Come riutilizzare la polenta avanzata

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Quando cuciniamo la polenta molto spesso capita che ne rimanga un bel po', e magari anche in quantità esagerata. Per fortuna è un cibo che offre svariate alternative per riutilizzarla in tavola anche il giorno dopo, per cui in questa guida vediamo come riutilizzare la polenta avanzata, preparando 3 diverse ricette.

26

Occorrente

  • Polenta
  • Prosciutto cotto
  • Rucola
  • Pangrattato
  • Olio, sale e pepe
  • Mozzarella
  • Sottilette
  • Uovo
  • Formaggio cremoso
  • Mattarello
  • Frullatore
36

Una polpetta di polenta e formaggio

La prima ricetta è una polpetta di polenta e formaggio, e per prepararla occorre dell'olio, il pepe, il sale, un po' di pangrattato, del formaggio tipo grana, un uovo e la mozzarella. A questo punto, mettendo la polenta avanzata in un frullatore assieme all'uovo, al pepe e ad un po' di sale, si impasta il tutto. Nel frattempo in un piatto fondo versiamo il pangrattato, assieme al formaggio grana e misceliamo bene, dopodichè ritorniamo sulla polenta, facciamo le polpette e all'interno inseriamo dei pezzettini di mozzarella, ed infine possiamo friggerle in padella o cuocerle nel microonde.

46

Un pasticcio al ragù

Un'altra ricetta che proponiamo per riutilizzare la polenta avanzata è un pasticcio al ragù, e per la preparazione occorre oltre ovviamente alla polenta, del formaggio grana, un po di ragù di carne (magari avanzato) e delle sottilette. Per la preparazione basta stendere su un vassoio uno strato di ragù di carne e metterci sopra la polenta, servendoci di un cucchiaio. A questo punto aggiungiamo il ragù, la polenta ed altre sottilette, quest'ultime sminuzzate un po' dappertutto. Qualora la quantità di polenta sia talmente tanta, la possiamo alternare per un altro strato, con i medesimi ingredienti. Alla fine è sufficiente una spruzzata di grana, dopodiché si inforna a 180° per farla cuocere almeno 20 o 25 minuti.

Continua la lettura
56

Una piadina farcita

Sicuramente la ricetta che possiamo preparare con la polenta avanzata, è una piadina farcita. Per prepararla ci occorre oltre alla polenta, la farina di tipo 00 e del sale. Per la farcitura invece utilizziamo del prosciutto cotto a fette, un formaggio cremoso e la rucola. Per iniziare mettiamo in una terrina la polenta e l'ammorbidiamo servendoci della forchetta, dopodiché aggiungiamo la farina e un pizzico di sale, e poi mescoliamo bene con un cucchiaio di legno, ottenendo come risultato un composto omogeneo e non appiccicoso. A questo punto creiamo un panetto e servendoci del mattarello, facciamo dei dischi non troppo alti, li cospargiamo di olio extravergine d'oliva, e li facciamo cuocere su una piastra da entrambi i lati. Quando la piadina assume un colore dorato, è pronta per essere farcita con i suddetti alimenti.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Pasta avanzata: 10 ricette

La pasta è uno dei cibi più veloci e versatili che si possano cucinare, è anche economica e golosa. Proprio per queste sue caratteristiche capita spesso di farne troppa: si è stanchi o di fretta e la si butta nell'acqua bollente senza preoccuparsi...
Economia Domestica

Come conservare e riutilizzare gli avanzi di cibo

Può capitare di preparare un pasto abbondante o di avere meno fame del previsto. Ci ritroviamo così con degli avanzi di cibo che non sappiamo come conservare e riutilizzare. È necessario pensare a cosa farne. Ma è importante anche sapere come conservarli....
Economia Domestica

5 modi per riutilizzare l'olio da cucina usato

L'olio è, di sicuro, l'alimento che utilizziamo di più in cucina, presente in quasi tutte le ricette, sia dolci che salate. Un buon olio è, però, anche costoso ed è importante, per il risparmio delle spese domestiche, non sprecarlo. Ci sono vari...
Economia Domestica

5 modi per riutilizzare le decorazioni e i fiori di una cerimonia

Per colpa del loro contenuto di pesticidi pesanti, alla maggior parte dei fiori delle cerimonie succede questo. Non si possono conservare in modo sicuro. Quindi che cosa dovrebbe farci una sposa? Un'opzione è quella di produrre fioriture stagionali organiche...
Economia Domestica

Come riutilizzare gli avanzi di cibo in cucina

Una caratteristica della cucina casalinga di un tempo, soprattutto di quella contadina e del dopoguerra, era la capacità di riutilizzare gli avanzi di pranzi e cene, per creare saporite e prelibate pietanze. In quelle condizioni ed a quel tempo l’imperativo...
Economia Domestica

Come riutilizzare le bottiglie di vetro

Avete mai sentito parlare di riciclo creativo? Riciclare con la fantasia significa dare una nuova vita ad ogni oggetto, che magari nella sua vecchia funzione risultava vecchio ed obsoleto, pronto per essere buttato. Oltre a stimolare la creatività, riciclare...
Economia Domestica

Come riutilizzare gli scarti delle verdure in cucina

Ridurre gli sprechi è da sempre pratica buona e giusta, riducendo rifiuti e massimizzandone l'utilizzo.Così facendo si andrebbe inevitabilmente a ridurre le spese, sfruttando al massimo ciò che si ha già in casa. La cucina, ad esempio, è il luogo...
Economia Domestica

5 metodi per riutilizzare le acque reflue

Per risolvere il problema della scarsità d'acqua, che in alcune zone del pianeta è addirittura assente, esiste il cosiddetto riutilizzo delle acque reflue, ovvero quelle che vengono scartate ed immesse dalle abitazioni nell'impianto fognario e opportunamente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.