Come scegliere le stufe elettriche per risparmiare

Tramite: O2O 31/08/2017
Difficoltà: media
15

Introduzione

Come scegliere le stufe elettriche per risparmiare

L'utilizzo di una stufa elettrica per riscaldarsi è un sistema non molto economico, ma coloro che non possono farne a meno, attualmente, sono avvantaggiati rispetto al passato. Infatti, prima si poteva acquistare soltanto la classica stufa, che però consumava un'enorme quantità di energia, mentre oggi in commercio sono disponibili tantissimi modelli che consumano poca energia. Con i passaggi successivi di questo tutorial vi forniremo alcuni utili consigli su quelle che sono le caratteristiche e le differenze tra le diverse tipologie di stufe elettriche: in particolare, vedremo come scegliere quella più adatta alle proprie esigenze per poter risparmiare.

25

Considerare i consumi

Come prima cosa, è fondamentale sapere che una stufa a resistenza elettrica funziona grazie il processo di trasformazione dell'energia elettrica in calore. I consumi, specialmente nei macchinari di vecchia generazione, possono essere molto alti, intorno ai 2000 w/h. In questo caso le conseguenze sono negative anche per gli isolamenti dell'impianto elettrico di casa. È consigliabile, pertanto, accertarsi di avere degli impianti a norma e che essi siano protetti da adeguati interruttori.

35

Considerare le diverse tipologie

Andiamo ora a vedere quelle che sono le principali stufe elettriche presenti sul mercato. Cominciamo con la stufa a resistenza, che è il modello più "vecchio": essa basa il proprio funzionamento sul riscaldamento di una resistenza elettrica, possiede un alto consumo di energia e, di conseguenza, i costi per il suo utilizzo sono piuttosto alti. La stufa alogena, invece, produce il calore mediante le lampade a risparmio energetico: si tratta di una tra quelle con i consumi più bassi, per cui è anche la più economica. La stufa al quarzo è simile a quella alogena, ma in questo caso le lampade si scaldano più in fretta e i consumi sono di poco superiori a quelli dell'alogena.

Continua la lettura
45

Considerare il costo

Per quello concerne l'aspetto economico, esso si aggira tra i 10 ai 400 euro. La spesa per un stufa alogena, al quarzo o a infrarossi di dimensioni non enormi si aggira intorno ai 30 euro. Nella scelta della stufa bisogna tenere presenti le dimensioni e la particolarità del modello: attualmente sono abbastanza diffuse le stufe a infrarossi che simulano la fiamma del caminetto. Esse hanno un costo che si aggira intorno ai 100 euro. A proposito dei consumi, è bene sapere che ai 2000 w/h può arrivare una stufa a resistenza elettrica se non è regolata da appositi timer, mentre per le altre categorie si arriva fino a 800 w/h.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Le migliori stufe a pellet

Le stufe a pellet costituiscono un sistema di riscaldamento più economico rispetto ad analoghi dispositivi. La materia prima, il pellet, si ottiene dagli scarti della lavorazione del legno. Si tratta di una sostanza completamente ecologica e naturale....
Economia Domestica

I vantaggi e gli svantaggi delle stufe a pellet

Le stufe a pellet bruciano segatura compressa per generare calore. Si possono utilizzare in spazi residenziali oppure a livello industriale. Si sono molto diffuse negli ultimi anni in quanto permettono di non dover più utilizzare alcun tipo di gas per...
Economia Domestica

Come risparmiare con una stufa a petrolio

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad una crescita esponenziale dei sistemi di riscaldamento; infatti, l'utilizzo di una stufa a petrolio ha decisamente preso il sopravvento su quella a gas o elettrica. Tale idea nasce dal costante aumento delle tariffe...
Economia Domestica

Come risparmiare soldi con il riscaldamento elettrico

Il riscaldamento è certamente uno dei bisogni di cui necessitiamo durante l'inverno, ma spesso le bollette che giungono a casa sono salate e proibitive, per questo bisogna trovare un modo per risparmiare sul riscaldamento. In questa guida illustrerò...
Economia Domestica

I consigli per risparmiare sulla spesa mensile

Oggi si fanno salti mortali per gestire il budget mensile. I continui rincari di prezzi e tariffe, costringono le famiglie italiane a stare attenti anche ai centesimi. Risparmiare sembra sia diventata la parola d’ordine. Tuttavia tutti cercano di risparmiare...
Economia Domestica

Come risparmiare gas in cucina

Le bollette di gas e luce hanno un'incidenza notevole nel bilancio familiare: una delle stanze che ci impegna di più finanziariamente è la cucina perché è proprio qui che si concentrano gli apparecchi che funzionano a gas (caldaia e cucina). Il gas...
Economia Domestica

Come risparmiare sulla spesa di tutti i giorni

Ultimamente il famiglie italiane sono costrette a fare i conti con la crisi economica. Alcune persone arrivano a fine mese riducendo i consumi di gas ed energia elettrica, di carburante, di vizi e capricci. Da una recente indagine risulta che gli italiani...
Economia Domestica

Come regolare la caldaia per risparmiare

Il risparmio energetico è di fondamentale importanza per gestire il proprio budget economico a disposizione. Il modo migliore per farlo nel periodo invernale, è quello di regolare a puntino la caldaia. A tal proposito, in questa guida, vi forniremo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.