Come ridurre i livelli di umidità in cucina

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La cucina è uno degli ambienti domestici più soggetti all'umidità, a seguito della presenza di acqua che alimenta il lavello ma anche del vapore generato dalla cottura dei cibi. Per evitare che possa danneggiare mobili e pareti, è quindi necessario adottare alcuni stratagemmi. In riferimento a ciò, ecco una guida con alcuni utili consigli su come ridurre i livelli di umidità in cucina.

26

Occorrente

  • Sale grosso
  • Bicarbonato di sodio
  • Succo di limone
  • Ciotola di plastica
36

Usare del sale grosso

In mancanza di un deumidificatore elettrico che tra l'altro in un ambiente cucina piuttosto piccolo potrebbe rappresentare un ostacolo per i movimenti quotidiani, è possibile crearne uno del tutto naturale usando semplicemente del sale grosso. Nello specifico si tratta di inserirlo in una ciotola, e lasciarlo agire durante le ore notturne. Al mattino il sale appare visibilmente inzuppato d'acqua, quindi significa che ha catturato l'umidità presente in cucina o quanto meno ne ha ridotto il livello.

46

Evitare ristagni d'acqua

Molto spesso capita che in cucina si creano dei ristagni d'acqua che fanno aumentare a dismisura il livello di umidità. Per evitare che ciò accada, è importante adottare alcuni semplici stratagemmi e soprattutto avere delle accortezze. Per fare un esempio, non vanno mai lasciati bagnati il lavello e lo scolapiatti specie dopo che quest'ultimo ha svolto la sua funzione. Inoltre va sottolineato che asciugare dei panni nell'ambiente cucina non è l'opzione giusta, in quanto l'acqua in essa contenuta si va ad addensare sotto forma di umidità nella stanza creando anche cattivi odori e muffe. Queste ultime sono una conseguenza logica dell'eccessiva presenza di umidità in un ambiente domestico, per cui volendo ottimizzare il risultato si possono usare alcuni prodotti naturali di facile reperibilità oltre che arieggiare periodicamente il locale.

Continua la lettura
56

Utilizzare bicarbonato di sodio e sale

Un rimedio ideale per ridurre il livello di umidità nella cucina e nel contempo in grado di evitare la formazione di muffa, è di utilizzare bicarbonato di sodio e sale grosso. Quest'ultimo infatti come già accennato nei passi precedenti è un ottimo assorbente d'acqua, mentre il bicarbonato è noto per essere uno dei mangiaodori naturali più efficaci che esistano. Per ottimizzare il risultato basta dunque miscelare le due sostanze tra loro in una ciotola di plastica magari con l'aggiunta di alcune gocce di limone, e lasciarle agire la sera dopo l'ultimo uso dei fornelli. Anche in questo caso è importante evitare che ci siano ristagni d'acqua sul lavello o su alcune vettovaglie di uso quotidiano, in quanto se assorbite dal mix ritardano la sua efficacia nell'ambiente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

I fattori che influenzano il livello di umidità in casa

Ci sono una serie di fattori che possono influenzare il livello di umidità in una casa. Mantenere l'umidità ad un livello uniforme è vitale, non solo se si coltivano piante, ma anche se si desidera evitare problemi come la muffa. Se sei interessato...
Economia Domestica

Come ridurre i consumi della caldaia

Soprattutto in inverno si vorrebbe poter ridurre i consumi della caldaia, perché, se è vero che un dolce tepore all'interno della propria casa è quanto mai piacevole, è purtroppo vero anche il fatto che le bollette per il consumo energetico hanno...
Economia Domestica

5 piante da appartamento che assorbono l'umidità

Le piante in base alla loro struttura morfologica per crescere sane e rigogliose richiedono un habitat specifico, per cui ci sono quelle adatte per gli esterni mentre altre ideali per gli interni. Le prime prediligono zone calde e soleggiate, mentre le...
Economia Domestica

Come ridurre le spese condominiali

Risparmiare sulle spese condominiali è molto importante per far quadrare i bilanci familiari, infatti esse rappresentano per molti un ulteriore problema a quelli già esistenti nella vita di tutti i giorni. Ridurre le spese condominiali, però, non è...
Economia Domestica

10 regole per ridurre la produzione di spazzatura

Per contribuire alla salvaguardia del mondo in cui viviamo, ognuno di noi dovrebbe prestare maggiore attenzione nell'evitare il più possibile di creare spazzatura e rifiuti che danneggiano l'ambiente. Nella seguente guida, attraverso una serie di utili...
Economia Domestica

Come risparmiare gas in cucina

Le bollette di gas e luce hanno un'incidenza notevole nel bilancio familiare: una delle stanze che ci impegna di più finanziariamente è la cucina perché è proprio qui che si concentrano gli apparecchi che funzionano a gas (caldaia e cucina). Il gas...
Economia Domestica

Come ridurre un maglione oversize di cotone

Se avete un maglione di cotone del tipo oversize e che quindi non riuscite ad indossare con eleganza poiché troppo grande rispetto al vostro fisico, potete rimediare intervenendo con alcuni accorgimenti di carattere sartoriale. In sostanza si tratta...
Economia Domestica

Consigli per ridurre lo spreco di carta

Negli ultimi anni il consumo e lo spreco di carta sono aumentati notevolmente. Negli uffici e in casa si fanno decine e decine di stampe o fotocopie e molto spesso, non ci si rende nemmeno conto di quanta carta si spreca attraverso riviste, volantini,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.