Come scegliere i ripartitori di calore

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Secondo l'attuale legge tutti gli impianti termici devono essere obbligatoriamente dotati di sistemi di termoregolazione. Naturalmente, il discorso sussiste soltanto nel caso di più unità immobiliari e non una singola costruzione. Secondo il regolamento, gli impianti devono essere termoregolati a prescindere dal fatto che essi funzionino tramite delle apposite reti di riscaldamento. Il ripartitore serve per calcolare il consumo effettivo di ciascun radiatore. Se siete interessati a questo argomento vi consiglio di leggere questa utile guida dove vi spiego dettagliatamente come scegliere i ripartitori di calore. In commercio esistono infatti diversi modelli e per questo motivo può risultare molto importante capire la differenza tra un modello e l'altro, per poter essere in grado di scegliere i ripartitori più affidabili ed anche più economici a parità di qualità dei materiali. L'uso dei ripartitori è indispensabile anche per ottenere un'equa suddivisione delle spese, evitando discussioni e problemi con gli altri abitanti del condominio, ed usufruire di importanti detrazioni fiscali.

26

Occorrente

  • Qualche semplice nozione tecnica
36

Funzionamento

Il buon funzionamento dei ripartitori è molto importante per ovvi motivi: bisogna sempre scegliere dei ripartitori che presentino un margine di errore davvero minimo. Secondo la legge questo margine non può salire entro il 13 %. È quindi importante, prima dell'acquisto dei ripartitori, assicurarsi che riportino l'apposito marchio ed il libretto di accompagnamento come garanzia di questo requisito. Dei buoni ripartitori, comunque, solitamente non salgono sopra il 3%. Questo discorso vale specialmente per i ripartitori compatti, che non sono dotati di sonda.

46

Trasmissione

In commercio esistono ripartitori dotati di trasmissione ed altri dove invece la trasmissione è assente. La differenza tra un modello e l'altro è la seguente: i ripartitori senza trasmissione permettono la lettura visualizzando il display in modo non automatizzato, mentre invece i ripartitori dotati di trasmissione sia bidirezionale che monodirezionale inviano il segnale di lettura dei consumi in modo completamente autonomo. La scelta migliore è comunque quella che cade sui ripartitori bidirezionali perché in questo caso il conteggio può essere eseguito in modo più veloce.

Continua la lettura
56

Trasparenza

La lettura può essere trasparente oppure senza la dovuta parametrizzazione. La scelta migliore in questo caso cade sul primo tipo di ripartitori perché se vengono installati sopra radiatori con differenti potenze permettono di confrontare i consumi.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fate controllare periodicamente l'impianto di riscaldamento per poter rilevare eventuali anomalie
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Vantaggi e svantaggi di uno scaldabagno a pompa di calore

Con l'avanzare dell'inverno inevitabilmente dobbiamo pensare a rendere più confortevole e calda la nostra abitazione. Sappiamo bene come un momento rilassante, come un buon bagno o una buona doccia, possa trasformarsi, durante il periodo invernale, in...
Economia Domestica

Come riscaldare tutta la casa con il camino

Riscaldare tutti gli ambienti della propria casa rappresenta un po' il desiderio di tutti, soprattutto quando si avvicinano i primi freddi invernali. Inoltre, riuscire a riscaldare in maniera uniforme l'intera abitazione, sia essa sviluppata su uno o...
Economia Domestica

Come isolare le nicchie dei termosifoni

L'inverno è alle porte e bisogna cominciare a pensare come riscaldare in modo adeguato le nostre abitazioni. Spesso non ci si rende conto che un cattivo riscaldamento può essere causato dalla dispersione di calore che avviene all'interno delle nicchie...
Economia Domestica

Termosifoni in alluminio: pro e contro

La modalità di riscaldamento con radiatore rappresenta la soluzione che le famiglie italiane maggiormente utilizzano per riscaldare gli ambienti delle loro abitazioni. I radiatori, comunemente detti termosifoni, possono essere costituiti di differenti...
Economia Domestica

I vantaggi e gli svantaggi delle stufe a pellet

Le stufe a pellet bruciano segatura compressa per generare calore. Si possono utilizzare in spazi residenziali oppure a livello industriale. Il riscaldamento con stufe a pellet presenta sia aspetti positivi che negativi. Nella guida, si elencheranno i...
Economia Domestica

Le migliori stufe a pellet

Le stufe a pellet costituiscono un sistema di riscaldamento più economico rispetto ad analoghi dispositivi. La materia prima, il pellet, si ottiene dagli scarti della lavorazione del legno. Si tratta di una sostanza completamente ecologica e naturale....
Economia Domestica

Come togliere le pieghe ad un vestito senza stirarlo

Se non avete tempo per stirare o proprio non vi piace, è possibile utilizzare metodi alternativi per togliere le pieghe ad un vestito senza stirarlo. Per farlo, il segreto è di sfruttare umidità e calore per rilassare le fibre del tessuto. Così facendo,...
Economia Domestica

Come utilizzare il climatizzatore in inverno

Non tutte le persone sanno che il climatizzatore, usato molto durante l'estate, lo si potrà anche utilizzare durante la stagione invernale al posto delle stufe a gas oppure elettriche tradizionali. Questi apparecchi, sono forniti di una pompa di calore,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.