Come riconoscere un mobile di ebano

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'Ebano è quel legno di dura consistenza, pregiatissimo e di colore nero o scuro, usato per creare mobili, sculture ed intagli oltre a stipetteria, impiallacciature e manici di coltello. È composto da una grana finissima che lo rende pesante e il suo colore scuro deriva dalla deposizione di tannini, anche se esistono altri tipi di ebano dal colore verde o rosso o grigio. Ma i mobili in ebano sono rarissimi e potrebbero venir scambiati con mobili in legno di pero o di sicomoro. Ecco perché è così importante saperlo riconoscere e come fare quindi per non sbagliare.

26

Occorrente

  • Occorre osservare bene tutto l'oggetto in ebano
36

La distinzione

Come fare per distinguere un mobile in vero ebano?
Diventa importante osservare per bene le sue caratteristiche principali. Proveniente dalla fascia tropico equatoriale dell'Asia o dalle savane dell'Africa Orientale l'ebano ha un aspetto nero o nero-rossastro, tessitura fine, con fibre prevalentemente dritte. La durezza di questo legno è elevatissima ed è resistente agli urti. I vari pezzi da utilizzare per una creazione vengono uniti solo da collanti. Infatti non ci saranno chiodi e viti in un vero mobile in ebano. Viene alla fine rifinito a cera.

46

Il materiale

Primi fra tutti furono gli egizi e i romani a trattarlo come un legno prezioso per oggetti di grande valore. Gli olandesi iniziarono poi ad utilizzare l'ebano per scrigni e cofanetti intarsiati. E nella nostra Italia arrivò con l'ebanista forse più famoso, Giuseppe Maggiolini, maestro d'intarsio alla corte degli Asburgo e di Napoleone. Anche Giuseppe Maria Bonzanigo fu un grande ebanista, ma alla corte dei Savoia. L'ebano ormai aveva conquistato tutta Europa, dato che era ed è una delle essenze più pregiate e di alto costo.

Continua la lettura
56

Le tipologie

Varie tipologie di ebano
La specie tipica più pregiata è il D. Ebenum Koen dell'India: durissimo, compatto, non elastico, nerissimo a causa di una sostanza nera derivata dall'umificazione della gomma che riempie i vasi. Oppure l'ebano calamandra, o del Coromandel, dal colore bruno intenso con venature regolari e nere, poi magari il black persimmon o chapote che è bruno con striature più scure, dell'America Settentrionale. Esiste anche l'ebano bianco delle isole Mascarene che presenta striature bianche su fondo nero; o addirittura l'ebano verde delle Indie Occidentali. Infatti secondo i paesi di provenienza questo legno può variare alquanto per colorito e qualità tecniche. In effetti esistono anche ebani africani, per esempio quello di Zanzibar e del Senegal. L'ebano è noto anche con i nomi commerciali come l'ebano di Mumbai o l'ebano di Ceylon.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • L'ebano non assorbe molta umidità, quindi se ben curato potrà durare a lungo e in perfette condizioni
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arredamento

Come riconoscere un mobile antico in stile Luigi XVI

Esistono diversi stili di mobili che hanno caratterizzato la storia. Per riconoscere un oggetto d'antiquariato e acquistare conseguentemente i complementi di arredo di proprio gusto, è necessario sicuramente seguire alcune piccole e utili indicazioni...
Arredamento

Come riconoscere un mobile antico in stile neoclassico

Per riconoscere lo stile di un mobile sono necessarie alcune conoscenze di base, soprattutto per quello neoclassico antico. Come ogni movimento culturale, anche lo stile neoclassico si contraddistingue dagli altri per caratteristiche chiare ed evidenti....
Arredamento

Come riconoscere una falsificazione del mobile antico cabinet

Il mondo dell'antiquariato è avvolto dal fascino che pervade i tempi perduti. Un viaggio capace di portarci indietro nel tempo, quasi a toccare con mano i fasti di epoche ormai sepolte sotto la polvere degli anni. Eppure è molto facile cadere prede...
Arredamento

Come riconoscere un mobile di radica di noce

Senza dubbio l'arredamento di una casa rispecchia la personalità della persona che ci vive. Un mobile di radica di noce non è un elemento che si sovente in un comune appartamento. Molto pregiato e raffinato, nella maggior parte dei casi è stato scelto...
Arredamento

Come valutare un mobile d'epoca

Sempre più spesso, all'interno delle case moderne, troviamo dei complementi d'arredo appartenenti ad epoche passate. A volte, si tratta di mobili ereditati da parenti lontani, arrivati nei saloni di famiglia e messi in bella mostra, insieme ad altri...
Arredamento

Come riconoscere falsi mobili antichi del Settecento

Saper distinguere un mobile antico autentico da una copia è una dote rara che necessita di anni di studio e un certo intuito. Nel momento in cui intendi acquistare un mobile d'antiquariato rivolgi al rivenditore domande precise sull'epoca di costruzione...
Arredamento

Come Riconoscere Mobili In Stile Luigi Tredicesimo

Luigi tredicesimo di Borbone, denominato anche "il Giusto", fu re di Francia e di Navarra dal 1610 al 1643, anno della sua morte. Oltre ad essere un importante personaggio storico e a far parte del celebre romanzo di Alexandre Dumas "I tre moschettieri"...
Arredamento

Come datare un mobile antico

Nel mondo dell'antiquariato, la datazione di un mobile antico è un'attività che riveste un fascino molto particolare: riguarda, infatti, l'ambito artistico ed estetico, comporta una preparazione sugli stili, le tecniche di lavorazione ed il legno impiegato,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.