Come Riconoscere E Ambientare I Mobili In Stile Luigi Xv

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Il regno di Luigi XV è ben diverso del precedente, meno maestoso, meno cortigiano e formale, reinventa Versailles, dove per anni, sotto la reggenza la corte non aveva più vissuto. Questo con il periodo del trionfo rococò, il classicismo dalle linee simmetriche e pesanti, viene dimenticato, ed i mobili diventano più piccoli snelli e leggeri, riempiendo gli ambienti con molteplici forme. Se seguirete questa guida vi insegnerò come riconoscere e ambientare mobili in Stile Luigi XV.

24

Ci sono delle caratteristiche specifiche perché tu possa subito riconoscere mobili di questo stile. I legni usati per i mobili in Stile Luigi XV sono, per quanto riguarda la struttura: Il rovere, il pioppo e l'abete mentre, per quanto riguarda le laccature e i rivestimenti: il mogano, il palissandro e l'amaranto. Divani e poltrone sono ricoperti con tessuti genovesi o con tessuti prodotti delle arazzerie reali di Gobelins Savonnerie. Il mobile più lussuoso e rappresentativo dello Stile Luigi XV è senz'altro il cassettone, dal fronte e dai fianchi bombati, e dalle gambe dalla tipica forma ad S, decorato con intarsi a motivi floreali, oppure laccato con motivi orientali. Le sedie, le poltrone e i divani sono realizzati con legni nazionali come il tiglio, il noce, il faggio e la quercia, e presentano una struttura sinuosa e proporzioni armoniche.

34

Le frammentazioni degli appartamenti in piccole stanze, destinate ad usi diversi, non vede solo lo sviluppo di sedie differenti, ma anche di tavoli e console con gambe curve slanciate, lastronature di legni esotici e bronzi dorati. Oltre al bureau-plat, una scrivania con tre cassetti nella fascia, inizia ad imporsi anche il Bonheur du jour, un mobile per donne usato sia per scrivere che per fare la toeletta. Infine per quanto riguarda i letti continua il successo del letto a baldacchino, con testate addossate alla parete. Ma nonostante esso sia il simbolo dello stile Luigi XV ricordiamo anche i letti più piccoli.

Continua la lettura
44

Uscire un po dagli schemi, e mescolare diversi generi, serve a creare uno stile personale esteticamente unico e consono alle esigenze abitative di chi lo crea. In altre parole in uno studio moderno, una camera da letto classica o in un ingresso completamente moderno, possiamo creare il nostro cocktail stilistico, accostando un mobile in Stile Luigi XV, ad un arredo di stile diverso. I mobili e gli accessori più facilmente collocabili in questo contesto sono: i divani, le poltroncine, cassettiere, consolle, comò e comodini. Un piccolo divanetto Stile Luigi XV ben si sposa ad un arredamento moderno o classico, adattissimo per poggiare borse e quant'altro magari in un ingresso, utile per accogliere un ospite. Allo stesso modo mettere cassettiere e consolle sia in camera che in un ingresso..

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arredamento

Come Riconoscere Mobili In Stile Luigi Tredicesimo

Luigi tredicesimo di Borbone, denominato anche "il Giusto", fu re di Francia e di Navarra dal 1610 al 1643, anno della sua morte. Oltre ad essere un importante personaggio storico e a far parte del celebre romanzo di Alexandre Dumas "I tre moschettieri"...
Arredamento

Come arredare casa in stile Luigi XV

Una volta che si decide di acquistare un immobile, il compito successivo, che assorbe almeno pari risorse psicologiche in quanto a ricerca e valutazioni personali, è l'arredamento. In base all'immobile scelto si possono fare diverse valutazioni, che...
Arredamento

Come riconoscere un mobile antico in stile Luigi XVI

Esistono diversi stili di mobili che hanno caratterizzato la storia. Per riconoscere un oggetto d'antiquariato e acquistare conseguentemente i complementi di arredo di proprio gusto, è necessario sicuramente seguire alcune piccole e utili indicazioni...
Arredamento

Come Ambientare Poltrone E Divani In Stile Luigi Xvi

Stile, parola che definisce la scelta di elementi che messi assieme danno forma ed eleganza a un arredamento. In questa piccola guida vedremo come ambientare poltrone e divani in stile Luigi XVI, forma che si è sempre contraddistinta per le linee diritte...
Arredamento

Come ambientare i mobili in stile Barocco spagnolo

Se abbiamo una casa, in cui intendiamo impostare un design di arredo con una tipologia rustica e nel contempo antico, non c'è niente di meglio che optare per lo stile Barocco. In riferimento a ciò, nei passi successivi, troviamo una guida con alcuni...
Arredamento

Come Scegliere E Ambientare I Mobili In Stile Coloniale Americano

Con lo stile coloniale si intendono gli stili utilizzati dalle popolazioni europee che hanno colonizzato determinate aree, tra queste vi è l'America. Come stile, è il più conosciuto e scelto insieme a quello orientale o africano. Lo stile coloniale...
Arredamento

Come Riconoscere Mobili In Stile Barocchetto O Rococò

Il rococò è uno stilo di ornamento che è nato e si è sviluppato principalmente nella Francia della prima metà del diciottesimo secolo. È da molti considerato un'evoluzione del cosiddetto tardo-barocco. Il Rococò si distingue da altri stili per...
Arredamento

Come Riconoscere E Scegliere I Mobili In Stile Vittoriano

Il stile vittoriano è cosi definito poiché nato all'epoca in cui regnava la Regina Vittoria, e si articola su mobili di legno lineari, di un colore tendenzialmente scuro ed in particolare con una finitura in radica pregiata come ad esempio di mogano...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.