Come sbucciare le patate bollenti

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Cucinare è un’attività che molte persone desiderano fare. Però sicuramente la più noiosa è quella di pelare le patate. Infatti, se queste ultime sono state appena lessate e non si ha il tempo per farle raffreddare il lavoro diventa abbastanza fastidioso. Inoltre, si corre anche il rischio di una possibile scottatura. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli e delle corrette indicazioni su come sbucciare le patate bollenti in poco tempo e senza scottarsi.

25

Scelta delle patate

La prima cosa da fare è quella di comprare le patate dal fruttivendolo oppure al supermercato. Se si vuole lavorare in modo abbastanza veloce è opportuno scegliere le patate di una forma il più possibile regolare. Cioè bisogna evitare quelle patate che presentano incavi sulla superficie, specialmente se di colore scuro. Questa parte della patata deve essere eliminata in quanto non è buona e non consente di seguire perfettamente la tecnica che viene descritta successivamente.

35

Cottura delle patate

All'inizio bisogna lavare le patate con l'acqua fredda per eliminare il terriccio; poi, si deve praticare con il coltello una piccola incisione. È fondamentale incidere solo la buccia, evitando di penetrare in profondità, cioè nella polpa. Successivamente si devono mettere le patate in una pentola e coprirle totalmente di acqua fredda. Poi, si deve aggiungere un pizzico di sale doppio per non far lacerare troppo la buccia. A questo punto si deve accendere la fiamma al minimo e si aspetta che l'acqua comincia a bollire. Per la cottura delle patate occorrono circa 30/40 minuti; il tempo varia in base alle loro dimensioni. Per poter verificare la cottura bisogna infilare una forchetta nelle patate; essa deve penetrare senza fatica fino al centro. Durante questa operazione bisogna prestare attenzione a non lacerare la buccia; è opportuno infilare la forchetta lungo l'incisione che è stata fatta in precedenza.

Continua la lettura
45

Come sbucciare le patate

A questo punto bisogna scolare le patate; poi, si mettono in un recipiente con acqua fredda e cubetti di ghiaccio, Si aspetta circa 15 secondi, cioè il tempo necessario per far raffreddare solo la buccia e non l'interno. Lo sbalzo di temperatura provoca il distacco tra la buccia e la polpa; quindi premendo leggermente con le mani si può "sfilare" la buccia. Successivamente si deve mettere la buccia in un piatto. Così facendo la patata viene sbucciata al centro, mentre le due "semi bucce" restano nelle mani. Adesso le patate bollenti sono state sbucciate.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come pelare le patate velocemente

La patata è un tubero commestibile, molto utilizzato in cucina nella preparazione di differenti piatti sia primi che contorni o piatti unici. In genere viene utilizzata senza buccia, solo nel caso si trattasse di patate novelle, è possibile lasciarla....
Economia Domestica

Come conservare gli gnocchi di patate per il giorno dopo

Gli gnocchi di patate sono un delizioso primo piatto che, in molte regioni italiane, è riservato ad allietare i giorni di festa. Da piatto povero e "di recupero", nel tempo è diventato un best seller della gastronomia e risulta una meravigliosa alternativa...
Economia Domestica

Come conservare patate e cipolle durante l'inverno

Se avete un grande quantitativo di patate e cipolle, per conservarle tutto l'inverno, bisogna rispettare alcune regole basilari. Ed adottare dei semplici ma importanti accorgimenti. In questa guida, vi illustreremo in modo dettagliato, come conservare...
Economia Domestica

Come riciclare le bucce di patate

Le bucce di patate grazie alle loro proprietà, possono essere utilizzate per vari scopi, come quello culinario, antinfiammatorio, disincrostante e terapeutico. Le bucce una volta lavate e lasciate essiccare possono essere impiegate per vari utilizzi....
Economia Domestica

Come conservare le patate

La patata è un tubero originario dell'America, molto comune e utilizzatissimo all'interno delle nostre case. Esistono una marea di ricette che comprendono questo alimento, dalle classiche patatine fritte ai più elaborati e complicati piatti. La patata...
Economia Domestica

Come incidere e cuocere le castagne

Le castagne sono uno dei frutti autunnali più amati in tutto il mondo. La loro forma sembra quella di una goccia: le castagne vengono prodotte dall'albero del castagno (Castanea Sativa) e nascono all'interno di grossi ricci che si aprono a metà quando...
Economia Domestica

Come cucinare una sola volta alla settimana

Se siete stanchi di cucinare ogni giorno e di scervellarvi su cosa preparare, che spesa fare, che ricetta inventare ecc., esistono dei semplici trucchetti che vi permetteranno di cucinare una sola volta alla settimana, per avere molto più tempo libero...
Economia Domestica

Corian: consigli per la manutenzione

Il Corian è un particolare materiale ecologico formato da polimeri acrilici puri e da minerali naturali. Grazie a questo materiale, la produzione di piani bagno e cucina nel settore industriale è cambiata abbastanza marcatamente, anche se comunque non...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.