Come riconoscere falsi mobili antichi del Settecento

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Saper distinguere un mobile antico autentico da una copia è una dote rara che necessita di anni di studio e un certo intuito. Nel momento in cui intendi acquistare un mobile d'antiquariato rivolgi al rivenditore domande precise sull'epoca di costruzione del mobile, chiedigli inoltre che tipi di restauri ha subito e la percentuale degli interventi: ricorda che un buon pezzo non deve avere più del 33% di parti sostituite. In questa guida ti spiego come riconoscere falsi mobili antichi del settecento.

25

Occorrente

  • Spirito di osservazione e attenzione ai dettagli.
35

Per prima cosa è importante saper riconoscere e distinguere le varie essenze del legno: ognuna ha un particolare colore, peso, consistenza, venatura e se non si riscontrano le caratteristiche proprie di un'essenza è lecito dubitare dell'autenticità di un mobile. Presta molta attenzione alla patina, cioè quella particolare colorazione che il mobile assume nel tempo per la combinazione di cere e oliature: in genere un mobile antico non possiede una patina uniforme ma presenta zone più chiare, perché più esposte all'usura, ed altre più scure, perché più nascoste e interne.

45

Ad esempio dovresti sempre controllare i cassetti di un mobile che intendi comprare e osservare anche la serratura e le maniglie nonchè la presenza o meno di viti. Chiodi e viti sono spesso sinonimo di autenticità perché fino alla fine del 1700 la loro fabbricazione avveniva a mano e quindi si presentano asimmetrici e uno diverso dall'altro. Resta in guardia nel momento in cui osservi una superficie eccessivamente rovinata: i falsificatori spesso esagerano danneggiando intenzionalmente i mobili con sassolini e catene proprio per farli sembrare più vecchi e consunti. Una cosa a cui prestare molta attenzione è la presenza o meno di forellini provocati dai tarli: un mobile antico è disseminato di forellini soprattutto nelle parti nascoste (zampe, modanature, intarsi fasce laterali dei cassetti e fondi). Spesso i fori vengono stuccati in fase di restauro ma dalla direzione del reticolo di gallerie è possibile capire se i fori sono stati provocati naturalmente dai tarli o meccanicamente da un falsario.

Continua la lettura
55

Anche le proporzioni di un mobile sono importanti per valutare l'autenticità di un pezzo d'antiquariato: spesso un falso è dato dal fatto che le sue dimensioni non corrispondono alle reali caratteristiche delle sue funzioni. Osserva poi con estrema cura i piedi di un mobile: il loro stile è una traccia fondamentale per datare un mobile, ad esempio il piede a cipolla, tipico del '600, è tozzo e grande e si differenzia da quello dell'800 che è più piccolo e tornito o di quello del'700 che è più ovoidale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arredamento

Come Riconoscere I Mobili Antichi Autentici In Stile Adam

Gli elementi che compongono l'arredamento di un appartamento deve necessariamente avere una certa coerenza stilistica. Infatti esistono diverse tipologie e stili di arredamento che possiamo utilizzare per dare un certo stile agli ambienti della nostra...
Arredamento

Come Riconoscere I Mobili Antichi Neoclassici

Lo stile neoclassico nacque tra il 1770 e il 1800, dopo gli scavi di Ercolano e Pompei. Le influenze maggiori furono quelle francesi, prima lo stile Luigi XVI e successivamente lo stile Impero. I centri di maggiore sviluppo si concentrarono in Piemonte...
Arredamento

Come arredare una casa con mobili antichi

I mobili antichi hanno sempre avuto un fascino particolare, perché rispecchiano il gusto e lo stile di altre epoche. I mobili antichi sono unici e rari, vere e proprie opere d'arte e gli amatori di questi mobili li acquistano sempre per poter essere...
Arredamento

Come valorizzare i mobili antichi

I mobili antichi devono il loro valore all'età, alla rarità, alla condizione, all'utilità o ad altre caratteristiche rendono un pezzo d'arredo desiderabile come oggetto da collezione, e quindi definito "antico". Questi mobili possono essere dei prodotti...
Arredamento

Come Riconoscere Mobili In Stile Barocchetto O Rococò

Il rococò è uno stilo di ornamento che è nato e si è sviluppato principalmente nella Francia della prima metà del diciottesimo secolo. È da molti considerato un'evoluzione del cosiddetto tardo-barocco. Il Rococò si distingue da altri stili per...
Arredamento

Come Riconoscere E Scegliere I Mobili In Stile Vittoriano

Il stile vittoriano è cosi definito poiché nato all'epoca in cui regnava la Regina Vittoria, e si articola su mobili di legno lineari, di un colore tendenzialmente scuro ed in particolare con una finitura in radica pregiata come ad esempio di mogano...
Arredamento

Come Riconoscere I Mobili In Stile Restaurazione Inglese

L'epoca della restaurazione in generale, è una di quelle epoche che per anni non è stata presa in considerazione. Lo stile che quest'epoca ha da sempre offerto ai mobili, è stata ritenuta infatti da sempre sin troppo pesante. I mobili restaurati non...
Arredamento

Come Riconoscere E Ambientare I Mobili In Stile Luigi Xv

Il regno di Luigi XV è ben diverso del precedente, meno maestoso, meno cortigiano e formale, reinventa Versailles, dove per anni, sotto la reggenza la corte non aveva più vissuto. Questo con il periodo del trionfo rococò, il classicismo dalle linee...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.