Come Riparare I Danni Provocati Dai Movimenti Dei Mobili Impiallacciati

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

L'impiallacciatura è una tecnica di falegnameria che consiste nel ricoprire un legno meno pregiato con un pannello di legno pregiato (ad esempio noce, ulivo, radica) seguendo la direzione delle venature. Può capitare sovente che un mobile, costruito in questa maniera, possa subire dei danneggiamenti, per via dei movimenti del legno di supporto dell'impiallacciatura. Ad esempio, può accadere che l'impiallacciatura si spezzi in corrispondenza delle venature. Ecco come riparare i danni provocati dai movimenti dei mobili impiallacciati.

25

Occorrente

  • cutter
  • colla vinilica
  • martellina
  • mazzuolo
35

La prima operazione da compiere, quando un mobile presenta dei danni di qualunque genere, consiste nel suo smontaggio. Infatti, il lavoro non verrà mai bene se la parte da riparare non può essere messa nella posizione ottimale per il suo restauro. L'operazione di smontaggio deve essere fatta con cura, o togliendo eventuali chiodi, o viti, o sciogliendo la colla delle giunture usando dell'acqua calda, e poi separando le parti con l'ausilio di un mazzuolo, avendo cura a non danneggiare la superficie del legno. A questo punto, si posiziona sul tavolo da lavoro il piano danneggiato.

45

Il primo problema che si può verificare in un'impiallacciatura è il distacco, totale o parziale, del foglio superiore. Se accade questo, per prima cosa si deve rimuovere lo strato superficiale, facendo leva sui punti di distacco, usando ancora la specifica martellina che si trova facilmente nei negozi di bricolage. Poi, con un aspirapolvere, si pulisce per bene la zona sottostante, rimuovendo briciole e impurità, e si stende uno strato abbondante di colla vinilica, Dopo aver riposizionato il pannello di legno, si deve mettere a pressione usando dei morsetti, fino a che la colla non si sia ben asciugata.

Continua la lettura
55

La seconda evenienza che si può verificare è una parte completamente danneggiata, spaccata o fessurata, dell'impiallacciatura. In questo caso, non è necessario rimuovere l'intero pannello superficiale, ma solo la parte interessata, ritagliandola con cura ed asportando anche parzialmente la parte integra. In questo tassello si spalma della colla vinilica, e ci si incolla un dente di legno della stessa forma, e dello stesso materiale del resto del pannello. Infine, potrebbero crearsi delle bolle superficiali; queste devono essere incise con un cutter, spianate con accuratezza, e all'interno dell'incisione va immessa della colla vinilica. Per far aderire bene, si mette sull'incisione un peso, finché la colla non si asciuga.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come riparare i danni su un muro a secco

Sempre più spesso ormai, i muri a secco costituiscono una popolare alternativa per la realizzazione di recinzioni e cinte esterne all'abitazione, visto il loro aspetto rustico e l'economicità di costruzione. Questo tipo di muro, chiamati muro a secco...
Ristrutturazione

Come riparare le gambe di legno dei mobili

A tutti noi sarà capitato, prima o poi, di trovarsi con le gambe di una sedia o un bracciolo di una poltrona di legno rotti. Non c' è bisogno di disperarsi, né di ricorrere ad un costoso restauratore. Per riparare i nostri mobili basterà seguire questa...
Ristrutturazione

Come rimediare ai piccoli danni arrecati alla vasca da bagno

Con il trascorre degli anni, a causa dell'invecchiamento, lo smalto delle vasche da bagno inizia a diventare particolarmente opaco e perdere la sua brillantezza: inoltre, il calcare si accumula sulla propria superficie e non raramente saltano perfino...
Ristrutturazione

Come evitare danni ad oggetti in vetro e porcellana

Come vedremo nel corso di questo tutorial, nonostante gli oggetti in vetro e porcellana siano piuttosto resistenti, sono spesso soggetti a scheggiature anche piuttosto rilevanti (anche perché sono molto usati in casa e soprattutto in cucina). Nei pochi...
Ristrutturazione

Come preservare i mobili antichi in legno

Fra tutti i materiali utilizzati per la costruzione di mobili e complementi d'arredo, sicuramente quello più utilizzato è il legno. Si tratta di un materiale che ben si presta a questo genere di lavorazione, ma come per tutte le cose, necessita di una...
Ristrutturazione

5 consigli per riparare i graffi del parquet

Il pavimento in parquet è bello, elegante, ma piuttosto delicato. La sua superficie in legno si graffia facilmente e perde il suo naturale splendore. Questo può accadere anche per un semplice sassolino o per lo spostamento dei mobili. Avete questo tipo...
Ristrutturazione

Come riparare la parte posteriore di una cassapanca d'epoca

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori a capire come poter riparare la parte posteriore di una cassapanca d'epoca, il tutto con le nostre mani e con la nostra voglia di fare. Iniziamo subito con il dire che è abbastanza frequente...
Ristrutturazione

Come riparare i fori nel cartongesso

Il cartongesso è un materiale molto resistente, ma non è raro che per via dell'usura o per esigenze d'arredamento compaiano dei buchi nel corpo del pannello. In questi casi non è necessario allarmarsi, poiché non è molto difficile riparare questi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.