Come rimuovere lo stucco epossidico dalle piastrelle

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se avete appena rifinito le piastrelle con dello stucco epossidico ed intendete eliminare quello in eccesso che si è indurito, potere farlo senza danneggiare la superficie e nel contempo in modo semplice e veloce. In riferimento a ciò, nei passi successivi di questa guida troverete tutte le istruzioni su come rimuovere lo stucco epossidico dalle piastrelle.

25

Occorrente

  • Spatola
  • Detersivo
  • Minitrapano
  • Piccola fresa diamantata
  • Spugna
  • Bicarbonato di sodio
  • Talco
  • Aceto
  • Detersivo per piatti
35

Utilizzare prodotti naturali e attrezzi adeguati

Lo stucco epossidico serve principalmente per rifinire le giunture tra le piastrelle, e spesso viene usato come decorazione per alcune tipologie di pavimenti rustici. Tuttavia una volta che si è indurito appare rigido e difficile da rimuovere, il che comporta non pochi problemi, visto che usando dei materiali abrasivi si potrebbe danneggiare la superficie in gres o smaltata di cui questi rivestimenti si compongono. Per rimuovere lo stucco epossidico in eccesso, senza usare agenti chimici e prodotti abrasivi, si possono utilizzare anche quelli naturali di facile reperibilità in casa e alcuni attrezzi adeguati.

45

Usare delle frese diamantate

Prima di rimuovere lo stucco dalla superficie della piastrella, bisogna capire quale sia la struttura di cui si compone; infatti, se presenta molto cemento e poca massa collosa, allora il problema può essere risolto con una spatola, facendola agire con un'inclinazione a 45 gradi semplicemente spingendo più che forzare. A tale proposito il consiglio è di lavare prima le piastrelle con dell'acqua mista a detersivo, e poi procedere con la suddetta spatola. Se invece le sbavature di stucco epossidico sono particolarmente ricche di materiale plastico e poco cemento, e si notano principalmente proprio nel rigo di giuntura tra la varie piastrelle, potete usare un minitrapano da bricolage e dotarlo per l'occasione di una sottilissima fresa a pallina del tipo diamantato. In questo modo, potrete intervenire con precisione senza creare danni strutturali alle piastrelle.

Continua la lettura
55

Creare uno scrub

Per rimuovere lo stucco epossidico, un rimedio a base di prodotti naturali e senza quindi l'uso di attrezzi specifici consiste nel creare una sorta di scrub. Si tratta infatti di miscelare del bicarbonato di sodio, del talco, alcune gocce di aceto e del normale detersivo per piatti. Una volta ottenuta una crema abbastanza densa si può applicare con una spatola, e poi con una spugna si generano dei piccoli movimenti rotatori che risultano molto efficaci grazie alla leggera azione abrasiva del bicarbonato di sodio e del talco, e a quella detergente dei liquidi aggiunti a questo funzionale scrub per piastrelle fai da te.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come rimuovere le piastrelle della doccia

Se nella stanza da bagno e precisamente nella doccia avete delle piastrelle che non vi soddisfano più per la loro tonalità, oppure appaiono visibilmente consumate, potete rimuoverle senza creare danni strutturali. Successivamente provvedete poi alla...
Ristrutturazione

Come rimuovere lo stucco veneziano cerato

Se avete appena preso casa e notate che le pareti trattate con dello stucco veneziano cerato sono malridotte, prima di provvedere ad una nuova tinteggiatura o usare della carta da parati, è importante rimuovere la suddetta sostanza, poiché non è in...
Ristrutturazione

Come usare lo stucco per piastrellare

L'uso e il passaggio ottimale dello stucco, consente dii riempire le fughe delle piastrelle migliorandone la durezza nel corso del tempo. Come vedremo nella scelta del materiale, sono tanti i fattori da tenere in considerazione. La scelta di un giusto...
Ristrutturazione

Come sostituire lo stucco danneggiato

Come vedremo nel corso di questo tutorial, la migliore cosa da fare nel caso in cui lo stucco si presenta particolarmente danneggiato (o comunque presenta gravi danni come macchie e spaccature), è quella di provvedere alla sua totale sostituzione. Nonostante...
Ristrutturazione

Come realizzare lo stucco fluido per pavimenti in legno

Per evitare il problema delle infiltrazioni di acqua nelle fessure del pavimento e la conseguente formazione della muffa nera, in edilizia si usa lo stucco, che è un impasto fatto con gesso calce o cemento. Alcuni tipi di stucco possono, però, causare...
Ristrutturazione

Come rinnovare le fughe nelle piastrelle e pavimenti

Sia sui pavimenti che sulle pareti, in tinta unita o fantasia, le piastrelle creano una bella decorazione, di cui una delle caratteristiche principali, è costituita dalla durata, dato che è difficile logorarle. Alle volte, però, può accadere di dover...
Ristrutturazione

Come applicare lo stucco veneziano sui mattoni

La chiave per l'uso dello stucco veneziano sta principalmente nell'applicare degli strati sottili, creando così l'impressione di profondità e lucentezza simile a quella del marmo. Questa tecnica richiede non solo una speciale applicazione dell'intonaco,...
Ristrutturazione

Come rimuovere le piastralle da una parete

Quando si acquista una nuova casa, succede il più delle volte di trovare le pareti della cucina interamente foderate da piastrelle vecchie e di pessimo gusto. Anche se oggi nelle case moderne si preferisce piastrellare solo l'angolo cottura e, dipingere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.