Come rifare l'intonaco crollato

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

C'è stata una scossa di terremoto a casa vostra o qualche infiltrazione di acqua ed un pezzo di intonaco è crollato da una parete? State pensando a come risolvere questo disastro? Prima di chiamare i muratori, questa guida può aiutarvi a rifare da soli il vostro intonaco permettendovi di risparmiare sulla manodopera e spendere solo il minimo indispensabile per comprare il materiale da costruzione. In questa guida vi spieghiamo come fare.

28

Occorrente

  • Un frattazzo
  • Uno sparviere
  • Un recipiente abbastanza ampio
  • Una tavola di legno
  • Un pennello e/o una pennellessa
  • Una mazza
  • Uno scalpello
  • Una confezione di malta per intonaco
  • Un consolidante adesivo
38

Per prima cosa bisogna individuare l'origine del crollo e togliere parte dell'intonaco che circonda la parte interessata con una mazza ed uno scalpello fino a mettere a nudo i mattoni o comunque il materiale che costruisce l'edificio tenendo inclinata la lama dello scalpello rispetto alla posizione in cui si lavora.

48

Dopo aver messo a nudo la struttura bisognerà consolidare i bordi dell'intonaco passando alcune pennellate di un prodotto adesivo e sigillante per isolarli dal nuovo intonaco che si eseguirà. Se la causa del crollo è dovuta ad un'infiltrazione di acqua sarà necessario togliere l'intonaco dall'intera parete ed impermeabilizzarla prima di ricostruire l'intonaco.

Continua la lettura
58

Bisognerà ora scegliere il tipo di intonaco, confrontandolo tra i campioni esposti dal rivenditore presso il quale verrà acquistato ed optare per quello che assomiglia il più possibile a quello già esistente. Una volta trovato l'intonaco più adatto si procede con la preparazione dell'impasto, cercando di prepararne la quantità che si intende utilizzare in una sola operazione in un contenitore della grandezza indicata.

68

Ora non resta che bagnare la parte dove si intende applicare l'intonaco in modo da evitare che venga assorbita l'acqua contenuta nell'impasto e che si ritiri durante l'asciugatura formando eventuali fessure. Fatto ciò si passa alla stesura dell'intonaco con uno sparviere sul quale si raccoglie la malta da applicare ed un frattazzo che la preleva dal contenitore, dopo di che la si stende con il frattazzo eseguendo movimenti piuttosto rapidi dal basso verso l'alto: ora per lisciare l'intonaco si dovrà passare una tavola in legno di lunghezza appena superiore a quella della superficie trattata. L'aiuto di una pennellessa inumidita permetterà alla superficie di uniformarsi integrandosi con la porzione di intonaco già esistente. Finito il lavoro non si deve far altro che lasciare asciugare per almeno una giornata. Dopo di che non rimane che scartavetrare e tinteggiare l'intera stanza per poter avere un colore uniforme ed evitare dunque che si noti la toppa di intonaco.

78

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come fare un buon intonaco

Se su una parete abbiamo l'intonaco che si sta sgretolando giorno per giorno, magari a seguito dell'umidità, possiamo rimediare intervenendo con una nuova copertura totale o parziale, e adottando però delle tecniche specifiche prima, durante e dopo...
Ristrutturazione

Consigli per la rimozione dell'intonaco vecchio

Ristrutturare e "rinfrescare" un po' la propria casa è un lavoro per mani esperte. Alcuni interventi particolarmente invasivi richiedono esperienza e competenza. Altri, invece, sono praticabili anche da persone meno ferrate in edilizia. Alcuni edifici...
Ristrutturazione

Consigli per eliminare completamente l'intonaco vecchio

Nei palazzi molto antichi e nelle ville molto vecchie, molto spesso e presente uno strato di intonaco incrostato e vecchio, abbastanza difficoltoso da rimuovere. I vecchi tipi di intonaco sono solitamente attaccati attraverso uno strato di malta, ed è...
Ristrutturazione

Come raschiare l'intonaco umido dalle pareti

Se in casa abbiamo una o più pareti che si presentano un tantino umide, e quindi sono soggette a periodici distacchi di intonaco, per evitare che con il passar del tempo possa peggiorare, conviene rimuoverlo utilizzando però tecniche e materiali giusti....
Ristrutturazione

Come realizzare l'Intonaco per l'affresco

La tecnica dell'affresco non è una semplice pittura su muro, ma un procedimento pittorico che richiede una preparazione specifica dell'intonaco. Su questo, andremo poi ad applicare il colore, fino a quando non si fonderà letteralmente in esso. A tal...
Ristrutturazione

Come rimuovere l'intonaco superficiale ammalorato

L'umidità che affligge le pareti, alla lunga, può ridurre le capacità di un'abitazione di isolare gli interni dal clima esterno e facilitare la formazione di muffa. L'umidità di risalita, in particolar modo, può far emergere attraverso le murature...
Ristrutturazione

Come applicare l'intonaco negli interni

Come vedremo nel corso di questa breve guida, l'intonaco in ambito edilizio ha lo scopo di completare e rifinire i lavori in muratura, rendendoli visibilmente perfetti. Nonostante possa sembrare un lavoro difficile da realizzare, applicare l'intonaco...
Ristrutturazione

Come fare l'intonaco

Ogni edificio possiede degli elementi strutturali e degli elementi che svolgono una funzione prettamente estetica. Tra i primi annoveriamo il cemento, le travi portanti e ogni altro elemento utile ai fini della costruzione. Gli elementi estetici invece...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.