Come riconoscere ed eliminare i tarli del legno

Tramite: O2O 29/08/2020
Difficoltà: facile
18

Introduzione

Chi non ha mai sentito parlare dei tarli, se non altro per il cosiddetto "tarlo in testa". Questo antico detto ben rappresenta la vita e l'opera di questo piccolo insetto che passa gran parte della propria esistenza all'interno del legno. Il tarlo è piccolo ma lavora sodo e in maniera ininterrotta, scavando vere e proprie gallerie all'interno del legno. Il suo scopo non è certo quello di indebolire la struttura e la stabilità dei nostri amati mobili, ma quello di procurarsi i nutrienti essenziali per la sua sopravvivenza, crescita e riproduzione. Questi nutrienti li ricava proprio dal legno. Certo, un conto è che i nostri "amici" tarli divorino un albero in un bosco, un altro conto è se il loro pasto diventano le travi del soffitto del nostro soggiorno oppure il mobile antico della nostra amata nonna. Ecco nascere, allora, l'esigenza di dover eliminare al più presto questi fastidiosi e pericolosi animaletti. Pertanto, vi proponiamo una piccola e rapida guida su come riconoscere la loro presenza e liberarsene una volta e per sempre!

28

Occorrente

  • sacchetto di plastica
  • freezer
  • prodotti a base di permetrina
  • guanti protettivi
  • siringa (o cannula)
  • cera d'api
  • prodotti preventivi per legno laccato
  • pennello
38

Riconoscere gli insetti

I tarli sono essenzialmente di tre tipi: gli anobidi, i lictidi e i cerambicidi. Sapere i loro nomi certo non ci aiuta ad eliminarli, ma ci farà apparire sicuramente più colti durante una conversazione al bar o con le amiche! In ogni caso, è bene sapere che la differenza essenziale tra queste tre tipologie consta tutta nelle dimensioni. I primi, infatti, sono piccolini, mentre gli ultimi decisamente più grandi. Va da sé che "insetto piccolo, buco piccolo", mentre per gli ultimi i fori saranno decisamente più grandi. Se, quindi, non riuscite a vedere perfettamente ad occhio nudo i forellini lasciati dai tarli più piccoli, magari perché il vostro legno è molto scuro oppure rugoso, esistono altri modi per accorgersi della loro presenza. La prima è la "polverina" che creano nel rosicchiare il legno. Nel caso di legno posto in alto (come le travi del soffitto) oppure nei mobili, sarà abbastanza facile accorgersi di questi piccoli cumuli di polvere legnosa addensati esattamente sotto ogni buchino. Le larve, infatti, si nutrono della cellulosa contenuta nel legno, pertanto, tutto ciò che resta è da scartare, quindi la gettano via. Una volta cresciuta, la larva si trasforma in una farfallina che lascerà il legno attraverso i fori che vediamo, non prima però di aver deposto altre uova all'interno del nostro legno. Ecco, allora, che da un semplice tarlo si passa ad una vera e propria infestazione. Se, invece, i fori non sono ancora evidenti, proviamo ad ascoltare, in silenzio, il rumore del loro rosicchiare. Agitiamo, se possibile, il legno e vediamo se in questo modo un po' di polverina fuoriuscirà da qualche foro nascosto: prima o poi, almeno un forellino riusciremo a trovarlo. Ora che abbiamo individuato la causa di tutti quegli scricchiolii e della segatura sul pavimento, possiamo andare a vedere come sbarazzarci dei tarli.

48

Congelare le larve

Se il legno infestato non ci appare già così devastato, possiamo pensare di intervenire. In caso di mobili, si può tentare il ricorso a rimedi fai da te, mentre se l'infestazione dovesse riguardare travi del soffitto, pavimento o altre parti strutturali della casa, sarà bene affidarsi a professionisti che sapranno intervenire in modo rapido ed efficace, sebbene il costo sarà sicuramente molto più alto di uno spray acquistato al negozio sotto casa. Le tecniche utilizzate dalle ditte specializzate, infatti, prevedono l'utilizzo di apparecchiature che, a seconda dei casi, andranno ad innalzare la temperatura del legno oppure a sostituire l'aria con l'anidride carbonica (ovviamente all'interno di palloni in pvc appositamente studiati in cui immettere gli oggetti in legno infestati). Nel caso di piccoli oggetti, invece, possiamo tentare di eliminare i tarli "congelandoli". Inseriamo l'oggetto di legno in un sacchetto di plastica e mettiamolo in freezer per almeno 72 ore. I tarli, anzi le larve, non potranno sopravvivere a tali temperature e quindi moriranno.

Continua la lettura
58

Eliminare i tarli

Se l'oggetto infestato è di dimensioni maggiori e non è possibile, quindi, inserirlo nel congelatore, possiamo provare ad uccidere le larve con dei prodotti chimici, in vendita nei ferramenta e nei negozi di bricolage, a base di Permetrina. Tale agente, che ha anche una funzione fungicida, potrà essere applicato con un pennello oppure a spruzzo, ma anche ad iniezione. In quest'ultimo caso, infatti, ci ritroveremo tra le mani una bomboletta (di norma spray) con una sottile cannula che andrà infilata nei buchini esterni (i cosiddetti "fori di sfarfallamento", ossia quelli attraverso i quali la larva adulta trasformata in farfallina lascia il legno) per poi agire rilasciando il prodotto all'interno. L'operazione dovrebbe essere ripetuta per ogni forellino visibile, in modo da cercare di eliminare ogni traccia delle larve contenute, anche nei meandri più interni del legno. In caso il prodotto acquistato non fosse una bomboletta con cannula, potrete utilizzare una banale siringa per iniettare il prodotto nei fori, oppure procedere con un pennello su tutta la superficie, insistendo maggiormente sui fori in modo che parte del prodotto penetri all'interno.

68

Prevenire le infestazioni

Per prevenire, invece, l'infestazione da tarli o evitare che il legno si reinfetti, si può procedere all'utilizzo di prodotti odiati dai tarli, e spesso anche da molti altri funghi ed insetti. La cera d'api, per esempio, è un ottimo impregnante per il legno naturale, adatto al suo mantenimento in salute, oltre a rendere il colore più brillante e a proteggerlo da urti e graffi, e ha anche ottime qualità idrorepellenti. Tuttavia, non potrete utilizzarla su mobili laccati o smaltati. In tal caso, dovrete utilizzare prodotti specifici che potrete acquistare direttamente nei negozi di bricolage più forniti o anche online. Seguite sempre attentamente le istruzioni dei prodotti che andrete ad utilizzare e preferite quelli di tipo naturale ad agenti chimici troppo aggressivi.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Quando utilizzate prodotti chimici per la disinfestazione, assicuratevi di indossare guanti protettivi ed evitate assolutamente il contatto con gli occhi.
  • Non provate ad eliminare i tarli con metodi pericolosi come petrolio o bombolette fumiganti.
  • Per agire con le microonde, rivolgetevi a professionisti ed evitate categoricamente di smontare il vostro microonde o di inserire al suo interno gli oggetti infestati.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come combattere i tarli con metodi naturali

Il legno soprattutto se parliamo di mobili d'epoca pregiati, è da tenere costantemente sotto osservazione. Uno degli inconvenienti a cui può andare incontro questo materiale, è quello di essere attaccato dai tarli, che possono divorarne un enorme quantitativo...
Pulizia della Casa

Tarme e tarli dei mobili: 10 rimedi naturali

Una delle difficoltà più comuni nella conservazione e cura dei mobili in legno, o di ciò che è conservato nel loro interno, è la prevenzione da un'infestazione di tarli e tarme, che costituiscono un vero pericolo se non eliminati tempestivamente....
Pulizia della Casa

Come eliminare le macchie di umidità dal legno

Il legno è un materiale bello ma abbastanza delicato con cui vengono realizzati mobili, tavoli ed infissi di vario genere. Il grande nemico è tuttavia l'acqua; infatti, se in un ambiente domestico è presente un alto tasso di umidità, il materiale...
Pulizia della Casa

Come eliminare le macchie dai mobili in legno

Il legno è sempre stato un materiale molto apprezzato per le sue particolari caratteristiche e si utilizza in svariate applicazioni: costruzione di case e di utensili, ma soprattutto per i mobili. Questi ultimi che abbiamo nelle nostre case sono tuttavia...
Pulizia della Casa

Come eliminare la muffa dalle recinzioni di legno

La meravigliosa serenità regalata da un paesaggio bucolico, è da sempre fonte d'ispirazione per pittori e poeti! Il verde dei pascoli, le chiazze variopinte dei fiori e una staccionata sono gli ingredienti indispensabili per dare vita ad un paesaggio...
Pulizia della Casa

Come pulire i mobili in legno con l'olio di limone

I mobili in legno rappresentano l'arredamento per eccellenza. Il legno, infatti, oltre ad essere un materiale molto resistente, dona alla casa un tocco di eleganza che i mobili in altri materili difficilmente danno. Purtroppo, uno dei difetti dell'arredamento...
Pulizia della Casa

Cinque modi per pulire il legno

Il legno è un materiale che per sua natura attira la polvere con sorprendente facilità. È purtroppo sufficiente, infatti, lasciare passare un giorno senza spolverare i mobili per vedere una patina formarsi in superficie. Inoltre il legno teme molto...
Pulizia della Casa

Come nascondere i graffi sul legno

Il legno è un materiale naturale dal fascino intramontabile ma è soggetto ad usura, se non viene eseguita una corretta manutenzione. Anziché rivolgersi ad un restauratore professionista, è possibile provare alcune delle tecniche di fai da te: esistono...