Come Riconoscere Un Mobile In Stile Maggiolini

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

I mobili sono un pezzo di arredamento importante per le nostre case; alcuni di noi li considerano delle vere opere d'arte, per questo diventa importante saper riconoscere a che corrente appartengono, le differenze e i punti di incontro che questi mobili presentano. Lo stile Maggiolini nasce verso la fine del '700 e l'inizio dell'800, ad opera di Giuseppe Maggiolini da Parabiago, che per la sua maestria venne nominato "il principe degli intarsiatori". Fu uno dei maggiori ebanisti del suo tempo, operò infatti alla corte di Luigi XVI. I mobili, soprattutto comò e cassettoni, rivelano tendenze neoclassiche. Nella seguente guida vi sarà spiegato proprio come riconoscere un mobile Maggiolini autentico.

26

Occorrente

  • Un occhio acuto per i particolari
36

Giuseppe Maggiolini realizzò molti tavoli, cassettoni, comò e tavoli da gioco, che in seguito presero il suo nome. Le sedie e le poltrone sono rare e quasi introvabili. La figura del maestro Maggiolini sembra quasi una legenda a causa della scarsità di informazioni sul suo conto, anche gli studi su di lui sono molto scarsi. I mobili direttamente riconducibili alla mano di Maggiolini sono in numero ovviamente inferiore a quelli prodotti nelle botteghe degli eredi, che poi sono stati prodotti fino a metà Ottocento seguendo lo stile del maestro.

46

Una delle prime cose da guardare in un mobile Maggiolini è che sia privo di intagli. In questo tipo di mobili l'intarsio sostituisce l'intaglio. I piedi hanno una pianta quadrata ed è l'unica parte che presenta qualche intarsio. I motivi floreali sono caratterizzanti per questa tipologia di mobili. Esistono tanti tipo di motivi floreali, possono andare dal mazzo alla ghirlanda, dal festone annodato a nastri a quello appeso a borchie, intrecciato a ornati. Ci sono però solo determinati tipi di fiori che dovete far attenzione a riconoscere per stabilire se il mobile che avete davanti è un Maggiolino autentico: la rosa, il ranuncolo, il tulipano e soprattutto il garofano, che è l'unico a essere ripetuto in vari pezzi, al contrario degli altri tipi di fiori.

Continua la lettura
56

Potete trovare anche motivi che rappresentano viti, edere, allori, ulivi e l'acanto. I Maggiolini hanno svariati tipi di legno: noce nostrano, pero, ebano venato del Madagascar, noce d'India. Quindi dovete fare molta attenzione al legno! L'intarsio Maggoliniano è ricco a livello pittorico. Ci sono anche versioni in acero rosso, sandalo, corniolo, fino ad arrivare al famoso legno di rosa. Queste sono tutte le informazioni che dovete conoscere per verificare se vi trovare difronte a un Maggiolino autentico.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arredamento

Come riconoscere un mobile di ebano

L'Ebano è quel legno di dura consistenza, pregiatissimo e di colore nero o scuro, usato per creare mobili, sculture ed intagli oltre a stipetteria, impiallacciature e manici di coltello. È composto da una grana finissima che lo rende pesante e il suo...
Arredamento

Come riconoscere un mobile di radica di noce

Senza dubbio l'arredamento di una casa rispecchia la personalità della persona che ci vive. Un mobile di radica di noce non è un elemento che si sovente in un comune appartamento. Molto pregiato e raffinato, nella maggior parte dei casi è stato scelto...
Arredamento

Come Riconoscere Mobili In Stile Barocchetto O Rococò

Il rococò è uno stilo di ornamento che è nato e si è sviluppato principalmente nella Francia della prima metà del diciottesimo secolo. È da molti considerato un'evoluzione del cosiddetto tardo-barocco. Il Rococò si distingue da altri stili per...
Arredamento

Come Riconoscere Lo Stile Biedermeier

Quando si arreda una casa è importante, anzi direi proprio fondamentale, seguire un certo stile, che ci permetterà di dare un tocco personale e di originalità agli ambienti della nostra abitazione. A tal proposito è importante saper riconoscere ogni...
Arredamento

Come Riconoscere E Scegliere I Mobili In Stile Vittoriano

Il stile vittoriano è cosi definito poiché nato all'epoca in cui regnava la Regina Vittoria, e si articola su mobili di legno lineari, di un colore tendenzialmente scuro ed in particolare con una finitura in radica pregiata come ad esempio di mogano...
Arredamento

Come riconoscere i mobili in stile Liberty

Conosciuto anche come Jugendstil, Art Nouveau o Stile Floreale, il Liberty è un noto movimento artistico il cui scopo è quello di abbellire e portare migliorie. Nasce tra la fine dell'800 e l'inizio del'900, manifestandosi soprattutto nell'architettura...
Arredamento

Come riconoscere i principali stili dei mobili d'epoca

Se per arredare la vostra casa intendete scegliere dei mobili d'epoca, è molto importante imparare a riconoscere gli stili in modo da inserire quelli giusti ed adeguati al design che vi siete prefissati. La scelta tutto sommato non è difficile, poiché...
Arredamento

Come creare un mobile shabby chic

Negli ultimi anni spopola lo stile shabby chic, nato in Inghilterra. Si tratta di un vintage che non nasconde l'usura degli anni ma anzi ne fa il proprio punto di forza. Quell'aria così romantica e vissuta si abbina a colori chiari e delicati. Bianco,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.