Come riciclare le porte vecchie

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

È risaputo che negli ultimi tempi va prendendo sempre più piede l'arte del riciclo creativo. Oggetti che non usiamo più o che avevamo accantonato, possono così ritornare utili e dare vita ad altri oggetti altrettanto funzionali. In questa maniera salviamo l'ambente e risparmiamo anche. Continuando nella lettura di questo interessante tutorial attingeremo delle utili informazioni su come riciclare le porte vecchie.

27

Smontare la porta per produrre truciolato

Una porta può essere recuperata in svariati modi: dipende molto dallo stato di conservazione e da come si presenta. Sicuramente, se la porta è in legno ed è priva di verniciature (come quelle esterne non verniciate allo stato naturale), può essere smontata ed ottenere assi o porzioni di legname per realizzare altri mobili, previo idonei trattamenti. Se tale porta invece è in pessime condizioni, può essere sempre smontata per produrre truciolato, pellet o legna da ardere.

37

Realizzare un attaccapanni a parete

Se invece vogliamo trasformarla in un complemento di arredo, le possibilità sono molteplici. Solitamente, nelle vecchie taverne e/o agriturismi, i portoni delle vecchie stalle, possono diventare dei veri e propri rivestimenti a parete, dove magari appendere altri oggetti della cultura contadina o addirittura, con un po’ di fantasia e semplici modifiche, dei veri e propri attaccapanni a parete, dove i clienti avranno modo di appendere i propri cappotti.

Continua la lettura
47

Sagomare le porte per realizzare testiere e sponde del letto

Pensando invece alla vita quotidiana una porta vecchia, con un modesto restauro, può diventare un tavolo da picnic smontabile (applicando dei semplici cavalletti da lavoro alla base) oppure, disponendo di alcune porte, una libreria a ripiani (tagliandole a metà ed applicando tra di esse dei collegamenti lignei o metallici) o, meglio ancora, un porta foto (inserendo foto di diverse dimensioni negli spazi delle riquadrature) o uno specchio (utilizzando lo stesso principio esplicato prima). Ultimamente sono molto utilizzate. Per produrre letti in stile shabby: queste vengono sagomate per realizzare le testiere e le sponde del letto.

57

Creare una scaffalatura dove riporre le bottiglie di vino

Uniamo due porte insieme realizzando una piccola scaffalatura. Con una porta realizziamo il telaio di una scarpiera, mentre con l'altra creiamo degli scomparti dove poter riporre le scarpe. Usiamo il telaio di una porta vecchia come una pedana dove poter far scorrere oggetti pesanti. Nel caso in cui dovessero rompersi le doghe del nostro letto singolo, disponiamo la porta tra il materasso e la trabacca, in modo da ottenere un ripiano resistente sul quale poter dormire. Se siamo amanti delle cantine, realizziamo con le porte vecchie una scaffalatura dove poter esporre le nostre bottiglie di vino.

67

Guarda il video

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Riciclare le scarpe vecchie

Spesso ci si ritrova ad avere almeno un paio di scarpe che non si indossano più ormai da anni, ma che non si riescono a gettare via per vari motivi, dagli stivali alle ballerine. È tuttavia possibile regalare loro una seconda vita, trasformandole in...
Economia Domestica

Come riciclare le vecchie lenzuola

Quello del riciclo è certamente un'arte, saper riutilizzare vecchie cose e dargli nuovo lustro è qualcosa che solo in pochi sanno fare. In casa siamo pieni di vecchi oggetti di cui non sappiamo che fare, e invece di buttarli e contribuire all'inquinamento...
Economia Domestica

Come riciclare le vecchie finestre

Dare nuova vita ad una vecchia finestra non è una cosa impossibile. Il riciclo creativo delle cose che non vengono più usate, non è solamente un metodo per risparmiare, ma anche un modo per ridurre sprechi ed inquinamento. Negli ultimi anni, anche...
Economia Domestica

Consigli per la manutenzione delle porte in legno massello

Se in casa avete installato delle porte in legno massello in stile rustico, lucidate a tampone o impiallacciate, per adeguarle allo stile di arredo antico, potete eseguire dei periodici e funzionali interventi di manutenzione. Per effettuare ciò, dovete...
Economia Domestica

Come proteggere le porte dai graffi del gatto

Avere un gatto è un privilegio che molti si concedono, ma solo alcuni sono consci dell'impegno necessario ad allevarlo correttamente. I gatti, come tutti i felini, mettono in atto regolarmente comportamenti volti a soddisfare istinti o conoscenze innate:...
Economia Domestica

Come pulire le porte in vetroresina

La vetroresina risulta un'ottima scelta per le porte e altri complementi d'arredo, perché è estremamente versatile, richiede una bassissima manutenzione e riesce ad ambientarsi alla perfezione in qualsiasi tipo di arredamento, sia moderno che in arte...
Economia Domestica

Come riciclare le riviste ed i giornali

Oggi abbiamo deciso di proporre un nuovo articolo, in cui vogliamo proporre un argomento molto utile, che se utilizzato può servire a creare qualcosa di unico. Stiamo parlando del metodo del riciclaggio e nello specifico abbiamo pensato di imparare come...
Economia Domestica

Come riciclare le persiane delle finestre

Sia in campagna che in città, le persiane tengono ancora testa ai vari “sistemi di oscuramento”, realizzati con materiali quali alluminio, plastica e simili. E nonostante l'immissione sul mercato di materiali difficilmente biodegradabili come quelli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.