Come riciclare una lampadina vecchia

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Quando le lampadine si fulminano la prima cosa che si pensa di fare è quella di gettarle nel contenitore dell’indifferenziato. A volte però si può anche decidere di riciclare queste lampadine che sembrano oramai inutilizzabili trasformandole in diversi oggetti da utilizzare in un altro modo. Per eseguire questo lavoro non occorre avere abbastanza manualità, basta un po' di pazienza e tanta fantasia. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli e delle corrette indicazioni su come è possibile riciclare una vecchia lampadina.

25

Occorrente

  • lampadine vecchie
  • colla a caldo
  • pinza
  • cacciavite
  • polveri brillanti
  • colla
  • spezie e olio
  • vite
  • trapano
  • filo filato
  • fiori
  • seghetto
35

Creare dei porta spezie

Le vecchie lampadine si possono trasformare in porta spezie. Per fare ciò basta rimuovere i conduttori elettrici che non servono più a nulla. Bisogna svitare la parte inferiore del bulbo ed eliminare la resistenza utilizzando una pinza. È opportuno prestare attenzione quando si esegue questo lavoro in quanto si corre il rischio di ferirsi per cui è consigliabile l'uso di guanti. A questo punto bisogna sciacquare accuratamente la parte che resta ed asciugarla con uno strofinaccio. Ora si devono inserire all'interno le spezie che più si utilizzano, ad esempio il rosmarino, il pepe ed il peperoncino. Per creare delle chiusure si possono adoperare dei semplicissimi tappi di sughero.

45

Realizzare dei porta aceto o porta olio

Come copertura è possibile utilizzare un vecchio tappo di plastica. In questo caso bisogna realizzare dei piccoli fori con le forbici per far cadere le spezie attraverso questi forellini. In alternativa si possono trasformare le vecchie lampadine in semplici porta olio oppure porta aceto, sempre seguendo lo stesso procedimento. Inoltre, con le lampadine che sono fulminate si può dar vita anche a degli splendidi ed originalissimi portafiori.

Continua la lettura
55

Realizzare dei portafiori

Anche se si vogliono realizzare dei portafiori bisogna eliminare la resistenza interna. Per eseguire questa operazione si deve tagliare, utilizzando un seghetto, un po' del bulbo e poi si estrae la resistenza con un cacciavite. Successivamente si deve riempire la lampadina con dell’acqua e si inseriscono al suo interno i fiori che si preferiscono. Questi ultimi devono avere il gambo non troppo lungo per farli rimanere sempre ben dritti. In aggiunta, per mantenere in piedi questo nuovo portafiori, si può decidere di attaccare alla base un tappino di feltro. In alternativa è possibile realizzare anche dei bellissimi portafiori che restano sospesi in aria utilizzando alcune cordicelle da attaccare al bulbo delle lampadine.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come rendere meno luminosa la lampadina

Da quando è stata inventata la lampadina è cambiata nella forma e nel contenuto tantissime volte. Grandi o piccole, trasparenti o opache, incolori o piene di colori, le lampadine sono indispensabili in qualsiasi casa. Spesso la luce delle lampadine...
Economia Domestica

Come riciclare una lavatrice

Oggi si parla spesso di riciclo; chi pratica questa attività ha un risparmio e allo steso tempo un guadagno economico, ma anche la collettività ne ha giovamento. Riciclare è fondamentale in quanto fornisce l’opportunità alle persone di sviluppare...
Economia Domestica

Come riciclare il cartone della pizza

Al giorno d'oggi, in quasi tutti i comuni d'Italia, viene praticata la raccolta differenziata. Chiaramente, oltre ad aiutare a diminuire l'inquinamento globale, questo sistema può risultare davvero utile anche in casa. Spesso, infatti, grazie alla raccolta...
Economia Domestica

Come riciclare le porte vecchie

È risaputo che negli ultimi tempi va prendendo sempre più piede l'arte del riciclo creativo. Oggetti che non usiamo più o che avevamo accantonato, possono così ritornare utili e dare vita ad altri oggetti altrettanto funzionali. In questa maniera...
Economia Domestica

Come riciclare le persiane delle finestre

Sia in campagna che in città, le persiane tengono ancora testa ai vari “sistemi di oscuramento”, realizzati con materiali quali alluminio, plastica e simili. E nonostante l'immissione sul mercato di materiali difficilmente biodegradabili come quelli...
Economia Domestica

Come riciclare le caramelle

Ogni giorno ci capita di buttare via moltissimi oggetti e cibi di ogni tipo, producendo una gran quantità di rifiuti. Tutto questo potrebbe essere evitato semplicemente imparando a riciclare o riutilizzare i vari oggetti anziché gettarli. Su internet...
Economia Domestica

Riciclare le scarpe vecchie

Spesso ci si ritrova ad avere almeno un paio di scarpe che non si indossano più ormai da anni, ma che non si riescono a gettare via per vari motivi, dagli stivali alle ballerine. È tuttavia possibile regalare loro una seconda vita, trasformandole in...
Economia Domestica

5 modi per riciclare un vecchio reggiseno

Se state pensando di mettere ordine negli armadi e di disfarvi dei reggiseni lisi o non più indossati che giacciono dimenticati in fondo ai cassetti e che costituiscono ormai un inutile ingombro, sarete lieti di sapere che tale capo di lingerie si presta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.