Come sbiancare pizzi e merletti

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se in casa avete diversi centrini, tovaglie, lenzuola o fazzoletti, fatti con pizzi e merletti, così come capi di abbigliamento, spesso non è facile sbiancarli poiché si corre il rischio di danneggiarli irrimediabilmente. A tale proposito ecco una guida su come sbiancare correttamente i vostri pizzi e merletti.

26

Occorrente

  • ciotola capiente
  • teli bianchi
  • canovaccio bianco
  • detergente a base di sodio lauriletere solfato
  • sale grosso
  • 2 limoni
  • borace
  • detergente delicato
  • bicarbonato di sodio
  • pentola
36

Usare il laurilsolfato di sodio

Il miglior metodo sbiancante per antichi merletti e pizzi consiste nell'utilizzare un prodotto specifico: un detergente a base di sodio laurilsolfato. Essendo una soluzione a pH quasi neutro, biodegradabile e tensioattiva, ovvero che facilita la rimozione di sporcizia e grasso, viene raccomandato per lavare perfino le delicate trapunte patchwork. Il laurilsolfato di sodio è possibile reperirlo in negozi di cucito, di alimentari e agricoli o veterinari (usato anche per lavare gli animali). Per usarlo correttamente riempite una ciotola capiente di vetro oppure smaltata con 1 litro di acqua calda ed 1 cucchiaino di pasta o sapone a base di laurilsolfato di sodio.

46

Sbiancare i pizzi e i merletti

Iniziate immergendo ciascun pezzo individualmente e spingetelo con delicatezza verso il basso, facendo attenzione a non agitare troppo l’acqua. Lasciatelo a bagno per almeno 45 minuti. Quando si sarà impregnato usate molta cautela nel sollevarlo, poiché diventato pesante, potrebbe lacerarsi. Per questa ragione il consiglio è di proteggerlo fra 2 strati di tela bianca. Una volta trascorso il tempo mettete la ciotola nel lavabo, aprite il rubinetto dell’acqua calda e lasciatela scorrere delicatamente nella ciotola, fino a che l’acqua non risulti limpida. Se il pezzo è molto sporco l’acqua diventa simile al colore di un tè forte. Alla fine prelevatelo con cautela, adagiatelo su un canovaccio bianco pulito e con le dita stendetelo bene, per fargli riprendere la sua forma originale.

Continua la lettura
56

Utilizzare la lisciva

Un altro metodo, molto più simile, è quello adottato dalle nostre nonne, che ricorrevano alla lisciva: bollitura con cenere e sapone. In una pentola versate quindi 4 tazze d’acqua, 1 cucchiaio di sapone liquido delicato e 1 cucchiaio di bicarbonato di sodio. Mescolate, portate ad ebollizione e togliete la pentola dal fuoco. Mettete in ammollo i capi ingialliti per almeno 45 minuti. Prelevateli dall'acqua e, senza strizzarli, adagiateli sul ripiano del lavello, affinché scolino l’acqua in eccesso. Poi disponeteli su un asciugamano pulito, avvolgeteli per assorbire l'umidità ed infine stendeteli ad asciugare. Controindicazione: se desiderate trattare pizzi e merletti antichi tenete però presente che l’acidità del succo di limone, il sale e gli elementi chimici contenuti negli altri prodotti tendono a mangiare le fibre, soprattutto se non risciacquate molto accuratamente.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arredamento

10 idee per arredare casa in inverno

Una casa degna di essere chiamata tale deve emanare una sensazione di calore e di intimità, tale da poter dire che tutta la famiglia o comunque i componenti che la abitano, quando si raccolgono dentro le sue pareti, si ritrovano intorno a quello che...
Arredamento

Come arredare il bagno con i fiori secchi

Arredare la propria casa non significa solo riempirla di mobili e quadri, ma esistono una serie di complementi d'arredo o accessori in grado di conferire un'atmosfera unica nel suo genere. Tra le varie stanze della casa, quella che di solito viene un...
Arredamento

Arredamento shabby: 5 errori da evitare

Questo stile romantico, elegante e raffinato è letteralmente esploso negli ultimi anni, conquistando soprattutto il cuore delle donne di tutto il mondo. Sebbene in materia di arredamento la creatività sia sempre la benvenuta, in questo caso può portare...
Arredamento

10 consigli per arredare casa in stile provenzale

Lo stile provenzale, rustico o classico, è senza dubbio uno dei trend più apprezzati nel settore dell'arredamento. Le peculiarità dello stile provenzale sono la freschezza, la luminosità ed i colori tipici della Provenza, regione del sud-est della...
Arredamento

Come decorare casa con toni argento e oro

Come vedremo nel corso di questa guida, decorare una casa adeguatamente significa scegliere i giusti complementi di arredo e colori, elementi in grado di conferire all'ambiente un tocco in più di eleganza e raffinatezza, capace di stupire piacevolmente...
Arredamento

Come scegliere il giusto copriletto

Un copriletto è un rivestimento decorativo e supplementare di un letto; è generalmente realizzato in tessuto e va piegato sopra i cuscini in cima al letto, inoltre può essere: morbido e romantico, esotico e tropicale oppure semplicemente classico,...
Arredamento

10 idee per rendere vintage la tua casa

Il vintage ha il suo fascino. Con tale termine si vuole indicare un oggetto datato di almeno venti anni, costruito con materiali di una certa qualità che conferiscono all'oggetto stesso un particolare valore storico. Non solo. Si ritiene vintage anche...
Arredamento

Arredare un soggiorno in stile inglese

Arredare casa vuol dire trovare il proprio stile per vivere l'ambiente al meglio. Esistono svariati stili di arredamento che ben si adattano ai gusti di ogni persona e, tra gli stili più in voga del momento, troviamo sicuramente quello inglese. Se volete...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.