Come riconoscere l'argenteria d'antiquariato

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Come è possibile riconoscere l'argenteria che è d'antiquariato? Per capire qual è l'argento antico, gli appassionati ed i collezionisti ricercano ed esaminano le origine dei pezzi dell'argenteria, in modo da determinare lo stile, la data, ed il paese di origine, cercando di affidarsi ad un sistema di classificazione internazionale con la marcatura. Tanti pezzi d'antiquariato non hanno corrispondente moderno, e perciò avranno più valore a livello economico.

28

Sapere esattamente la loro funzione

Una suddivisione da fare subito degli oggetti in argento, è quella che classifica elementi creati interamente di argento da altri e da quelli chiamati in "silverplate", cioè che significa che sono composti da uno strato di argento fuso in un metallo di base. Quando esaminerete i pezzi in questione, dovrete sapere esattamente la loro funzione. I più comuni sono i candelabri, le teiere, i vassoi e le coppe.

38

Riconoscere le pentole per il cioccolato

Nel secolo diciottesimo e diciannovesimo, ciotole e piccole saliere rivestite d'argento e con un inserto in vetro, ricoprivano le tavole delle case nobili. Potrete riconoscere subito le pentole per il cioccolato, che risalgono al diciottesimo secolo. Esse hanno la forma caratteristica delle maniglie a forma di angolo retto rispetto al beccuccio, poi hanno un'apertura a cerniera dove inserire la bacchetta. Queste sono state inventate in concomitanza con la nuova moda di bere il thè: le bellissime "tea caddy", sono scatole rettangolari o quadrate, che hanno un coperchio che si toglie, e che ebbero vita fino alla fine del diciannovesimo secolo.

Continua la lettura
48

Notare in modo attento la presenza di marchi in argento

Notate in modo attento la presenza di marchi eventuali in argento, che potrebbero essere stampati sul fondo dell'oggetto. Su quelli più recenti oppure usati pochissimo, li distinguerete chiaramente. Gli oggetti invece più grandi oppure più consumati, potrete vederli con una luce molto intensa. Tutto quello che potrete trovare è soltanto una sua parte, a volte, e che sarà l'inizio per la sua identificazione. L'argento antico più pregiato ha origine britannica. Esso deve sempre presentare i tre segni dentro una sterlina. Questo rappresenterebbe rispettivamente: la città di produzione, la data, e la colorazione. Libri e risorse online forniscono elenchi completi dei marchi di tutto il mondo.

58

Gli argenti italiani sono difficili da riconoscere

Gli argenti nostri, dell'Italia, sono più difficili da riconoscere, in quanto non sempre presentano marchi, a differenza dei precedenti. Quelli autentici hanno però incisi dei punzoni sulla loro superficie: questo a causa della mancanza, negli scorsi secoli, di uno stato unico italiano che potesse stabilire norme di conformità universali.

68

Considerare la forma totale e la tecnica di progettazione

Dovete considerare la forma totale e la tecnica di progettazione. L'argento ha seguito le tendenze del suo tempo. Se avete un boccale, cesto, ciotola o teiera, essa vedrete che ha i dettagli stilistici che sono legati al momento in cui è stato costruito. Pezzi del diciassettesimo e del diciottesimo secolo hanno dimensioni molto grandi e sono decorati, in modo ricco avendo inoltre manici e pinnacoli anche molto elaborati. L'epoca neoclassica, produsse, invece, elementi leggeri e piccoli, con la maggior parte delle decorazioni che sono vicino alla superficie, ed ottenute tramite bassorilievi ed incisioni.

78

Controllare la concordanza tra peso e volume

Dopo che avrete controllato punzoni e marchi, controllate sulla concordanza tra peso e volume. Ci sono tabelle specifiche, su internet o in manuali dedicati all'antiquariato, che indicano questo rapporto. Questo deriva dalla quantità di argento che è disponibile nelle epoche storiche diverse. Risalgono al periodo delle scoperte minerarie elementi molto massicci e pesati. Quelli invece che sono più vuoti e scarni all'interno, risalgono a periodi di declino. Entrambi però, essendo autentici, hanno valore.

88

Fare attenzione a pezzi eventuali aggiunti

L'argenteria antica è nelle sue linee molto morbida ed ha una superficie disomogenea abbastanza, perché è lavorata da mani sapienti artigiane. Ci dovrebbe essere inoltre una patinatura, parecchio simile alla "craquelure", che è dovuta alle operazioni varie di lucidatura e pulitura. Fate tanta attenzione a pezzi eventuali aggiuntivi: non significa infatti che vi trovate davanti ad un falso. In passato, molto spesso, questi oggetti erano implementati da altri elementi, in modo da modificarne il fine del loro utilizzo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arredamento

Guida all'acquisto di mobili d'antiquariato

I mobili antichi coniugano la storia all'artigianalità, conferendo un tocco prezioso agli ambienti che li ospitano. Tuttavia, prendersene cura nel modo giusto spesso può risultare difficile quanto sceglierli.Ecco un'utile guida all'acquisto di mobili...
Arredamento

Come riconoscere un mobile antico in stile Luigi XVI

Esistono diversi stili di mobili che hanno caratterizzato la storia. Per riconoscere un oggetto d'antiquariato e acquistare conseguentemente i complementi di arredo di proprio gusto, è necessario sicuramente seguire alcune piccole e utili indicazioni...
Arredamento

Come riconoscere falsi mobili antichi del Settecento

Saper distinguere un mobile antico autentico da una copia è una dote rara che necessita di anni di studio e un certo intuito. Nel momento in cui intendi acquistare un mobile d'antiquariato rivolgi al rivenditore domande precise sull'epoca di costruzione...
Arredamento

Come Riconoscere Un Mobile In Stile Maggiolini

I mobili sono un pezzo di arredamento importante per le nostre case; alcuni di noi li considerano delle vere opere d'arte, per questo diventa importante saper riconoscere a che corrente appartengono, le differenze e i punti di incontro che questi mobili...
Arredamento

Come Riconoscere Mobili In Stile Barocchetto O Rococò

Il rococò è uno stilo di ornamento che è nato e si è sviluppato principalmente nella Francia della prima metà del diciottesimo secolo. È da molti considerato un'evoluzione del cosiddetto tardo-barocco. Il Rococò si distingue da altri stili per...
Arredamento

Come riconoscere una falsificazione del mobile antico cabinet

Il mondo dell'antiquariato è avvolto dal fascino che pervade i tempi perduti. Un viaggio capace di portarci indietro nel tempo, quasi a toccare con mano i fasti di epoche ormai sepolte sotto la polvere degli anni. Eppure è molto facile cadere prede...
Arredamento

Come riconoscere un mobile di radica di noce

Senza dubbio l'arredamento di una casa rispecchia la personalità della persona che ci vive. Un mobile di radica di noce non è un elemento che si sovente in un comune appartamento. Molto pregiato e raffinato, nella maggior parte dei casi è stato scelto...
Arredamento

Come riconoscere un autentico vetro antico

Riconoscere l'autenticità o meno di un oggetto, è spesso piuttosto arduo. La difficoltà indubbiamente, deriva dalla non conoscenza di piccoli ma inconfondibili fattori (esistono piccoli segni che ci consentono di individuare immediatamente se un oggetto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.