Come scegliere la legna da ardere nel camino

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

In una fredda giornata invernale, non c'è niente di meglio che riscaldarsi davanti ad un fuoco ardente, ma non tutta la legna da ardere produce gli stessi risultati. Quella di buona qualità, infatti, aiuterà a mantenere più pulito il camino, il quale brucerà la legna in modo più efficiente; in caso contrario, invece, potrebbero verificarsi problemi di fumo, di odore e un rapido accumulo di fuliggine sulle pareti del camino e della canna fumaria. Vediamo allora come scegliere la legna da ardere nel camino.

26

Occorrente

  • Legna da ardere
  • Camino
36

Scegliere il legno stagionato

Tutta la legna da ardere contiene acqua. Il legno appena tagliato può contenere fino al 45% di acqua, mentre quello ben stagionato ha generalmente un contenuto di umidità che si aggira intorno al 20-25%. La legna da ardere ben stagionata è più facile da avviare, produce più calore e brucia in modo più pulito. La cosa importante da ricordare è che non devono esserci tracce di acqua prima che la legna brucerà, pertanto se quest'ultima viene tagliata da 6 mesi ad un anno prima, e se correttamente conservata all'aperto, il sole e il vento la renderanno ideale per questo scopo. Se si tenta di bruciare della legna fresca, il calore prodotto dalla combustione dovrà asciugare il legno prima che bruci, consumando una grande percentuale di energia disponibile nel processo. Ciò si traduce in meno calore in casa e un accumulo di acqua acida nel camino.

46

Scegliere il legno duro

Gli alberi hanno densità diverse e sono generalmente divisi in legni duri e teneri: il legno duro pesa circa il doppio di quello tenero e impiega circa il doppio del tempo per bruciare, per cui emette potenzialmente il doppio di calore. Uno dei motivi per cui i legni duri emanano molto più calore dei legni teneri è perché i tronchi densi producono carbone a lunga combustione, che è un'eccellente fonte di calore. A tal proposito, la migliore legna da ardere proviene dai tronchi degli alberi di quercia, corniolo, conifera, acero, betulla e ciliegio.

Continua la lettura
56

Scegliere il legno resinoso

Il legno resinoso si accende molto rapidamente ed è ottimo soprattutto per l'avviamento; inoltre, brucia abbastanza rapidamente ed in maniera pulita in quanto produce pochissimi carboni che continuano ad emanare calore anche dopo che la fiamma si è spenta. Ma oltre a tutto ciò, un recente studio ha dimostrato che i legni resinosi producono meno fuliggine e creosoto rispetto ad altri tipi di legno, facilitando così anche la pulizia e la manutenzione del camino. Si tratta, tutto sommato di una tipologia di legno adatta specialmente per soddisfare esigenze di riscaldamento di ambienti grandi situati in zone particolarmente fredde.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come risparmiare sulla legna del camino

Forse non tutti sanno che l'uso del camino risale a tempi antichissimi. Ormai siamo entrati nell'era della tecnologia, tuttavia il camino rimane il sistema di riscaldamento più ecologico e con il miglior rendimento termico. Esso ha ovviamente bisogno...
Economia Domestica

Come riscaldare tutta la casa con il camino

Riscaldare tutti gli ambienti della propria casa rappresenta un po' il desiderio di tutti, soprattutto quando si avvicinano i primi freddi invernali. Inoltre, riuscire a riscaldare in maniera uniforme l'intera abitazione, sia essa sviluppata su uno o...
Economia Domestica

Come scegliere la legna per il termocamino

Oggi l'uso in ambito domestico di un termocamino è sempre più frequente, dati i numerosi vantaggi che quest'ultimo comporta. Il termocamino, è in grado di diffondere un calore omogeneo e di asciugare l'umidità in eccesso. Se avete poco tempo a disposizione,...
Economia Domestica

Come accendere il fuoco in una stufa a legna

Le stufe a legna, come tutti sapete utilizzano il legno come combustibile. Esse possono essere realizzate in ghisa, in ceramica o in acciaio e possono diventare un vero e proprio oggetto di design. Attraverso il loro utilizzo si può ottenere una resa...
Economia Domestica

Come scegliere uno scaldabagno a legna

Se l'inverno si avvicina e state pensando di rimodernare il vostro sistema di riscaldamento dell'acqua potreste pensare di adoperare uno scaldabagno a legna. Lo scaldabagno a legna se ben scelto e dimensionato rispetto all'impianto idraulico della casa,...
Economia Domestica

Come utilizzare il forno a legna

Chi ha un forno a legna in casa, ha una miniera. Prepararvi pane, pizze o dolci, assicura una qualità superiore ai cibi, conferendo aromi e profumi del tutto particolari. Avere delle buone ricette però, non è sufficiente per ottenere dei risultati...
Economia Domestica

Come verificare il tiraggio della canna fumaria

La canna fumaria ha il ruolo importante di riversare all'esterno i fumi di combustione prodotti dagli impianti di riscaldamento, come i camini, le stufe a legna e a gas e i vari tipi di caldaie. La canna fumaria è necessaria per un regolare funzionamento...
Economia Domestica

Come aumentare la pressione barometrica in casa

In questa guida, ci occuperemo di come aumentare la pressione barometrica in casa. Se questa terminologia dovesse sembrare particolarmente difficile da comprendere, basterà semplificarla specificando solamente: come aumentare la temperatura in casa....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.