Come riconoscere un corallo vero da quello falso e come lucidarlo

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

I coralli sono definiti scientificamente Antozoi; sono dei piccoli polipi che organizzati in colonie (barriere coralline) producono carbonato di calcio. Questa sostanza permette di dare struttura alla colonia. Tuttavia, gli oggetti di corallo sono molto amati dalle donne di tutto il mondo per il loro fascino, paragonabili a veri e propri gioielli. I falsari sono diventati molto abili nel contraffarli, per cui bisogna avere un occhio esperto per riconoscere un corallo vero da quello falso. I passi a seguire vi forniranno degli utili consigli su come si può riconoscere un corallo vero da quello falso e come lucidarlo.

26

Occorrente

  • panno morbido
  • cera liquida
36

Quando vi viene proposto un oggetto di corallo ad un prezzo stracciato, diffidate, vuol dire che c'è sicuramente un inganno. È consigliabile prendere tempo per riflettere e non prendere decisioni sbagliate e, soprattutto azzardate. Il rapporto qualità-prezzo è indispensabile. Il momento in cui viene proposto un oggetto di altissima qualità, ma abbastanza economico bisogna diffidare in quanto la truffa è dietro l'angolo.

46

Ricordiamo che il corallo è un organismo vivente per cui è imperfetto in qualsiasi modo si lavora. Non bisogna farsi ingannare da un corallo che non ha difetti. Se la struttura (cabochon) è integra, senza alterazioni e non ci sono le linee concentriche tipiche delle essenze legnose allora quasi sicuramente è un falso. Il corallo non cresce tutto in una sola volta e durante le fasi di pausa produce delle linee che sono concentriche sulla superficie; esse sono visibili anche se il corallo viene lavorato con cura. Per i coralli i difetti sono pregi; infatti, i più ricercati (Pelle d'angelo e Moro) presentano delle macchioline chiare che sono caratteristiche della specie e, sono un marchio di qualità e di autenticità.

Continua la lettura
56

È bene sapere che l corallo teme molto gli agenti chimici come profumi o sudore per cui col tempo si opacizza. Quando indossate un girocollo di corallo, state molto attente a non esagerare con creme e deodoranti. Almeno 2 volte l'anno il corallo va lucidato per portarlo allo stato originale e lucidarlo. Basterà utilizzare un panno di cotone imbevuto di cera liquida. La cera funge da impermeabilizzante, protegge la superficie porosa ed inoltre elimina le scorie che si sono formate con l'utilizzo. Anche il laccio di sostegno va periodicamente sostituito per evitare un'improvvisa rottura per usura. Lo stesso discorso vale per il gancetto di chiusura che con il tempo potrebbe ossidarsi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come riconoscere i simboli della stiratura

In questa guida verrà spiegato come riconoscere i simboli della stiratura stampati nelle etichette situate su tutti gli indumenti. È molto importante riconoscere questi simboli in modo da non incorrere i errori che possono portare a rovinare i capi...
Pulizia della Casa

Consigli per la pulizia del piano di marmo

Se abbiamo dei mobili il cui ripiano è di marmo, bisogna fare molta attenzione a pulirlo, specie se antico; infatti, l’uso di prodotti e materiali inappropriati, rischiano di danneggiarlo irrimediabilmente. A tale proposito ecco una lista in cui ci...
Pulizia della Casa

Come pulire lo sporco ostinato sull'acciaio inossidabile

L'acciaio inossidabile risulta essere uno dei materiali che resiste maggiormente alla ruggine e alla fastidiosa opacità. Naturalmente, l'acciaio è in grado di durare perfettamente negli anni se viene eseguita una regolare e corretta manutenzione di...
Pulizia della Casa

Come pulire il marmo con metodi naturali

Il marmo è una superficie preziosa e resistente ed è caratterizzato da venature particolari e da una finitura lucida. Solitamente, viene impiegato sia per i pavimenti che per diversi tipi di arredo come i ripiani della cucina. Essendo, inoltre, piuttosto...
Pulizia della Casa

Come lucidare il pavimento in legno vinilico

Il legno vinilico è una struttura spesso utilizzata per la costruzione di pavimenti o di superfici calpestabili. Risulta particolarmente adatta a chi ama la praticità e la funzionalità: un pavimento in legno vinilico, infatti, è piuttosto facile da...
Pulizia della Casa

Come far risplendere l'argenteria

Spesso in una casa è presente argenteria di vario tipo. Tra tutti gli oggetti questi hanno bisogno di una costante pulizia. Pulire correttamente i nostri oggetti in argento, è sicuramente un qualcosa di molto importante che ci permette di preservare...
Pulizia della Casa

Come lucidare il parquet

Esistono tantissime tipologie di pavimentazioni, come ad esempio il gres, il marmo, il linoleum, fino ad arrivare al parquet. Quest'ultimo risulta essere particolarmente diffuso in Italia, perché elegante e raffinato. I legni più utilizzati per il parquet...
Pulizia della Casa

Come pulire e lucidare il parquet

Il parquet è un pavimento elegante che si può posare all'interno di un'abitazione. Il nemico numero uno è l'umidità in quanto può provocare il sollevamento delle tavole. Il parquet è un tipo di pavimento che una volta esposto alla luce e all'aria...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.