Come seccare i peperoncini piccanti

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il peperoncino fu importato dall'America dal navigatore italiano Cristoforo Colombo e divenne ben presto largamente utilizzato nella cultura culinaria europea. Anche le civiltà precolombiane, come ad esempio i Maya e gli Aztechi, ne facevano un grande utilizzo. Da allora, il peperoncino è ancora un condimento indispensabile nella cucina italiana e diverse nuove ricette lo hanno visto protagonista anche di cocktail e bevande. L'ampio utilizzo di questo prodotto è dovuto soprattutto alla facilità con la quale si coltivano le piantine di peperoncino. Queste, infatti, non richiedono molta cura, né molto spazio e, proprio per tale ragione, possono essere coltivate facilmente anche sul balcone di casa propria. Tuttavia, si rende necessario riuscire a conservare adeguatamente il prodotto per non deteriorarne il sapore. Il metodo migliore è l'essiccazione. A tal riguardo, nei successivi passi di questa guida, vi spiegherò come seccare correttamente i peperoncini piccanti.

27

Occorrente

  • Peperoncini
  • coltello affilato
  • carta da cucina
  • barattoli a chiusura ermetica
37

Evitare di mangiare troppi peperoncini

Al giorno d'oggi, le varietà di peperoncini coltivate dall'uomo sono davvero moltissime, da quelle piccole e piccantissime a quelle più grandi ma dal sapore meno forte, fino ad arrivare alle varietà più dolci. Eccedere con questo alimento non è mai un'ottima idea perché potrebbe causare infiammazioni all'apparato gastrointestinale e renale.

47

Pulire i peperoncini con un panno asciutto

Tuttavia, non si può far a meno di utilizzarlo nelle ricette più disparate. Inoltre, bisogna tener presente che seccare i peperoncini piccanti è l'unica alternativa valida per conservarne nel tempo l'aroma e la piccantezza. Durante tutte le operazioni, dovrete maneggiare i peperoncini con molta attenzione, evitando il contatto diretto con gli occhi. Per quanto riguarda il primo metodo, anzitutto dovrete pulire i peperoncini rimuovendo i semini interni con un coltello affilato, dopodiché dovrete tagliarli in due parti e porli su dei fogli di carta da cucina.

Continua la lettura
57

Porre i peperoncini in forno

Successivamente, dovrete inserirli nel forno ad una temperatura di circa 60° per circa cinquanta minuti, in maniera tale da far assorbire tutta l'umidità presente. Durante questa fase di preparazione, sarà molto importante non aumentare la temperatura del forno, altrimenti rischierete di far perdere ai peperoncini tutti i loro preziosi aromi. Una volta rimossi dal forno, dovrete necessariamente esporli al all'aria aperta per qualche giorno, in modo che si secchino e possano essere conservati in dei barattoli a chiusura ermetica. La sera, per evitare che l’umidità ne impedisca l’essiccazione, dovrete riporre i peperoncini in un luogo fresco ed asciutto. Buon lavoro!

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

5 alimenti da non scaldare al microonde

In ogni cucina è ormai presente il tanto utilizzato forno a microonde. Questo pratico accessorio permette di scaldare le pietanze, scongelarle e cuocerle. Viene utilizzato anche in alcune ricette per qualche cottura particolare, ma l'uso più diffuso...
Economia Domestica

Idee per regali di Natale fatti a mano

Con l'avvicinarsi del Natale, nasce la preoccupazione di cosa regalare ai propri amici e familiari. La tecnica del fai da te va molto di moda ultimamente! Con essa è possibile realizzare vere e proprie opere d'arte con le proprie mani. Conserve, biscotti,...
Economia Domestica

10 consigli per usare il microonde

Il microonde, è un elettrodomestico indispensabile da tenere in ogni cucina. Pratico da utilizzare e comodo per essere usato quando si ha fretta di preparare o riscaldare qualcosa, il microonde è davvero un accessorio unico e irrinunciabile. Se avete...
Economia Domestica

Come lavare e stirare il pizzo

I ricami di pizzo sono in grado di conferire ai capi di abbigliamento una grande eleganza. I centrini ed i merletti di pizzo sanno donare alle case ed all'arredamento un tocco di accurata raffinatezza e ricercatezza. Questo tipo di ricamo è però molto...
Economia Domestica

Come conservare le foglie di dragoncello

In cucina spesso è necessario utilizzare parecchie spezie per dare molto più sapore ai piatti. Le spezie sono fondamentali per insaporire ogni pietanza e per dare la giusta piccantezza e la giusta particolarità sia a un ottimo primo piatto, che a un...
Economia Domestica

Come conservare i cibi in frigorifero con i contenitori

Siete stanchi di gettare alimenti andati a male in frigorifero? Sapevate che le modalità di conservazione nei moderni frigoriferi influenzano (e di molto) i tempi di mantenimento?I refrigeratori no-frost (come la quasi totalità dei dispositivi moderni)...
Economia Domestica

Come trattare il legno esposto al sole

Molti sono i mobili o i vari accessori da giardino, che durante l'estate vengono esposti al sole per parecchio tempo. Gazebi, sdraio, panche, dondoli, tavoli, sedie, ecc., sono solo alcuni dei mobili che vengono posizionati sempre il sole e possono completamente...
Economia Domestica

Come preparare un antitarme naturale in casa

A chi non è capitato mai almeno una volta di andare ad aprire gli armadi o i cassetti e trovare le maglie piene di minuscoli buchini? Sono sicura che questo episodio vi è familiare. Purtroppo la colpa di questo fastidiosissimo problema è da addebitare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.