Come seccare le zucche

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Le zucche secche sono divertenti da creare, grazie ai molteplici usi decorativi. Si possono fare tante cose come ad esempio verniciarle, rivestirle con la gommalacca o lasciarle grezze. Le zucche una volta essiccate diventano leggere e fragili. Se lasciamo i semi all'interno, possiamo anche ottenere uno strumento musicale. Un esempio sono i tamburelli per la taranta. In questa guida, vedremo, quindi, come seccare le zucche.

27

Occorrente

  • Una zucca fresca
37

Le zucche appartengono alla famiglia del cetriolo e del melone. Sono piante che crescono nella stagione calda, in quanto il gelo eccessivo tende a distruggerle. Se le indicazioni meteorologiche indicano del gelo in arrivo, bisogna raccogliere tutte le zucche per poi conservarle in un luogo fresco. Il luogo perfetto è una stanza ben arieggiata, disponendo le zucche su vassoi. In questo modo si garantisce la libera circolazione dell'aria.

47

Se stanno arrivando le basse temperature, ma le zucche sono morbide, è meglio lasciarle sulla pianta. Il primo gelo, infatti, tende solo ad indurire le zucche, senza distruggerle. Dopo questa fase possiamo raccoglierle e passare alla conservazione. Alcune zucche tendono a seccarsi facilmente, mentre altre, hanno bisogno di uno speciale trattamento. Una zucca è composta dal 90% di acqua, per questo è necessario metterla in un recipiente, in modo che l'umidità vada verso la superficie esterna. Se dovesse formarsi la muffa, ma rimane ancora dura, bisogna raschiarla e pulirla. Anche nel caso di altra formazione, bisogna ripetere la raschiatura e asciugarla ogni volta. Il processo di essiccazione di una zucca può richiedere fino a un mese. Bisogna, però, tenerla sempre in un luogo fresco e ben ventilato. Sopratutto bisogna controllarla ogni giorno.

Continua la lettura
57

Quando, agitando la zucca, sentiamo il rumore dei semi all'interno, allora la zucca è completamente asciutta e priva di acqua. Ora possiamo finalmente dedicarci alle varie elaborazioni. Una di queste è il classico svuotamento, per andare a creare la famosa zucca di Halloween. Si usa come ornamento nel giardino, con all'interno dei ceri che specie in quella notte, forniscono un aspetto bello e particolarmente colorato. L'essiccazione della zucca, è anche un ottimo metodo per poi utilizzarla in cucina. Specie nei mesi invernali, quando il clima non ci consente di poterla gustare fresca. Possiamo preparare qualcosa di delicato insieme ai calamari oppure creare la classica miscela con la pasta. Con l'aggiunte finale del peperoncino andremo a creare un piatto particolarmente raffinato ed afrodisiaco.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • La zucca è molto versatile in cucina, potete preparare ottimi piatti

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come seccare i peperoncini piccanti

Il peperoncino fu importato dall'America dal navigatore italiano Cristoforo Colombo e divenne ben presto largamente utilizzato nella cultura culinaria europea. Anche le civiltà precolombiane, come ad esempio i Maya e gli Aztechi, ne facevano un grande...
Economia Domestica

Come riciclare la zucca di Halloween

Anche quest'anno la festa di Halloween è ormai passata, e come ogni anno, avrete sicuramente riposto nell'armadio maschere, costumi e festoni che potrete riutilizzare l'anno prossimo, anche se i dolcetti e le caramelle raccolti dai bambini allieteranno...
Economia Domestica

Frutta e verdura di stagione di ottobre: cosa comprare

Per avere una dieta abbastanza sana è necessario sempre adottare un sistema alimentare corretto. È molto indicato ad esempio seguire sempre una dieta ricca di frutta e verdura di stagione, ed evitare la frutta fuori tempo che solitamente viene trattata...
Economia Domestica

Come raccogliere e conservare i semi dopo l'estate

Durante la bella stagione, a partire dalla primavera, sono tante le piante e i fiori che sbocciano. Il periodo tra Marzo e Aprile è il migliore per apprezzare la bellezza della nuova vita che nasce. Chi possiede un cortile o un giardino avrà con tutta...
Economia Domestica

Come lavare e stirare il pizzo

I ricami di pizzo sono in grado di conferire ai capi di abbigliamento una grande eleganza. I centrini ed i merletti di pizzo sanno donare alle case ed all'arredamento un tocco di accurata raffinatezza e ricercatezza. Questo tipo di ricamo è però molto...
Economia Domestica

Come conservare le foglie di dragoncello

In cucina spesso è necessario utilizzare parecchie spezie per dare molto più sapore ai piatti. Le spezie sono fondamentali per insaporire ogni pietanza e per dare la giusta piccantezza e la giusta particolarità sia a un ottimo primo piatto, che a un...
Economia Domestica

Come conservare i cibi in frigorifero con i contenitori

Siete stanchi di gettare alimenti andati a male in frigorifero? Sapevate che le modalità di conservazione nei moderni frigoriferi influenzano (e di molto) i tempi di mantenimento?I refrigeratori no-frost (come la quasi totalità dei dispositivi moderni)...
Economia Domestica

Come trattare il legno esposto al sole

Molti sono i mobili o i vari accessori da giardino, che durante l'estate vengono esposti al sole per parecchio tempo. Gazebi, sdraio, panche, dondoli, tavoli, sedie, ecc., sono solo alcuni dei mobili che vengono posizionati sempre il sole e possono completamente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.