Come riutilizzare la polenta avanzata

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Quando cuciniamo la polenta molto spesso capita che ne rimanga un bel po', e magari anche in quantità esagerata. Per fortuna è un cibo che offre svariate alternative per riutilizzarla in tavola anche il giorno dopo, per cui in questa guida vediamo come riutilizzare la polenta avanzata, preparando 3 diverse ricette.

25

Occorrente

  • Polenta
  • Prosciutto cotto
  • Rucola
  • Pangrattato
  • Olio, sale e pepe
  • Mozzarella
  • Sottilette
  • Uovo
  • Formaggio cremoso
  • Mattarello
  • Frullatore
35

Una polpetta di polenta e formaggio

La prima ricetta è una polpetta di polenta e formaggio, e per prepararla occorre dell'olio, il pepe, il sale, un po' di pangrattato, del formaggio tipo grana, un uovo e la mozzarella. A questo punto, mettendo la polenta avanzata in un frullatore assieme all'uovo, al pepe e ad un po' di sale, si impasta il tutto. Nel frattempo in un piatto fondo versiamo il pangrattato, assieme al formaggio grana e misceliamo bene, dopodichè ritorniamo sulla polenta, facciamo le polpette e all'interno inseriamo dei pezzettini di mozzarella, ed infine possiamo friggerle in padella o cuocerle nel microonde.

45

Un pasticcio al ragù

Un'altra ricetta che proponiamo per riutilizzare la polenta avanzata è un pasticcio al ragù, e per la preparazione occorre oltre ovviamente alla polenta, del formaggio grana, un po di ragù di carne (magari avanzato) e delle sottilette. Per la preparazione basta stendere su un vassoio uno strato di ragù di carne e metterci sopra la polenta, servendoci di un cucchiaio. A questo punto aggiungiamo il ragù, la polenta ed altre sottilette, quest'ultime sminuzzate un po' dappertutto. Qualora la quantità di polenta sia talmente tanta, la possiamo alternare per un altro strato, con i medesimi ingredienti. Alla fine è sufficiente una spruzzata di grana, dopodiché si inforna a 180° per farla cuocere almeno 20 o 25 minuti.

Continua la lettura
55

Una piadina farcita

Sicuramente la ricetta che possiamo preparare con la polenta avanzata, è una piadina farcita. Per prepararla ci occorre oltre alla polenta, la farina di tipo 00 e del sale. Per la farcitura invece utilizziamo del prosciutto cotto a fette, un formaggio cremoso e la rucola. Per iniziare mettiamo in una terrina la polenta e l'ammorbidiamo servendoci della forchetta, dopodiché aggiungiamo la farina e un pizzico di sale, e poi mescoliamo bene con un cucchiaio di legno, ottenendo come risultato un composto omogeneo e non appiccicoso. A questo punto creiamo un panetto e servendoci del mattarello, facciamo dei dischi non troppo alti, li cospargiamo di olio extravergine d'oliva, e li facciamo cuocere su una piastra da entrambi i lati. Quando la piadina assume un colore dorato, è pronta per essere farcita con i suddetti alimenti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come ristrutturare un rifugio

Ecco un'utile guida, per tutti quei cari lettori, che amano effettuare dei campeggi, delle lunghe passeggiate in montagne. Nello specifico cercheremo di affrontare con loro, un argomento in particolare, che che proprio a che fare con questo genere di...
Pulizia della Casa

Come pulire e colorare il rame

Avete delle pentole, degli utensili o degli oggetti antichi in rame rovinati e non sapete come pulirli o da colorarli? Se la risposta è sì, allora non dovete far altro che leggere questa guida, che vi spiegherà come intervenire su questo tipo di prodotti...
Pulizia della Casa

Come pulire una sedia di paglia

Le sedie impagliate da cucina sono un elemento particolarmente adattabile all’arredamento, tanto se accostate ad un tavolo moderno, quanto se avvicinate ad un tavolo shabby style che spesso ben si accorda con qualche elemento dal sapore antico. Per...
Economia Domestica

5 idee per non sprecare la birra avanzata

Se amiamo la birra chiara o scura, e ci piace berla per accompagnare i nostri pasti oppure degli stuzzichini, è importante sapere che quella avanzata non va necessariamente versata nel lavandino; infatti, sono molteplici gli usi che se ne possono fare...
Economia Domestica

Come riutilizzare gli avanzi di cibo in cucina

Una caratteristica della cucina casalinga di un tempo, soprattutto di quella contadina e del dopoguerra, era la capacità di riutilizzare gli avanzi di pranzi e cene, per creare saporite e prelibate pietanze. In quelle condizioni ed a quel tempo l’imperativo...
Economia Domestica

Come riciclare gli avanzi

Lo speco di alimenti è uno dei problemi principali della cultura occidentale. Ogni anno una famiglia italiana getta nella spazzatura 49 chilogrammi di cibo. Sono tanti gli accorgimenti che possiamo fare per evitare questo spreco che, oltre ad essere...
Economia Domestica

Come organizzare la spesa per la settimana

Se passate molte ore della giornata fuori casa a causa del vostro lavoro ed avete poco tempo per fare la spesa, sicuramente avete bisogno di un piano organizzativo per sapere quali alimenti acquistare per non sciupare inutilmente il cibo. Organizzare...
Arredamento

Come arredare il bagno con il cristallo

Il cristallo è considerato da tempo espressione di purezza ed elemento decisamente elegante, spesso utilizzato per la realizzazione di preziosi arredi, stilisticamente differenti. Da poco è tornato di nuovo in auge questa trendenza che lo vede ancora...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.