Come scoprire se l'impianto elettrico è a norma

Tramite: O2O 22/03/2018
Difficoltà: media
15

Introduzione

Un intervento a livello di sicurezza per chi abita in una casa o in un appartamento, magari già un po' datati, oppure d'epoca, è quello di verificare lo stato dell'impianto elettrico. È buona norma, chiamare un elettricista e controllare le condizioni dell'impianto. Le verifiche devono necessariamente essere fatte da un professionista con relativa iscrizione all'albo, in quanto, se esegue dei lavori all'impianto, deve poi essere in grado di rilasciare i certificati per l'avvenuta esecuzione dei lavori a regola d'arte. Vediamo nella guida come scoprire se l'impianto elettrico è a norma.

25

Impianto elettrico datato

Se nell'abitazione abbiamo un impianto un po' datato e quindi non più corrispondente alle normative di legge, non ci rimane altro che farci fare un preventivo per i lavori da eseguire da un elettricista. Ci sono diversi step di valutazioni da fare. Possono essere necessarie solo alcune modifiche, tipo cambiare le prese di corrente, sostituire dei cavi elettrici e/o installare un salvavita, come invece si può trattare di dover rifare completamente l'impianto elettrico. A questo punto, faremo le dovute considerazioni. Ci converrà metter mano all'impianto elettrico? Magari si devono anche affrontare altri lavori di una certa entità, quindi valutiamo lo stato dell'immobile nel suo insieme con i relativi costi per una eventuale ristrutturazione.

35

Impianto elettrico di nuova installazione

Se abbiamo acquistato un appartamento nuovo o di recentissima costruzione, abbiamo quasi la certezza assoluta di avere impianti di ultima generazione. A questo punto, oltre che a prendere visione delle varie parti, che solitamente sono: prese, interruttori, dispositivi, punti luce, salvavita, contatore, ecc., verifichiamo anche la documentazione rilasciata dall'installatore. Quest'ultima deve contenere la dichiarazione che dell'impianto è stato costruito a regola d'arte.

Continua la lettura
45

Documentazione al momento dell'acquisto dell'immobile

Sia che si debba cedere o acquistare un immobile, bisogna accertarsi di essere in possesso di tutta la documentazione relativa all'impianto elettrico. Andrà acquisito il documento relativo allo stato dell'impianto, rilasciato dal professionista che lo ha installato. Se il documento non è presente, è opportuno richiedere un sopralluogo da un elettricista che sia in grado di certificare lo stato in essere dell'impianto. Nel caso, se ci sono delle modifiche da eseguire, tipo: prese aggiuntive o dispositivi di sicurezza da installare, ecc., quest'ultimi, dovranno essere certificati come corrispondenti alle leggi vigenti. Verrà rilasciata la dichiarazione di conformità, unita ad altri documenti che attestano: "l'impianto è stato costruito e collaudato rispettando le normative delle attuali leggi in termini di sicurezza." https://www.fazland.com/articoli/approfondimenti/come-fare-un-impianto-elettrico-a-norma-dalla-a-alla-z.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Solo personale specializzato è in grado di svolgere lavori a regola d'arte
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come eliminare l'aria in un impianto di riscaldamento

Per avere una maggiore efficienza energetica, le nostre abitazioni necessitano di costante manutenzione. L'impianto di riscaldamento viene utilizzato per lunghi periodi, ogni anno. L'utilizzo comporta l'accumulo di aria nelle condotte. Essa, espandendosi...
Economia Domestica

Come utilizzare un bollitore elettrico

Il bollitore elettrico è un contenitore generalmente in plastica o in acciaio, con all'interno una resistenza che riscalda l'acqua portandola ad ebollizione. È costituito da una brocca con coperchio incernierato che si appoggia su una base che gli dà...
Economia Domestica

Termosifoni elettrici: pro e contro

Una casa ben riscaldata è molto importante dal punto di vista del benessere di chi la abita. Senza calore, con il trascorrere del tempo, l'immobile potrebbe presentare delle problematiche come l'insorgenza di muffe sui muri, oppure rotture alle tubature...
Economia Domestica

Come affrontare un corto circuito in casa

Alla maggior parte di noi, prima o poi, può capitare di imbattersi nei disagi causati da un corto circuito nella propria abitazione. Un evento che certamente si può evitare dotando la propria abitazione di tutti quei sistemi di sicurezza che, da soli,...
Economia Domestica

Come funziona la lavastoviglie

Fino a poco tempo fa, la lavastoviglie era un elettrodomestico acquistato dalle famiglie con un reddito medio-alto. Inoltre non era poi tanta apprezzata, poiché la casalinga disponendo di tempo a sufficienza era abituata a lavare piatti e quant'altro...
Economia Domestica

Come funziona un generatore eolico

In ogni famiglia, oggi, incidono molto sul bilancio familiare le varie bollette di acqua, luce e gas. Come fare, allora, per risparmiare, almeno in parte, e risollevare il morale di tutti? Esistono vari sistemi per generare energia a basso costo, tra...
Economia Domestica

Vantaggi e svantaggi del riscaldamento a battiscopa

Se la tua abitazione non è dotata di un sistema di riscaldamento centrale, mantenerla adeguatamente calda durante i mesi invernali potrebbe richiedere l'uso di soluzioni supplementari, tra cui l'innovativo riscaldamento a battiscopa. I caloriferi tradizionali...
Economia Domestica

Come scegliere le stufe elettriche per risparmiare

L'utilizzo di una stufa elettrica per riscaldarsi è un sistema non molto economico, ma coloro che non possono farne a meno, attualmente, sono avvantaggiati rispetto al passato. Infatti, prima si poteva acquistare soltanto la classica stufa, che però...