travasate il composto in uno stampino. Arrivati a questo punto, fate asciugare lo stucco a temperatura ambiente, in un luogo fresco ed asciutto, lontano dall'esposizione diretta dei raggi solari.

Continua la lettura
57

Trascorso il tempo necessario, estraete lo stucco dallo stampino, facendo attenzione a non rompere il panetto. Pulite la zona da riparare e sabbiatela leggermente con una carta vetrata a trama fine. Prelevate una piccola quantità di prodotto e lavorate lo stucco fino a ottenere un cordoncino sottile. Inseritene un pezzettino nella fessura o nella lacuna. Aiutatevi con un spatola per appiattirlo all'interno e distribuirlo in maniera uniforme. Non eccedete con la quantità, in quanto questa tipologia di stucco non perde volume come quello tradizionale. Lasciate che asciughi, quindi carteggiate nuovamente la zona.

67

Guarda il video

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come realizzare lo stucco fluido per pavimenti in legno

Per evitare il problema delle infiltrazioni di acqua nelle fessure del pavimento e la conseguente formazione della muffa nera, in edilizia si usa lo stucco, che è un impasto fatto con gesso calce o cemento. Alcuni tipi di stucco possono, però, causare...
Ristrutturazione

Come rimuovere lo stucco veneziano cerato

Se avete appena preso casa e notate che le pareti trattate con dello stucco veneziano cerato sono malridotte, prima di provvedere ad una nuova tinteggiatura o usare della carta da parati, è importante rimuovere la suddetta sostanza, poiché non è in...
Ristrutturazione

Come sostituire lo stucco danneggiato

Come vedremo nel corso di questo tutorial, la migliore cosa da fare nel caso in cui lo stucco si presenta particolarmente danneggiato (o comunque presenta gravi danni come macchie e spaccature), è quella di provvedere alla sua totale sostituzione. Nonostante...
Ristrutturazione

Come usare lo stucco per piastrellare

L'uso e il passaggio ottimale dello stucco, consente dii riempire le fughe delle piastrelle migliorandone la durezza nel corso del tempo. Come vedremo nella scelta del materiale, sono tanti i fattori da tenere in considerazione. La scelta di un giusto...
Ristrutturazione

Come restaurare lo stucco veneziano

lo stucco veneziano ovvero una miscellanea di vernici nella tonalità pastello, è il fiore all'occhiello della tradizione artistica e pittorica della città lagunare. Un parete rifinita con dello stucco antico, può essere costantemente restaurata,...
Ristrutturazione

Come decorare le pareti con stucco colorato

Per vivacizzare le stanze e donare loro un nuovo aspetto che regali comfort e serenità, si può pensare di decorare le pareti con dello stucco colorato. In questo progetto decorativo la calda sfumatura color terracotta dell'intonaco fresco è permeata...
Ristrutturazione

Come realizzare uno stucco veneziano

A causa della crisi spesso ci si deve privare di tantissime cose ma grazie ai materiali fai-da-te sempre meno costosi e ad Internet che contiene milioni di guide su ogni cosa, in molti si cimentano a costruire da sé oggetti che è impossibile creare,...
Ristrutturazione

Come applicare lo stucco veneziano sui mattoni

La chiave per l'uso dello stucco veneziano sta principalmente nell'applicare degli strati sottili, creando così l'impressione di profondità e lucentezza simile a quella del marmo. Questa tecnica richiede non solo una speciale applicazione dell'intonaco,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.