Come riciclare una lampadina vecchia

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Quando le lampadine si fulminano la prima cosa che si pensa di fare è quella di gettarle nel contenitore dell’indifferenziato. A volte però si può anche decidere di riciclare queste lampadine che sembrano oramai inutilizzabili trasformandole in diversi oggetti da utilizzare in un altro modo. Per eseguire questo lavoro non occorre avere abbastanza manualità, basta un po' di pazienza e tanta fantasia. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli e delle corrette indicazioni su come è possibile riciclare una vecchia lampadina.

25

Occorrente

  • lampadine vecchie
  • colla a caldo
  • pinza
  • cacciavite
  • polveri brillanti
  • colla
  • spezie e olio
  • vite
  • trapano
  • filo filato
  • fiori
  • seghetto
35

Creare dei porta spezie

Le vecchie lampadine si possono trasformare in porta spezie. Per fare ciò basta rimuovere i conduttori elettrici che non servono più a nulla. Bisogna svitare la parte inferiore del bulbo ed eliminare la resistenza utilizzando una pinza. È opportuno prestare attenzione quando si esegue questo lavoro in quanto si corre il rischio di ferirsi per cui è consigliabile l'uso di guanti. A questo punto bisogna sciacquare accuratamente la parte che resta ed asciugarla con uno strofinaccio. Ora si devono inserire all'interno le spezie che più si utilizzano, ad esempio il rosmarino, il pepe ed il peperoncino. Per creare delle chiusure si possono adoperare dei semplicissimi tappi di sughero.

45

Realizzare dei porta aceto o porta olio

Come copertura è possibile utilizzare un vecchio tappo di plastica. In questo caso bisogna realizzare dei piccoli fori con le forbici per far cadere le spezie attraverso questi forellini. In alternativa si possono trasformare le vecchie lampadine in semplici porta olio oppure porta aceto, sempre seguendo lo stesso procedimento. Inoltre, con le lampadine che sono fulminate si può dar vita anche a degli splendidi ed originalissimi portafiori.

Continua la lettura
55

Realizzare dei portafiori

Anche se si vogliono realizzare dei portafiori bisogna eliminare la resistenza interna. Per eseguire questa operazione si deve tagliare, utilizzando un seghetto, un po' del bulbo e poi si estrae la resistenza con un cacciavite. Successivamente si deve riempire la lampadina con dell’acqua e si inseriscono al suo interno i fiori che si preferiscono. Questi ultimi devono avere il gambo non troppo lungo per farli rimanere sempre ben dritti. In aggiunta, per mantenere in piedi questo nuovo portafiori, si può decidere di attaccare alla base un tappino di feltro. In alternativa è possibile realizzare anche dei bellissimi portafiori che restano sospesi in aria utilizzando alcune cordicelle da attaccare al bulbo delle lampadine.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Guida all'acquisto di una lampada a led

Ultimamente il modo di illuminare le case è cambiato notevolmente specialmente per una questione di risparmio. Le tradizionali lampadine con filo di tungsteno sono quasi completamente scomparse per far posto a quelle a risparmio energetico ed a quelle...
Arredamento

Come illuminare un bagno senza finestra

Ci sarà sicuramente capitato, durante la ristrutturazione di un nostro appartamento, di voler aggiungere un altro bagno, ma nella maggior parte dei casi non è possibile realizzarlo con una finestra. Quando ci si trova in questa situazione, uno dei principali...
Economia Domestica

I vantaggi delle lampade ad alogenuri metallici

Comodità, illuminazione e risparmio energetico. È difficile conciliare questi tre fattori in una lampadina ed ottenere sempre il massimo al minimo costo. Ogni tipo di supporto ha i suoi scopi ed è per questo importante considerare alcuni fattori, quali...
Arredamento

Come illuminare la casa con i colori

Se state arredando casa da poco, sappiate che i colori sono un elemento fondamentale. La scelta dei colori è significativa. Se scegliete dei colori caldi o freddi, cambierà l'atmosfera della temperatura e potrebbe anche cambiare il vostro umore. Inoltre,...
Arredamento

Come arredare la casa con i Led

Oggi, per trasformare l’energia elettrica in energia luminosa, si hanno a disposizione essenzialmente tre metodi. Il primo, che è anche il più “antico”, utilizza le lampadine a incandescenza che, per legge, devono essere del tipo alogeno. Il secondo,...
Arredamento

Come orientarsi nell'acquisto di lampadine e paralumi

Al giorno d'oggi, bisogna tener conto che una famiglia, passa gran parte della suo tempo in comune nella stanza da soggiorno e, molto spesso, i vari membri desiderano fare cose diverse nello stesso momento. Per far fronte a ciò, il sistema di illuminazione...
Economia Domestica

Come scegliere le lampadine a led

Se abbiamo bisogno di un'illuminazione efficiente e nel contempo ottenere un sostanziale risparmio energetico, non c'è niente di meglio che optare per un impianto a luci led. Si tratta infatti di lampade di ultima generazione, che sviluppano una potenza...
Economia Domestica

Come risparmiare sull'illuminazione

Purtroppo tutti quanti almeno una volta al mese abbiamo a che fare con le fastidiosissime bollette, che dobbiamo pagare per far si che non vengano interrotti i servizi erogati. Il più delle volte la bolletta è sempre alta, perché un po' per distrazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.