Come rimuovere la resina epossidica

Tramite: O2O 12/05/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

Le resine sono sostanze molto utilizzate in diversi campi d'applicazione, e svolgono un ruolo piuttosto importante nella riparazione di diversi oggetti, o anche nella costruzione, in base alle esigenze del caso.
Sempre più spesso, sia nel campo dell'edilizia che in quello del restauro, si fa uso di prodotti innovativi. La resina riveste i pavimenti domestici e lavorativi, di molti alloggi moderni. Quella epossidica si utilizza in campo nautico, nella riparazione di imbarcazioni di ogni tipo. Per rimuovere questo ingrediente dal legno, dal metallo o dalla plastica, bisogna prendere le dovute precauzioni. Come sempre una corretta informazione facilita l'operazione e ne previene i danni. In questa guida vedremo come rimuovere la resina epossidica da diverse superfici, attraverso pochi e semplici passaggi daremo utili consigli in merito.

27

Occorrente

  • Resina Epossidica da rimuovere.
  • Occhiali protettivi.
  • Abiti aderenti che ricoprono tutta la pelle del corpo.
  • Guanti resistenti agli acidi con polsino alto.
  • Acetone o un altro tipo di diluente.
  • Pistola termica o saldatore.
  • Spatola e spray refrigerante.
  • Gas liquido e trielina per zone più estese.
37

Rimozione facile ad alte temperature

Con la premessa che la sostanza in questione è altamente tossica per gli occhi, assolutamente inserire degli occhiali protettivi che non lasciano passare l'aria al loro interno e dei guanti di gomma. È complessa la rimozione della resina epossidica se il processo di indurimento è già avvenuto. Per questo portare il materiale a temperature elevate può essere un ottimo escamotage! La temperatura di fusione della resina è a circa 93° e si può facilmente raggiungere con una pistola scaldante (banalmente chiamato phon) oppure in alternativa un saldatore. Non bisogna cercare di scaldate tutto la resina che si ha davanti, poiché è complesso mantenere lo stesso calore in ogni parte, onde per cui sarebbe appropriato e vantaggioso scaldare porzioni di 5-8 cm alla volta togliendola infine poco a poco. Per la rimozione si consiglia un raschietto od una spatola, ma attenzione alla velocità con cui si va poi a raschiare, si potrebbe rovinare la superficie interessata. Alcune parti potrebbero rimanere comunque attaccate per via del decremento della temperatura, basta riscaldare nuovamente la zona interessata e continuare delicatamente a raschiare poco a poco.

47

Consigli pratici per la rimozione

Se non ci fidiamo di questi consigli, andiamo da un ferramenta e compriamo il diluente adatto. L'importante è non procedere nell'incertezza. C'è il rischio di rovinare una cassettiera, un vinile o qualsiasi altro accessorio. Utilizziamo una pistola termica per scioglierla o un saldatore. Teniamo conto che le alte temperature rovinano gli arredi. Spostiamo la pistola. Non teniamola fissa in un punto per più di 60 secondi. Dopo con una spatola, ripuliamo l'oggetto in questione. Stiamo attenti a non provocare graffi premendo con forza lo strumento tagliente. Spruzziamo un refrigerante per abbassare il calore e facilitare la rottura. Buttiamo nei servizi igienici le rimanenze del lavoro terminato. Esistono anche dei prodotti specifici ammorbidenti per la resina epossidica e possono essere facilmente reperibili ed acquistabili presso ferramenta o negozi di bricolage (bisogna però sceglierlo accuratamente poiché agenti ossidanti esposti ad elevato calore possono prendere fuoco e scaturite un incendio). Una volta acquistato basterà spruzzare il prodotto sulla resina per l'ammorbidimento per poi raschiare con la solita spatolina o raschietto. Solitamente prima che lo spray entri in azione bisognerà attendere circa un ora.

Continua la lettura
57

Come rimuoverla dal pavimento

Per eliminare l'elemento dal pavimento, c'è bisogno di una miscela di acido solforico e tetracloruro di carbonio. Apriamo la porta per far passare l'aria. In questi casi, in base alla dimensione della stanza, si consiglia l'intervento di persone esperte. Con un tubo d'acqua, si inumidisce l'intera pavimentazione. Dopodiché si agisce con un pennello a manico lungo. Si lascia passare, un tempo sufficiente che può variare, in base alle condizioni atmosferiche del luogo. Si neutralizza l'acido con il bicarbonato di sodio. Con il solito tubo, si spruzza l'acqua, fino a togliere i residui rimasti. In alternativa, si preferisce l'impiego di un cannello con bombola a gas liquido, per bruciare la resina ed eliminare con la trielina i resti. La Resina Epossidica è in grado di recuperare anche le travi ammalorate.
Rimuovere la resina epossidica è un'operazione piuttosto semplice ma che richiede le dovute precauzioni, trattandosi di materiale chimico. Se non avete mai avuto a che fare con questo materiale e non sapete esattamente come muovervi allora seguite le istruzioni di questa guida, riuscirete a rimuoverla dalle superfici che vorrete, velocemente e senza troppo sforzo. Ricordatevi sempre di stare attenti e seguire alcune norme di sicurezza per evitare spiacevoli situazioni. Vi auguro quindi buon lavoro.
Alla prossima.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come applicare la resina sulle pareti

Se sulle pareti della vostra casa intendete applicare della resina, è importante assicurarvi che le superfici interessate non presentino intonaci fatiscenti oppure sensibili tracce di umidità. In tal caso è necessario procedere con dei materiali specifici,...
Ristrutturazione

Come fare manutenzione di un pavimento in resina

La resina è un materiale che negli ultimi anni è stato usato per rivestire i pavimenti, poiché è pratico, ha uno spessore ridotto ed è anche atossico. Importante è usare dei prodotti giusti per la pulizia, quindi non aggressivi ed abrasivi. In riferimento...
Ristrutturazione

Come fare un rivestimento in resina per bagno

Un rivestimento in resina è la scelta più appropriata per rinnovare pavimenti e pareti. La resina da rivestimento è infatti un materiale duttile, impermeabile e resistente a tutte le usure. Inoltre è inodore, atossico e privo di qualsiasi emissione...
Ristrutturazione

Come realizzare un rivestimento in resina

La resina è una sostanza organica solida o semi-solida di composizione assai varia, caratterizzata di solito da una tipica lucentezza e trasparenza. La resina viene spesso utilizzata come isolante, in farmacia, per apprettare i tessuti, per realizzare...
Ristrutturazione

Come realizzare un pavimento in resina

Nel caso in cui per la vostra abitazione avete l'intenzione di utilizzare un pavimento differente dal solito, e che sia esteticamente valido e nel contempo definitivo, una buona soluzione è quella di optare per quello in resina. La tipologia di posa...
Ristrutturazione

Come applicare la resina sulle piastrelle

Un rivestimento in resina consiste in una soluzione ideale per chi desidera rinnovare una vecchia superficie, sia per migliorarne lo stato di conservazione, sia per rimodernarne l'aspetto: tutto questo senza dover effettuare costosi interventi di rimozione....
Ristrutturazione

Come rinnovare le pareti applicando la resina sulle piastrelle

In questa pratica guida imparerete a capire come rendere le vostri pareti come nuove. Insomma, come rinnovare le pareti applicando la resina sulle piastrelle. Quindi, se avete delle pareti con delle piastrelle, magari del bagno, da rinnovare, ecco come...
Ristrutturazione

Come ristrutturare una doccia in travertino

Il travertino è un materiale robusto e resistente, che dona eleganza a qualsiasi stanza all'interno di una casa; il suo colore può variare dal bianco al rossastro. Questo tipo di materiale si differenzia dagli atri per la sua lucentezza e raffinatezza....