Come rimuovere lo stucco veneziano cerato

Tramite: O2O 06/08/2017
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se avete appena preso casa e notate che le pareti trattate con dello stucco veneziano cerato sono malridotte, prima di provvedere ad una nuova tinteggiatura o usare della carta da parati, è importante rimuovere la suddetta sostanza, poiché non è in grado di far aderire la pittura e neanche il collante. In riferimento a ciò, ecco una guida con alcuni utili consigli su come ottimizzare il risultato.

26

Occorrente

  • Carta abrasiva a grana doppia
  • Spatola
  • Cannello a gas
  • Guanti da giardiniere
  • Levigatrice orbitale
36

Utilizzare della carta abrasiva

Se avete optato per una nuova tinteggiatura della parete trattata con dello stucco veneziano cerato, dovete necessariamente renderla porosa, il che significa utilizzare della carta abrasiva a grana doppia, in modo che poi potete applicare prima un aggrappante e poi la pittura della tonalità che avete scelto.

46

Usare un cannello a gas

Lo stucco veneziano se trattato con la cera, come già accennato in fase introduttiva di questa guida, non consente nemmeno alla colla da parati di attecchire, per cui volendola eliminare, ci sono almeno due opzioni valide. La prima consiste nell'usare un cannello a gas, in modo che la cera possa sciogliersi. Il lavoro va tuttavia eseguito a debita distanza per evitare che la parete si bruci, e diventando nera non può più essere tinteggiata, oppure si vengono a creare delle croste che poi tendono a bollare la carta da parati. Man mano che usate il cannello a gas, vi conviene utilizzare una spatola per asportare la cera diventata molle e collosa. Per non scottarvi, il consiglio ulteriore è di usare dei guanti da giardiniere. Il secondo metodo a cui abbiamo in precedenza accennato è anch'esso molto funzionale, e potete adottarlo se avete poco tempo a disposizione. In riferimento a ciò, nel passo successivo vediamo di cosa si tratta.

Continua la lettura
56

Adoperare una levigatrice

Questo metodo di rimozione dello stucco veneziano cerato, consiste nell'adoperare una levigatrice orbitale dotata di carta abrasiva a grana doppia. L'apparecchio oltre a rendere rapido il lavoro, serve anche a tenere piana la superficie, evitando quindi antiestetici avvallamenti che potrebbero apparire visibili sia con la tinteggiatura che con la carta da parati. Per massimizzare il risultato, la levigatrice va usata con movimenti circolari, e dopo una prima passata conviene cambiare la carta che probabilmente zeppa di residui di cera perde gran parte del potere abrasivo. A lavoro ultimato, potete procedere con la copertura prescelta, scegliendo quindi la tinteggiatura con il relativo aggrappante, oppure optare per la carta da parati o anche per della stoffa damascata.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come decorare le pareti con lo stucco veneziano

Da qualche anno a questa parte la moda del fai-da-te sta spopolando, anche a causa della crisi economica che ci affligge giorno dopo giorno. Grazie a questa tecnica è possibile creare nuovi oggetti utilizzando magari materiale di riciclo. I prodotti...
Ristrutturazione

Come restaurare lo stucco veneziano

lo stucco veneziano ovvero una miscellanea di vernici nella tonalità pastello, è il fiore all'occhiello della tradizione artistica e pittorica della città lagunare. Un parete rifinita con dello stucco antico, può essere costantemente restaurata,...
Ristrutturazione

Come realizzare uno stucco veneziano

A causa della crisi spesso ci si deve privare di tantissime cose ma grazie ai materiali fai-da-te sempre meno costosi e ad Internet che contiene milioni di guide su ogni cosa, in molti si cimentano a costruire da sé oggetti che è impossibile creare,...
Ristrutturazione

Come rimuovere lo stucco epossidico dalle piastrelle

Se avete appena rifinito le piastrelle con dello stucco epossidico ed intendete eliminare quello in eccesso che si è indurito, potere farlo senza danneggiare la superficie e nel contempo in modo semplice e veloce. In riferimento a ciò, nei passi successivi...
Ristrutturazione

Come decorare le pareti con stucco colorato

Per vivacizzare le stanze e donare loro un nuovo aspetto che regali comfort e serenità, si può pensare di decorare le pareti con dello stucco colorato. In questo progetto decorativo la calda sfumatura color terracotta dell'intonaco fresco è permeata...
Ristrutturazione

Come si utilizza lo stucco francese

Nella guida che segue vi sarà spiegato come si utilizza lo stucco francese, una tipologia davvero originale. Questa pasta è molto semplice da applicare perché non c'è bisogno di miscelare alcun ingrediente ed è di facile stesura. Potete acquistarla...
Ristrutturazione

Come chiudere con lo stucco i buchi sul muro

In tutte le case è inevitabile, prima o poi, dover intervenire per spostare dei quadri, eliminare delle mensole o, semplicemente, per chiudere delle crepe che si sono create nei muri a causa dell'umidità o di infiltrazioni. In questi casi è sufficiente...
Ristrutturazione

Come realizzare lo stucco fluido per pavimenti in legno

Per evitare il problema delle infiltrazioni di acqua nelle fessure del pavimento e la conseguente formazione della muffa nera, in edilizia si usa lo stucco, che è un impasto fatto con gesso calce o cemento. Alcuni tipi di stucco possono, però, causare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.