Come scegliere il colore per uno studio

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La stanza studio è il luogo dell'apprendimento, della creatività e della professione. Questa particolare stanza,all'interno di una casa o di un ufficio, necessita di un arredo pulito, lineare e consono alla concentrazione. Ed anche i colori sono importanti. La scelta di un colore col quale dipingere e caratterizzare un ambiente, dev'essere sempre ponderata perché sia affine con il luogo d'uso e i propri gusti. Potrebbe accadere che il colore scelto da noi non piaccia ad altri, o che non sia adeguato alla stanza in questione. Questa guida può essere d'aiuto su come scegliere il colore per uno studio, adatto delle sue funzioni e abbinato, e correlato, agli arredi. I seguenti passaggi e degli utili suggerimenti in merito, potrebbero sicuramente facilitare questa decisione, anche a seconda della destinazione d'uso (privato o pubblico) dello studio.

26

Colore per uno studio personale

Per lo studio, inteso come locale situato all'interno di un abitazione privata, e destinato ad un uso strettamente personale, è consigliabile scegliere tra i propri colori preferiti, che siano d'ispirazione o di appagamento. In questo caso lo studio è il posto in cui studiare, lavorare, riflettere, ideare, creare. O, perché no, leggere un libro o vedere un film senza essere disturbati ed interrotti. Nel creare un ambiente confortevole dove rilassarsi o lavorare, i colori più appropriati sono quelli dalle tonalità in pastello. L'azzurro ed il verde sono i più indicati: il primo perché favorisce la creatività e lo svago, il secondo regala un senso di pace e tranquillità. Una certa attenzione va puntata anche sul tipo e sul colore degli arredi presenti, o meno, nello studio, poiché colore delle pareti dev'essere abbinato ai mobili, che siano di legno o diversi materiali. In vista di un acquisto, è consigliabile optare per mobili chiari, meglio se bianchi, che abbiano accessori o parte degli arredi metallici. È consigliabile non riempire lo studio di quadri, poster o altri suppellettili che riempiono le pareti e non lasciano spazio al colore ed opprimono l'ambiente.

36

Colore per uno studio professionale

Per uno studio con una funzione professionale, sia all'interno di un'abitazione privata che in un altro edificio, i colori cambiano. Lo studio, in quanto anche ufficio, diventa, così, il luogo di lavoro, che prevede incontri con clienti e con i colleghi, quindi esposto al pubblico e non più privato. Il colore più appropriato per uno studio ambulatoriale è senza dubbio il bianco. Questo colore trasmette maggiormente un senso di pulizia e di ordine. Inoltre il bianco il è colore che falsa la realtà. Condizione importante, ad esempio, se si tratta di un dermatologo. Il medico specialista, molto spesso, valuta una malattia anche a seconda del colore di alcune zone della nostra pelle. Il bianco, il grigio e il beige sono adatti anche per uffici amministrativi. Per gli studi legali il colore più appropriato è il blu che trasmette sicurezza e autorevolezza. Il verde, è il colore dello studio di un'analista o psicologo. L'avorio è una tinta neutra ed elegante, per cui adatta ad ogni tipo di studio. Per lo studio di un professionista come un designer, un grafico o un consulente, i colori da scegliere sono principalmente il giallo, che conferisce vitalità ed ottimismo, e l'arancione, che trasmette energia e voglia di fare. Basta solo evitare tinte troppo forti e inappropriate. Il consiglio, in qualunque caso, è di smorzare questi colori abbinandoli ad altre nuance più neutre, come il bianco o il grigio, alternando i colori alle pareti, o introducendo delle carte da parati o pannelli a personalizzare l'ambiente. Lo stesso discorso vale per eventuali sale d'attesa.

Continua la lettura
46

Colori da evitare

I colori da evitare per uno studio, sia privato che professionale, sono il nero o il viola, i colori molto cupi o dalle tonalità troppo accese. Evitare, comunque, di miscelare più di due colori nella stanza, a meno che non si tratti di un parato con delle fantasie. Tuttavia i colori forti non sono da escludere del tutto. Si possono usare per smorzare degli ambienti dipinti con colori neutri, magari su un pilastro, o su una singola parete. Con i giusti dosaggi e accostamenti, possono essere usati in ambienti specifici, ad esempio, negli studi per malattie infantili o di psicomotricità, ovvero quegli ambienti destinati ad ospitare ed accogliere bambini. In questi studi, i bambini vengono stimolati a livello comportamentale e psicologico - mentale mentre vengono occupati in attività ludiche. I colori accesi sono stimolanti e trasformano lo studio medico in un luogo di gioco. In conclusione la scelta del colore per uno studio è molto vasta e va adeguata di volta in volta, caso per caso. Evitare di farsi influenzare dalle mode del momento. Non esistono regole uniche se non quella del buonsenso. Scegliere il colore giusto per uno studio dipende molto dalla propria visione del mondo, dal proprio gusto, e da come ci si vuol sentire all'interno di quella stanza.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Affidarsi alla cromoterapia per scegliere il colore dello studio a seconda del suo contesto.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arredamento

Come arredare uno studio dentistico

Questa guida è rivolta a tutti quei dentisti che vogliono iniziare un'attività in proprio ed hanno bisogno di qualche consiglio per arredare lo studio. È bene sapere che arredare uno studio dentistico richiede gli stessi accorgimenti necessari per...
Arredamento

Come illuminare uno studio

Generalmente, si tende a lasciare all'illuminazione l'ultimo posto in termini di pianificazione e relativo acquisto dei lampadari o punti luce, mentre invece andrebbe pianificata preventivamente, in modo tale da potere effettuare eventuali cambiamenti...
Arredamento

Come progettare una casa-studio

Se svolgiamo un'attività professionale che necessita l'utilizzo di un ufficio o di uno studio, talvolta è necessario ricavare in casa uno spazio adeguato a questo scopo. Addirittura, è opportuno organizzare gli spazi quando i vani dell'immobile sono...
Arredamento

Come arredare con il colore antracite

I colori dell'arredamento personalizzano i vari ambienti. Per arredare un appartamento, una struttura o un locale commerciale esistono delle indicazioni generali. Difficilmente potremo vedere un Ospedale con complementi d'arredo prevalentemente di colore...
Arredamento

Come arredare uno studio minimal

Sobrietà, eleganza, funzionalità. Sono questi gli aggettivi che meglio si adattano allo stile minimalista, che si tratti di architettura, arredamento o stile di vita. Arredare una casa o uno studio con l'arte minimal, non è così semplice come possa...
Arredamento

Come rendere uno studio medico a misura di bambino

I bambini, si sa, non si recano mai molto volentieri dal dottore. Paure, insicurezze e timori, spesso finiscono per determinare nel bimbo un vero e proprio sentimento di forte disagio, che spesso è in grado di ripercuotersi anche sul suo comportamento....
Arredamento

Come arredare un piccolo studio

Se avete un piccolo studio ed intendete arredarlo con gusto ed in modo funzionale, potete sfruttare mobili e suppellettili vari in proporzione alla grandezza dell'ambiente. Per questo motivo prima di procedere, è fondamentale progettare il design per...
Arredamento

Come trasformare il ripostiglio in uno studio

Sono tante le modifiche che possiamo apportare al nostro spazio abitativo, alcune meno significative, altre con un impatto visivo maggiore, ma generalmente sono tutte migliorative, dal cambio degli arredi, alla scelta di nuove tinte per i muri, per finire...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.