Come sbiancare pizzi e merletti

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se in casa avete diversi centrini, tovaglie, lenzuola o fazzoletti, fatti con pizzi e merletti, così come capi di abbigliamento, spesso non è facile sbiancarli poiché si corre il rischio di danneggiarli irrimediabilmente. A tale proposito ecco una guida su come sbiancare correttamente i vostri pizzi e merletti.

26

Occorrente

  • ciotola capiente
  • teli bianchi
  • canovaccio bianco
  • detergente a base di sodio lauriletere solfato
  • sale grosso
  • 2 limoni
  • borace
  • detergente delicato
  • bicarbonato di sodio
  • pentola
36

Usare il laurilsolfato di sodio

Il miglior metodo sbiancante per antichi merletti e pizzi consiste nell'utilizzare un prodotto specifico: un detergente a base di sodio laurilsolfato. Essendo una soluzione a pH quasi neutro, biodegradabile e tensioattiva, ovvero che facilita la rimozione di sporcizia e grasso, viene raccomandato per lavare perfino le delicate trapunte patchwork. Il laurilsolfato di sodio è possibile reperirlo in negozi di cucito, di alimentari e agricoli o veterinari (usato anche per lavare gli animali). Per usarlo correttamente riempite una ciotola capiente di vetro oppure smaltata con 1 litro di acqua calda ed 1 cucchiaino di pasta o sapone a base di laurilsolfato di sodio.

46

Sbiancare i pizzi e i merletti

Iniziate immergendo ciascun pezzo individualmente e spingetelo con delicatezza verso il basso, facendo attenzione a non agitare troppo l?acqua. Lasciatelo a bagno per almeno 45 minuti. Quando si sarà impregnato usate molta cautela nel sollevarlo, poiché diventato pesante, potrebbe lacerarsi. Per questa ragione il consiglio è di proteggerlo fra 2 strati di tela bianca. Una volta trascorso il tempo mettete la ciotola nel lavabo, aprite il rubinetto dell?acqua calda e lasciatela scorrere delicatamente nella ciotola, fino a che l?acqua non risulti limpida. Se il pezzo è molto sporco l?acqua diventa simile al colore di un tè forte. Alla fine prelevatelo con cautela, adagiatelo su un canovaccio bianco pulito e con le dita stendetelo bene, per fargli riprendere la sua forma originale.

Continua la lettura
56

Utilizzare la lisciva

Un altro metodo, molto più simile, è quello adottato dalle nostre nonne, che ricorrevano alla lisciva: bollitura con cenere e sapone. In una pentola versate quindi 4 tazze d?acqua, 1 cucchiaio di sapone liquido delicato e 1 cucchiaio di bicarbonato di sodio. Mescolate, portate ad ebollizione e togliete la pentola dal fuoco. Mettete in ammollo i capi ingialliti per almeno 45 minuti. Prelevateli dall'acqua e, senza strizzarli, adagiateli sul ripiano del lavello, affinché scolino l?acqua in eccesso. Poi disponeteli su un asciugamano pulito, avvolgeteli per assorbire l'umidità ed infine stendeteli ad asciugare. Controindicazione: se desiderate trattare pizzi e merletti antichi tenete però presente che l?acidità del succo di limone, il sale e gli elementi chimici contenuti negli altri prodotti tendono a mangiare le fibre, soprattutto se non risciacquate molto accuratamente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come lavare ed inamidare centrini e pizzi in cotone

Per tutti coloro che fossero interessati ad un irrigidimento dei propri capi ricamati con la tecnica dell'uncinetto, esistono numerosi metodi che si possono adoperare. Ovviamente esistono tantissimi prodotti in commercio in grado di soddisfare questa...
Pulizia della Casa

Come sbiancare i contenitori di plastica ingialliti

I contenitori in plastica sono ideali per poter conservare gli alimenti. Col passar del tempo e con l'utilizzo essi tendono a macchiarsi; infatti, assumono una tonalità di giallo poco gradevole a vedersi. Per evitare di gettarli e per cercare di risparmiare...
Pulizia della Casa

5 tecniche per sbiancare le scarpe

Le scarpe da ginnastica e in tela, sopratutto di colore chiaro, tendono a macchiarsi facilmente ed è indispensabile trovare dei rimedi efficaci anche contro lo sporco più ostinato. Nella guida che segue vedremo nel dettaglio 5 tecniche per sbiancare...
Pulizia della Casa

Come sbiancare le perle ingiallite

Le perle, da sempre simbolo di eleganza, sono tra gli accessori preferiti dalle donne. Fin dall'antichità, infatti, indossare una collana o degli orecchini di perle è stato un motivo di vanto per ogni membro del gentil sesso, in quanto aggiungono un...
Pulizia della Casa

Come sbiancare la lycra

Alcune volte può capitare che un un capo di abbigliamento, oppure un lenzuolo o una coperta in lycra si macchino o arrivino perfino ad ingiallirsi, e ciò può sicuramente essere dovuto a moltissimi fattori. Tuttavia, sempre più spesso in commercio...
Pulizia della Casa

Come sbiancare la ceramica

La ceramica è uno dei materiali che per le sue caratteristiche strutturali si presenta in genere di un bianco candido, quindi ideale per servizi da caffè, da latte e vasellami vari. Quando si annerisce a causa dello sporco o si opacizza per la presenza...
Pulizia della Casa

Come sbiancare il bucato in modo ecologico

Il bucato è ormai diventato un appuntamento quotidiano a cui non possiamo esimerci. È sufficiente infatti caricare le nostre lavatrici e aggiungere il prodotto che preferiamo, per ottenere della biancheria profumata e pulita. Purtroppo, molto spesso...
Pulizia della Casa

Come sbiancare il nylon

Il nylon è un tessuto che tende a diventare giallo nel tempo, anche quando viene trattato con cura. Questo tessuto, soprattutto quando è bianco è un vero e proprio magnete in grado di attirare salsa, caffè e qualsiasi altro materiale liquido. Se si...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.