Come riconoscere i funghi commestibili

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Sulle nostre tavole appaiono molto spesso pietanze cucinate con dei comunissimi funghi, ottimi sia cotti che crudi, ad insalata o con carne e pasta. Le specie più comuni sono facilmente reperibili nei negozi di ortofrutta e nei supermercati, ma molte persone amano andare direttamente a reperirli nei boschi e nei prati, a seconda del periodo dell'anno al quale corrisponde una diversa varietà di funghi. Per non incorrere in problemi di salute che possono essere molto seri, a volte anche irreversibili, è bene essere in grado di riconoscere i funghi commestibili da quelli velenosi. Vediamo insieme come fare.

26

Occorrente

  • Cestino in vimini o canestro
  • Patentino
  • Conoscenza e consapevolezza
36

In natura esistono moltissime specie di funghi ma solo alcune sono commestibili. Nel caso delle russule, ad esempio, quasi tutte le tipologie sono commestibili, tranne una, ovvero la russula emetica dal cappello rosso intenso, che è tossica. Per questa ragione per raccogliere i funghi idonei ad essere mangiati, è opportuno seguire dei corsi specifici presso le associazioni mitologiche Italiane. Queste associazioni organizzano dei veri e propri corsi di formazione che insegnano quali sono i funghi giusti da cucina e quali bisogna assolutamente evitare, insieme alle conseguenze che porterebbe un eventuale ingerimento. Per maggior sicurezza è raccomandabile raccogliere solo ed esclusivamente le specie non a rischio che si conosce bene, e in caso di dubbio bisogna assolutamente astenersi.

46

I Porcini sono la specie più facilmente riconoscibile. Essi possiedono una polpa soda dal sapore intenso e sono caratterizzati da una pellicola spugnosa presente nella parte sottostante del cappello. I Boletus si differenziano dal tradizionale Porcino perché presentano la spugna giallognola, il gambo sottile ed il cappello meno ricurvo, a differenza del porcino che invece lo ha bombato, la spugna sottostante bianca, e il gambo più grosso e rotondeggiante; ambedue le specie sono commestibili e infatti l'unico tipo tossico della famiglia è il Boletus Satans, riconoscibile per le dimensioni notevoli e il color rossiccio del cappello che, se spezzato, si tinge di blu scuro.

Continua la lettura
56

Le Mazze di tamburo possono essere confuse con la velenosa Amanita Phaloides; bisognerà raccoglierle con cautela, verificare il colore e la presenza di vulva inferiore e le scaglie superiori, che non sempre però sono presenti. Anche l'anello può rappresentare un elemento di riconoscimento notevole. Tra le Russule alcune specie sono commestibili ed altre no ma ricordate che la loro tossicità non è letale. Munitevi di un paniere o un canestro per poter mettere i vostri funghi senza alterarne l'aspetto, e divideteli per tipologia, in quanto anche solo le spore di un fungo velenoso possono risultare letali, se dovessero contaminare quelli commestibili.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Frequentate un corso apposito per imparare le varie differenze tra le tipologie di funghi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come far maturare gli ortaggi

Se per passione coltiviamo ortaggi ed intendiamo raccoglierli un pochino prima per farli maturare, è importante sapere che richiedono un minimo di accortezza, anche se non si tratta di nulla di difficile. In questa guida tuttavia forniamo alcuni semplici...
Economia Domestica

Come raccogliere e conservare i funghi porcini

Arriva il mese di ottobre che annuncia l'apertura della caccia e l'arrivo dei funghi. La raccolta dei funghi richiede esperienza e conoscenza delle specie e del territorio per evitare avvelenamenti. Tra le varie e numerose tipologie di funghi una delle...
Economia Domestica

Come apparecchiare la tavola di Carnevale

Le festività sono momenti dell'anno molto importanti ed anche divertenti, da trascorre con i propri cari e gli amici. Una delle festività più divertenti e particolari è il Carnevale: solitamente viene festeggiato nel periodo di febbraio/marzo mascherandosi...
Economia Domestica

Come conservare le foglie di malva

La malva è una pianta piuttosto comune e conosciuta. Di probabili origini nordafricane, si diffonde prevalentemente nelle zone subtropicali. È famosa per i suoi numerosi benefici, dovuti soprattutto alla ricchezza di mucillagini. Grazie alle quali la...
Pulizia della Casa

Come pulire la crepiera

Le crêpe sono un dolce tipicamente francese, ottimo e gustoso ma anche molto facile da realizzare. Sono un ottima base per condimenti sia dolci che salati. Se volete fare una merenda sfiziosa o una cena leggera, allora le crêpes fanno al caso vostro.Per...
Economia Domestica

Come pulire le cime di rapa

Le cime di rapa sono degli ortaggi coltivati in particolare nel sud Italia e la loro parte commestibile sono le foglie, i boccioli e i fiori. Se desideri cucinare le orecchiette alle cime di rapa o qualsiasi altro piatto che contiene questo gustoso ortaggio,...
Economia Domestica

Come conservare le patate

La patata è un tubero originario dell'America, molto comune e utilizzatissimo all'interno delle nostre case. Esistono una marea di ricette che comprendono questo alimento, dalle classiche patatine fritte ai più elaborati e complicati piatti. La patata...
Economia Domestica

Come congelare le cime di rapa

Le cime di rapa sono verdure dal sapore estremamente particolare. Potete consumarne sia le foglie che i fiori. Si conoscono per la famosa ricetta delle orecchiette alle cime di rapa, piatto tipico della Puglia. Potete trovarle anche in Campania e nel...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.