Come ristrutturare una doccia in travertino

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il travertino è un materiale robusto e resistente, che dona eleganza a qualsiasi stanza all'interno di una casa; il suo colore può variare dal bianco al rossastro. Questo tipo di materiale si differenzia dagli atri per la sua lucentezza e raffinatezza. Normalmente è indicato per un arredamento moderno e contemporaneo. La manutenzione del travertino è un compito molto semplice, in quanto sono necessarie solo delle piccole accortezze giornaliere. Ecco a seguire come ristrutturare nella giusta maniera e in breve tempo una doccia realizzata in travertino.

26

Occorrente

  • Malta
  • Resina epodossica
  • guanti e occhiali da lavoro
  • Pennelli di varie dimensioni
  • Rullo per pittura a parete
  • Sigillante
36

Applicazione delle piastrelle

Per prima cosa rimuovi le vecchie piastrelle, utilizzando uno scalpello e un martello. Rimuovi attentamente la malta e raschia quella residua sul substrato, fallo con cura con un coltello multiuso o con lo scalpello. Pulisci con una spugna umida per eliminare lo sporco e i detriti lasciati sul muro. Applica la malta con una spatola sia sul muro che sul retro di una piastrella e posizionala sulla parete, assicurandoti che sia orizzontale e dritta. Utilizza i distanziali per mantenere una spaziatura uniforme tra le piastrelle. Una volta che la malta si è asciugata, con una spugna umida, rimuovi la boiacca in eccesso dalla piastrella.

46

Stesura del sigillante

Pulisci la doccia e l'area circostante correttamente con un panno umido, assicurandoti di rimuovere la polvere e i detriti. Potrebbe essere necessario un piccolo pennello per spolverare eventuali residui. Sigilla le piastrelle di travertino. Quando si esegue questo passaggio, è generalmente una buona idea indossare una maschera e degli occhiali protettivi, in modo da proteggersi da fumi e gocciolamenti. Versa il sigillante in travertino in un vassoio di pittura, utilizzando un pennello o un rullo per distribuire uniformemente il preparato sui tratti verticali della doccia; una volta applicato su tutta la doccia, lascialo asciugare secondo le istruzioni del produttore.

Continua la lettura
56

Riempimento con resina epossidica

Quando l'area è stata pulita e sigillata, è possibile riempirla con la resina epossidica, che è un riempitivo per piastrelle che, se applicato correttamente, riparerà le crepe o i fori in modo efficace. Cerca di abbinare il più possibile il colore del riempitivo al colore della piastrella. Usa una spatola per applicare la resina epossidica e assicurati di riempire le crepe alla perfezione. Spargi il sigillante nel modo più naturale possibile, cercando di ottenere un affioramento di livello, che sia lineare con il resto delle piastrelle.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come aggiungere la doccia in bagno

Quando si acquista un'abitazione con più di un bagno, spesso in uno dei due servizi non è presente la doccia. La doccia è indispensabile per chiunque, soprattutto per chi ha una famiglia numerosa e ha la necessità di avere due bagni con tutti i comfort....
Ristrutturazione

10 idee per ristrutturare il bagno

Avete da poco provveduto all'acquisto di un appartamento e desiderate procedere alla sua ristrutturazione (in modo da poterla rendere maggiormente adeguata alle vostre necessità) oppure intendete fornire un tocco davvero nuovo ad una vecchia stanza,...
Ristrutturazione

Come ristrutturare un trullo

Entrando nel vivo di questa guida nell'immediato, specifichiamo la tematica che svilupperemo: la ristrutturazione. Non saranno delle indicazioni classiche, però, in quanto proveremo a farvi qualche dritta su come ristrutturare un trullo, ovvero una costruzione...
Ristrutturazione

Come ristrutturare una cascina

Sempre più persone non tollerano lo stress e lo smog di città. Si rivaluta così la campagna. Oltre ai vantaggi economici, migliora la qualità della vita. Se possiedi già una vecchia cascina potrai trasformarla in un luogo abitabile ed accogliente....
Ristrutturazione

Come ristrutturare la cucina

Se abbiamo un ambiente cucina da ristrutturare, è importante adottare alcuni accorgimenti atti a renderla funzionale, elegante ed adeguata al design e allo stile impostato. Per ottimizzare il risultato, si può intervenire con piccoli e grandi lavori,...
Ristrutturazione

Come ristrutturare il pavimento di un cortile

Ristrutturare il pavimento di un cortile richiede alcune piccole accortezze. A seconda del materiale di rivestimento, bisogna seguire tecniche differenti. In questo tutorial, vi aiuteremo nell'intento. Vi mostreremo come ristrutturare un cortile in cemento....
Ristrutturazione

Come ristrutturare il soffitto

Quando si acquista un appartamento già esistente, nella maggior parte dei casi si procede alla sua ristrutturazione (dei pavimenti, delle pareti, dei sanitari e dei soffitti) e, precisamente, si potrebbe scegliere di rivestirlo, trasformarlo in legno,...
Ristrutturazione

Come ristrutturare un soppalco in legno

Quando i soffitti di un'abitazione sono parecchio altri, spesso si amplia lo spazio della casa costruendo un comodo soppalco. Il soppalco non è assolutamente una costruzione moderna, perché anche anticamente, venivano costruiti soppalchi in ferro battuto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.